Un piano d'azione per la ricerca qualitativa

Epistemologia della complessità e Grounded Theory costruttivista

Autori e curatori
Contributi
Marco Catarci, Alberto Quagliata
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 178,      1a edizione  2019   (Codice editore 1115.35)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Un piano d'azione per la ricerca qualitativa. Epistemologia della complessità e Grounded Theory costruttivista
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891787750

In breve

Il volume si pone come una possibile guida euristica e flessibile per quanti decidano di svolgere una ricerca qualitativa nell’ambito delle scienze umane utilizzando la metodologia della Grounded Theory Costruttivista. Indicando una cornice epistemologica di riferimento e suggerendo una metodologia coerente con questa cornice teorica e con il campo di indagine, il testo intende guidare gentilmente il lettore nel percorso di costruzione della propria ricerca.

Presentazione del volume

Questo testo nasce come una possibile guida euristica e flessibile per coloro i quali decidano di svolgere una ricerca qualitativa nell'ambito delle scienze umane utilizzando la metodologia della Grounded Theory costruttivista (Charmaz, 2014).
Indicando una cornice epistemologica di riferimento e suggerendo una metodologia coerente con essa e con il campo di indagine, si propone di guidare gentilmente il lettore nel percorso di costruzione della propria ricerca. La scelta qualitativa è una scelta etica, mai come ora necessaria nel nostro tempo di disordine del pensiero e della prassi della convivenza umana.
Riflettere anche sulle conseguenze operative di un lavoro di ricerca, oltre che su quelle epistemologiche, porta a espandere le proprie lenti interpretative; emerge la fiducia che dal disordine può nascere l'ordine, si amplifica l'assunzione di responsabilità per il processo in atto: il ricercatore, abbandonando il mito del controllo, impara ad "accontentarsi" di un sapere provvisorio e a non pretendere di "capire tutto".
In una CGT il focus è sulla co-costruzione dei significati, sul processo stesso di co-costruzione condivisa della conoscenza e, in conclusione, sull'invenzione della teoria emergente da parte del ricercatore e dei soggetti di studio.
Il testo presenta, nell'introduzione, le riflessioni che sono alla base della scelta qualitativa proposta; analizza poi, nella prima parte, alcune basi epistemologiche che possono sostenere un lavoro di ricerca qualitativo e, nella seconda parte, le caratteristiche della metodologia di ricerca Grounded Theory a indirizzo costruttivista; le conclusioni esplicitano come l'attitudine etica contribuisca a delineare un piano d'azione per la giustizia sociale in educazione.

Lavinia Bianchi insegna Pedagogia interculturale nel Dipartimento di Educazione e Scienze Umane dell'Università di Modena e Reggio Emilia. È dottore di ricerca in Ricerca educativa e sociale e dal 2011 si occupa di formazione, accoglienza, progettazione educativa, antirazzismo, studi post coloniali e pensiero della complessità. È coordinatore responsabile di comunità educative per minori straniere vittime di tratta e madri con bambini a Latina. Per i tipi di Roma Tre Press, nel 2019 ha pubblicato Imparando a stare nel disordine. Una teoria fondata per l'accoglienza socio-educativa dei minori stranieri in Italia.

Indice

Marco Catarci, Prefazione
Introduzione
(Perché la scelta qualitativa?; Quale metodologia per quale epistemologia?; Note per il lettore)
Parte I. Un paesaggio epistemologico per la ricerca qualitativa
Filtri interculturali nella teoria della complessità
(Gregory Bateson, un riferimento per gli studi interculturali; Edgar Morin, un riferimento per il pensiero complesso)
I paradigmi postcoloniali
(Identità rizomatiche e assenze, colonizzazione e razzismo: Glissant, Sayad, Fanon; Elogio del margine: bell hooks, vulnerabilità e nuove resistenze)
Parte II. Una cornice metodologica per la ricerca qualitativa
Il pensiero scientifico in trasformazione: dalla scuola di Chicago alla Grounded Theory
(La conoscenza qualitativa: verso la Grounded Theory; Il pensiero scientifico in trasformazione)
Gli elementi innovativi della Grounded Theory
(La teoria fondata sui dati di Glaser e Strauss; Alcune caratteristiche distintive della GT; Il campionamento teorico; Le annotazioni teoriche)
La Grounded Theory Costruttivista di Kathy Charmaz
(Dati o presi? All could be capta; Constructive Grounded Theory; Analogie abduttive e serendipity; Memoing: stop and write!; Scrivere e riscrivere: rigore e immaginazione)
Riflessioni conclusive: l'attitudine etica per una teoria dell'azione
(L'attitudine etica del ricercatore CGT; Un piano d'azione per la giustizia sociale in educazione)
Alberto Quagliata, Postfazione
(Il tempo che ci vuole)
Bibliografia
Appendice
(Le interviste intensive; Core categories e proprietà; Una teoria sostantiva nell'accoglienza per i Msna: imparando a stare nel disordine).