A me la mela.

Dialoghi sulla bellezza, chirurgia plastica e medicina estetica

Autori e curatori
Collana
Livello
Guide di autoformazione e autoaiuto
Dati
pp. 304,      1a edizione  2011   (Codice editore 1411.65)

A me la mela. Dialoghi sulla bellezza, chirurgia plastica e medicina estetica
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856837094
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856865370
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Da uno dei principali punti di riferimento in Europa per la chirurgia plastica e ricostruttiva, una serie di dialoghi con alcuni protagonisti del mondo della bellezza: a volte reali a volte immaginari, a volte seri a volte un po’ ironici. Scopo del libro è aiutare il lettore a comprendere meglio il mondo della chirurgia plastica e della medicina della bellezza.

Utili Link

leiweb.it Dialoghi sulla medicina estetica (di Nicoletta Pretto)… Vedi...
7giorni La bellezza descritta da chi "crea" la bellezza… Vedi...
Dermakos Recensione (di Lorena Origo)… Vedi...
Essere & Benessere Dialoghi sulla bellezza col chirurgo (di Cristiana Santilli)… Vedi...
Imagine Recensione (di Giuliana Valcalvi)… Vedi...
La pelle Specchio delle mie brame (di Andreas Marcopoli)… Vedi...
Bellezza in Farmacia Segnalazione… Vedi...
Intrage.it Bellezza… Vedi...

Presentazione del volume

Perché questo libro?
Sembra che nella nostra società tutti, non solo le dee, reclamino il possesso del pomo fatale della discordia, con scritto Alla più bella.
Il mito della bellezza a tutti i costi ha generato spesso confusione portando all'eccesso i modelli perseguiti.
Proprio dal desiderio di chiarimento l'autore ha incontrato alcuni protagonisti del mondo della bellezza per dialogare con loro su questo tema potendo interfacciare liberamente la sua attività con aspetti talvolta vicini, talvolta molto distanti da essa.
Sono state raccolte in questo volume non solo testimonianze delle più comuni tipologie di pazienti - la velina, il playboy, l'indecisa, il palestrato, la fifona - ma anche di professionisti - medici, architetti, sociologi, psichiatri, antropologi - che a vario titolo si occupano di bellezza ed estetica.
Sono stati creati anche dialoghi immaginari con personaggi storici o di fantasia ormai paradigmatici nel nostro immaginario collettivo. In un gioco di finzione tra il serio e il fantastico, le parole della Principessa Sissi, del Signor Spock, del Conte di Cagliostro, ma anche di Ippocrate, il primo medico della storia, aiutano l'autore a completare i suoi pensieri o a esporre i suoi dubbi, con l'obiettivo di aiutare il lettore a comprendere meglio il mondo della chirurgia plastica e della medicina della bellezza.

Nicolò Scuderi, siciliano, vive a Roma dove insegna da più di vent'anni Chirurgia plastica all'Università La Sapienza. È considerato uno dei principali punti di riferimento internazionali per la chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica. Al suo attivo migliaia di interventi chirurgici e numerose tecniche di sua ideazione nonché alcuni brevetti di strumenti e prodotti per la chirurgia plastica. Segue da molti anni progetti umanitari che lo portano a trascorrere parte del suo poco tempo libero a contatto con paesi e culture lontani. Autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche e di numerosi libri per studenti e chirurghi, tradotti anche in lingua inglese, ha scritto anche il diario-romanzo Un elogio all'imperfezione. Bellezza, perfezione, etica nelle riflessioni di un chirurgo plastico (Editori Riuniti, 2006). A me la mela, nato da una serie di incontri frutto di fantasia o avuti con pazienti e con amici più o meno famosi, vuole esserne una ideale continuazione.

Indice

Introduzione
Parte I. Valori che restano, valori che cambiano
Ippocrate di Kos, il medico ieri e oggi
Luciano Onder, giornalista
Maria Teresa Russo, antropologa
Vincenzo Ziparo, chirurgo e preside universitario
Francesca, l'entusiasta
Luisa, la fifona
Parte II. L'estetica, il fascino, la bellezza
Cleopatra, fascino senza tempo
Sergio Silvestris, creativo
Serena Grandi, attrice e scrittrice
Bryant Toth, chirurgo plastico
Angelica, la rompiscatole
Giacomo, il playboy
Parte III. Spirito e corpo, dove abita la bellezza?
Cyrano de Bergerac, sfida all'omologazione
Carlo Orsi, fotografo
Alberto Cairo, operatore umanitario
Filippo Bologna, scrittore; Claudio, il padre di famiglia
Rita e Luna, quando i sogni dei genitori ricadono sui figli
Parte IV. Il bello: antomia, armonia, artificio
Fidia, l'anatomia della bellezza
Paola Navone, architetto
Stefano Dominella, presidente maison Gattinoni
Giuseppe Di Giacomo, filosofo dell'estetica
Elide, la velina; Luca, il palestrato
Parte V. Parlare alla bellezza
Oscar Wilde, tra genio e sregolatezza
Giovanni Alei, presidente della Società Italiana di Chirurgia Genitale Maschile
Giuseppe Luongo, odontoiatra
Marc Messeguè, il guru del benessere
Un uomo, tre mogli; I coniugi
Parte VI. Bellezza e giovinezza tra desiderio e malattia
Sissi, l'ossessione per la bellezza
Massimo Cuzzolaro, psichiatria
Maria Malucelli, psicologia
Victor Tambone, sacerdote e medico
Mario, il difetto nascosto
Dismorfofobia: colpa del cervello o colpa del chirurgo?
Parte VII. Imbrogli e finzioni: il costo della bellezza
Cagliostro, il mercante di sogni
Paolo Arbarello, medico legale
Adelchi d'Ippolito, magistrato
Giorgio Rao, assicuratore
Il rovescio della medaglia (lato A - lato B)
Annamaria, un naso quasi perfetto
Parte VIII. Uno sguardo sul futuro
Mr. Spock, mens sana in corpore sano...
Cinzia Marchese, ricercatrice
Ivan Cavicchi, sociologo e filosofo della medicina
Giovanni Scapagnini, biochimica dell'uomo
Marina, l'indecisa; Eleonora, la futura sposa
Parte IX. Fine del viaggio
Un dialogo per concludere: franca Sozzani, direttore di Vogue Italia
A chi la mela d'oro?.