Risultati ricerca

David Rossi, Fabio Streliotto, Sara Taglietti, Sabrina Toffoli

Welfare 4.0: integrare welfare pubblico, aziendale e bilaterale/contrattuale

ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE

Fascicolo: 2 / 2019

La crescente differenziazione dei bisogni, coniugata a difficoltà economiche e gestionali dei tradizionali sistemi di welfare state, evidenzia come cittadini, aziende, Terzo Settore e Pubblica amministrazione, oggi siano chiamati a essere protagonisti attivi nei processi di pianificazione e produzione dei servizi. Le difficoltà per la PA, da un lato, e per le aziende, in special modo le Pmi, dall’altro, a sviluppare e gestire progetti di welfare, possono essere superate ragionando in termini di ecosistema territoriale, ossia se le azioni coinvolgono tutti gli attori territoriali nell’innovazione sociale. Questo tipo di innovazione sociale comporta la sperimentazione di un nuovo modo di interpretare e governare i rapporti tra tutti i soggetti che entrano in gioco: non vi sono più fornitori e fruitori di azioni di welfare, ma tanti attori con ruoli complementari. "Welfare 4.0", di Innova S.r.l. e WelfareLab a.p.s., è uno tra i modelli che prevedono la creazione di una rete territoriale, fondato sul principio organizzativo della sussidiarietà circolare, secondo la prospettiva della responsabilità sociale condivisa e assumendo la dimensione territoriale come una risorsa generativa.

Stefania Fornasier, Giulia Lucchini

Welfare 4.0.

Competere responsabilmente. Aziende con l'anima: responsabilità sociale, welfare e community relation. Il caso WelfareNet

Le aziende che puntano all’eccellenza sono quelle in grado di coniugare la massimizzazione dei profitti con il reale miglioramento della vita delle persone. Il libro presenta e tratta, in ottica di Responsabilità Sociale d’Impresa, due “strumenti” utili per ricercare la fiducia di tutti i pubblici: le community relation e il welfare aziendale.

cod. 1490.65