Gli italiani ci sono, a quando l'Italia?

Autori e curatori
Contributi
Percy Allum, Arnaldo Bagnasco, Pasquale Baldocci, Carlos Barbé, Sergio Bartole, Vaclav Belohradsky, Igor Bestuzhev-Lada, Gianfranco Bettin, Francesco Cassano, Hassan Johan Dalafi, Franco Ferrarotti, Johan Galtung, Elie Kallas, Edward N. Luttwak, Dennis Mack Smith, Antonio Martelli, Yves Meny, Savino Onelli, Bernard Poche, Fausto Rotelli, Gian Enrico Rusconi, Frank Snowden, Raimondo Strassoldo, Daniele Ungaro
Collana
Livello
Dati
pp. 272,   figg. 4,     1a edizione  2000   (Codice editore 575.3)

Gli italiani ci sono, a quando l'Italia?
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846423375

Presentazione del volume

Cosa succede se proviamo a rovesciare la frase di Massimo D'Azeglio, frase trovata, fin da quando qualcuno ci ha parlato di Italia, scolpita sui frontoni più in vista dei simboli dell'unità nazionale? E se assumiamo questa come titolo del numero di Futuribili: "Gli italiani ci sono, a quando l'Italia"?

La scatola delle frasi celebri ne contiene anche una di circa cinquant'anni prima, detta da Metternich nel corso di un'intervista rilasciata alla Storia, corrispondente speciale del quotidiano La Fama . Essa suona più o meno così: "L'Italia è semplicemente un'espressione geografica", con l'implicita assunzione che esistessero tanti italiani regionali, le cui élites parlavano due lingue straniere, quella italiana e quella della cultura dominante in Europa.

Il numero di Futuribili si muove nell'ambito di queste negazioni e di questi progetti per il futuro. Esso comincia con la proposizione di domande sull'Italia e sugli italiani fatte a non italiani che conoscono bene Italia e italiani: inglesi, francesi, americani, libanesi, cechi, russi, iraniani, norvegesi. A queste opinioni abbiamo voluto aggiungerne altre, quelle dell'italiano che vive lontano dall'Italia.

Il passo successivo è consistito nel raccogliere alcune riflessioni sulle "forme per l'Italia", le quali si estendono agli aspetti del rapporto fra repubblicanesimo e cittadinanza, ai temi del futuro fra autonomismo, regionalismo e federalismo, al fenomeno leghista in relazione al localismo politico. Infine, l'armatura costituzionale viene considerata sia dalla prospettiva sociologica sia da quella giuridica.

"L'Italia come poteva essere" racconta il futuro visto dal passato. Risulta un'Italia che, per le occupazioni dei vincitori del '45, avrebbe potuto essere ridotta nuovamente a un'espressione geografica, con una sorta di nuovo esame da superare per verificare la volontà di essere un'altra volta patria politica degli italiani con la riunificazione.

Un'altra parte di questo numero affronta il tema di come l'Italia porta nel futuro il suo essere nazione, la sua anima tra nazionale e localista-universale, il suo comporsi nell'Europa rinnovata che ci sarà fra trent'anni. Conclude Futuribili l'approccio italiano alla globalizzazione, sia in relazione alla mobilità dei confini economici sociali politici sia alla prova della sua unità economica nei confronti della interdipendenza planetaria sempre più reale.

Il volume è il prodotto di intellettuali stranieri che conoscono bene l'Italia e gli italiani, e di studiosi italiani che hanno da un lungo, ma sempre recente, tempo, pensato, ricercato e scritto su cos'è l'Italia e quale sarà il suo futuro. Studiosi e intellettuali di grande intelligenza e autorevolezza che hanno risposto con entusiasmo all'invito di discutere sul futuro dell'Italia.

Indice


Alberto Gasparini , Editoriale. Immagini degli italiani e dell'Italia da fuori e da dentro
Tavola rotonda su: L'Italia e gli italiani per gli stranieri che li conoscono: Percy Allum, Vaclav Belohradsky, Igor Bestuzhev-Lada, Hassan R. Dalafi, Johan Galtung, Elie Kallas, Edward N. Luttwak, Dennis Mack Smith, Yves Meny, Bernard Poche, Frank Snowden , Rispondono a Futuribili
Pasquale Antonio Baldocci , L'Italia nell'immaginario degli italiani all'estero
Forme per l'Italia
Gian Enrico Rusconi , Repubblicanesimo e cittadinanza
Raimondo Strassoldo , Autonomismo, regionalismo, federalismo: una prospettiva dal Friuli, Nord-Est, Italia
Daniele Ungaro , Localismo politico. Un'analisi sociologica del fenomeno leghista
Gianfranco Bettin Lattes , Considerazioni sociologiche sulle riforme istituzionali
Sergio Bartole , Trasformazioni costituzionali e transizione politica
L'Italia come poteva essere
Savino Onelli, Fausto Rotelli , Se ... l'Italia nel 1945 fosse stata divisa come la Germania in quattro zone di occupazione. Ipotesi per i successivi sviluppi
Dal presente al futuro dell'Italia, tra continuità e discontinuità
Carlos Barbé , Quale Italia? La questione nazionale italiana in prospettiva comparata
Francesco Cassano , L'Italia come vantaggio. Riflessioni impertinenti sulla differenza italiana
Franco Ferrarotti , L'Italia fra trent'anni nell'Europa rinnovata
L'Italia e il resto globale
Arnaldo Bagnasco , Confini mobili in epoca di globalizzazione
Antonio Martelli , L'unità economica dell'Italia alla prova della globalizzazione.