Il carcere: una città invisibile

Lo sguardo degli operatori volontari

Contributi
Cesarina Ferruzzi, Cosimo Sarnataro
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 142,      1a edizione  2020   (Codice editore 1168.2.16)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Il carcere: una città invisibile Lo sguardo degli operatori volontari
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Un libro come bussola per indicare possibili rotte agli operatori volontari e a quanti lavorano a progetti educativi in carcere, proponendo strategie da adottare nell’ideazione e nella pratica pedagogica. Testimonianze di pratiche di mediazione, scrittura terapeutica, racconti collettivi di storie di vita, scritti di persone detenute e altre narrazioni vengono raccontate attraverso lo sguardo del volontario, cioè di chi cerca di fare da ponte tra mondi incommensurabili.

Presentazione del volume

Un libro come bussola per indicare possibili rotte agli operatori volontari e a quanti lavorano a progetti educativi in carcere, proponendo strategie da adottare nell'ideazione e nella pratica pedagogica. Testimonianze di pratiche di mediazione, scrittura terapeutica, racconti collettivi di storie di vita, scritti di persone detenute e altre narrazioni vengono raccontate attraverso lo sguardo del volontario, cioè di chi cerca di fare da ponte tra mondi incommensurabili.
Il testo intende mettere a fuoco la metodologia e il senso profondo delle varie esperienze maturate in carcere nell'arco di dieci anni, dando la parola ai protagonisti, donne e uomini, di vite difficili, con lo scopo di fare scoprire alla società civile un mondo di emozioni dove luce e ombra si toccano e dove il dolore nutre la volontà di riscatto.
In particolare, il libro intende contribuire all'idea che il carcere non sia una città invisibile, richiamandosi al romanzo di Calvino Le città invisibili, ma possa diventare un luogo dove trovare il modo e lo spazio per rinnovarsi, cambiare, progettare il futuro, all'insegna di un umanesimo e di una giustizia come motori di uguaglianza sociale.

Simon Pietro De Domenico è dal 2010 operatore volontario in carcere, dove ha coordinato progetti di scrittura e mediazione. Scrive testi per il teatro e la televisione. È direttore organizzativo del Teatro Delfino di Milano e tra i fondatori de il Mecenate, realtà di produzione teatrale.

Azalen Maria Tomaselli è psicoterapeuta e membro dell'Accademia delle Tecniche Conversazionali di Giampaolo Lai. È formatrice di mediazione penale e familiare presso il CIMFM di Bologna. Coordina progetti rieducativi in carcere. Ha pubblicato: Amore e tradimento, (Aracne, 2018); Liturgia dell'ira. Dalla tragedia alla mediazione dei conflitti (FrancoAngeli, 2019).

Indice

Cosimo Sarnataro, Prefazione
Introduzione
Il ruolo dell'operatore volontario in carcere
(Il volontario questo sconosciuto; Il contesto penitenziario; Una strada in salita; Gli obiettivi del volontariato penitenziario; Quali strategie e quali strumenti per un'azione efficace?)
Percorso di autoconsapevolezza: il doppio e la maschera
(Quale mappa per il territorio interiore?; Il binomio colpa-punizione; La maschera; Le buone pratiche)
Percorso di autoconsapevolezza: il disimpegno morale, il senso di colpa, la vergogna
(Chi è l'altro?; Otto meccanismi di disimpegno morale; La vergogna; L'anello di Gige)
Percorso di autoconsapevolezza: la metafora del Kintsugi
(Cos'è il Kintsugi?; Kintsugi in carcere)
Strategie di conduzione di un gruppo
(La metodologia; I cerchi di parola; Il blasone familiare; L'oggetto mediatore; La margherita; Il museo dei valori)
Il rimedio di mediare
(Il progetto Il rimedio di mediare: coordinate generali; Mediazione e diritto: due volti della giustizia; Motivazioni e obiettivi del progetto; Il contesto; La struttura degli incontri; Il linguaggio giraffa e il linguaggio sciacallo; I giochi di ruolo)
Donne detenute
(La città più invisibile; L'amore nella città più invisibile; Il progetto Storie; Il progetto Parole in libertà)
L'esperienza con i protetti: aprire il carcere
(Il carcere nel carcere; Sex offender; Transgender; Libroforum)
Scrittura terapeutica
(Il corso di scrittura terapeutica; Il metodo Scarpante; Come si svolgono gli incontri)
Conclusioni
Cesarina Ferruzzi, Postfazione
Bibliografia.




  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura

    Pubblicazioni in Open Access


    Pubblicità