Una visceralità indicibile

La pratica dell'inconscio nel movimento delle donne degli anni Settanta

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      2a edizione  2002   (Codice editore 1057.1)

Una visceralità indicibile. La pratica dell'inconscio nel movimento delle donne degli anni Settanta
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846423535

Presentazione del volume

Una raccolta antologica non sarebbe bastata di per sé a far capire che cosa siano state, nel movimento delle donne degli anni Settanta, l'autocoscienza e la pratica dell'inconscio, cioè i momenti più creativi di una riflessione collettiva legata al vissuto personale e alle tematiche del corpo.

Il modo originale con cui una parte del femminismo ha tentato allora, senza ignorare il contributo della psicanalisi, di riscoprire e modificare i vincoli di una sessualità radicata nell'immaginario, quanto nelle costruzioni storiche del maschile e femminile, richiedeva una lettura più consona, capace di far muovere ancora una volta il pensiero da una pratica di rapporti. Di qui la scelta di un corso di lezioni, "La pratica dell'inconscio nel movimento delle donne degli anni Settanta", che si è tenuto presso l'Associazione per una Libera Università delle donne di Milano, nel 1996-1997, da cui è nata l'idea di questo libro.

Lea Melandri , redattrice della rivista "L'erba voglio" dal 1971 al 1975, ha raccolto i suoi primi scritti teorici sul movimento delle donne nel volume L'infamia originaria (edizioni L'erba voglio, 1977). Ha pubblicato Come nasce il sogno d'amore (Rizzoli, 1988), Lo strabismo della memoria (La Tartaruga, 1991), La mappa del cuore (Rubbettino, 1992) e Migliaia di foglietti (Moby Dick, 1996). Ha fondato e diretto la rivista "Lapis. Percorsi della riflessione femminile"

(1987-1997).

Indice


Parte I. Lezioni
Il corso, le sue finalità
Contro l'autoritarismo patriarcale. Le tesi del gruppo Demau
La "rivolta femminile" di Carla Lonzi
Autonomia e bisogno d'amore: Carla Lonzi, "Vai pure"
Una visceralità indicibile. Il femminile riscoperto dall'autocoscienza
La pratica analitica: incontro con Politique et Psycanalyse - Interiorità e storia: la rivoluzione degli anni Settanta
La pratica dell'inconscio: "critiche e commenti"
La pratica avviata: il "gruppo analisi" e il "gruppo dell'inconscio
La violenza invisibile - "Sessualità, maternità, procreazione, aborto". Il convegno al circolo De Amicis di Milano
Modificazione personale e agire politico
Parte II. Documenti
Antonella Nappi, La nudità, in "Sottosopra. Esperienze dei gruppi femministi in Italia", Milano 1973
L'incontro di Vieux-Villez. Registrazione di una discussione collettiva, domenica 12 novembre, in "Sottosopra. Esperienze dei gruppi femministi in Italia", Milano 1973
Elvio Fachinelli , "Le cucine del futuro", in "L'erba voglio", n. 13/14 (1973-1974)
Lillith (gruppo Demau) e Elvio Fachinelli , "Madre mortifera", in "L'erba voglio", n. 15 (1974)
Lea Melandri , "Dora, Freud e la violenza", in "L'erba voglio", n. 16 (1974)
Alcune femministe milanesi, Pratica dell'inconscio e movimento delle donne, in "L'erba voglio", n. 18/19 (1974-1975)
Il corpo politico, in Sessualità, maternità, procreazione, aborto. Documenti di gruppi femministi / testimonianze di donne / interventi dell'incontro al circolo De Amicis, in "Sottosopra", fascicolo speciale, Milano 1975
Lea Melandri , "L'infamia originaria", in "L'erba voglio", n. 20 (1975)
Noi pratichiamo 1'auto-in-coscienza. Trascrizione del lavoro di gruppo tenutosi al Convegno di Pinarella di Cervia, 1/2/3/4 novembre 1975, in "Sottosopra", Milano marzo 1976
Lea Melandri , "Per un'analisi della diversità", in id., "L'infamia originaria", Edizioni L'erba voglio, Milano 1977
Lea Melandri , "La modifìcazione personale non è la rivoluzione", in id., "L'infamie originaire", Editions des femmes, Paris 1979
"A zig zag", Prefazione, numero unico, Milano maggio 1978.