Ospedali & Salute. Nono Rapporto Annuale 2011

Autori e curatori
Contributi
Enzo Paolini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 336,      1a edizione  2012   (Codice editore 35.13)

Ospedali & Salute. Nono Rapporto Annuale 2011
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21.50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856846638
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856874228
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il Rapporto Ospedali & Salute, giunto alla nona edizione, prende in esame una realtà in costante trasformazione, in modo da offrire agli operatori, ai decisori e alla pubblica opinione analisi e riflessioni che investono sia le modalità con cui vengono svolti i servizi ospedalieri sia le modalità con le quali i cittadini richiedono e valutano questi ultimi.

Presentazione del volume

Il Rapporto Ospedali & Salute/2011 continua a svolgere la sua funzione di presidio culturale per quanto riguarda lo sviluppo dei servizi ospedalieri del nostro Paese. Si tratta di un ambito particolarmente importante nel quadro delle azioni di tutela della salute dei cittadini, a cui fa capo il 55% della spesa pubblica per la sanità, con una rete complessa di istituti e di attività cui accedono ogni anno all'incirca 14 milioni di cittadini e in cui operano 650 mila addetti.
Si ricorda che l'obiettivo del Rapporto è quello di mettere annualmente sotto osservazione una realtà in costante trasformazione, in modo da offrire agli operatori, ai decisori e alla pubblica opinione analisi e riflessioni che investono sia le modalità con cui vengono svolti i servizi ospedalieri sia le modalità con le quali i cittadini richiedono e valutano questi ultimi. La struttura consolidata del volume (basata sull'illustrazione dei fenomeni più importanti dell'anno, su un'indagine congiunturale delle relazioni che intercorrono tra le famiglie e l'ospedalità, nonché sulla predisposizione dei consueti indicatori statistici) è stata arricchita quest'anno da un'indagine apposita su poco meno di 200 strutture private accreditate e non accreditate.
In particolare, nell'ambito dell'illustrazione dei fenomeni più importanti dell'anno, sono stati calcolati i tassi di inefficienza implicita che caratterizzano la gestione degli ospedali pubblici, provvedendo a calcolare tale indicatore sulla base dei dati più aggiornati non solo per le 15 Regioni a Statuto ordinario, ma anche per quelle a Statuto speciale oltre che per le Province Autonome.
L'analisi delle opinioni dei cittadini e di coloro che hanno effettivamente utilizzato le strutture ospedaliere ha approfondito inoltre un aspetto particolare: quello dei bisogni e delle attese delle famiglie nei confronti di servizi ospedalieri particolarmente mirati alle persone anziane, le quali richiedono non solo cure e interventi clinici all'interno delle stesse strutture, ma anche un'assistenza post-ricovero che si prolunga sul territorio. Ormai l'invecchiamento della popolazione richiede di trovare modalità nuove che permettano di realizzare un'effettiva e piena continuità assistenziale: e questo utilizzando al meglio un sistema misto pubblico e privato accreditato che i cittadini continuano a sottolineare essere la soluzione più adeguata perché mette a disposizione sul loro territorio l'intero tessuto ospedaliero disponibile.
L'insieme dei dati raccolti attraverso l'indagine congiunturale ha permesso anche di mettere a confronto con gli anni precedenti la qualità percepita delle prestazioni ospedaliere da parte delle famiglie, le quali mostrano una crescita lenta (anche se ancora non pienamente compiuta) della propria consapevolezza e capacità di scelta tra le diverse strutture a disposizione.
Infine sono stati aggiornati i tre indicatori sull'andamento dell'ospedalità italiana: l'indice sullo sviluppo di un sistema misto delle strutture di ricovero, l'indice di soddisfazione percepita da parte dei cittadini nei confronti dei servizi ospedalieri, nonché l'indice che misura la domanda di libertà di scelta degli istituti di cura da parte dei cittadini.
Inoltre sono state aggiornate le informazioni relative all'evoluzione delle strutture, delle attività, del personale e della spesa che danno un'idea, anno per anno, dello stato e dell'evoluzione della complessa "macchina ospedaliera" che opera nel Paese.

Ermeneia - Studi & Strategie di Sistema è una società specializzata che si occupa di analisi e di consulenza per le associazioni di categoria e per i soggetti pubblici e privati, ivi compresi quelli del settore dei servizi per la salute, impegnati a ridisegnare la loro presenza nell'ambito dello sviluppo del Paese.
Aiop - Associazione Italiana Ospedalità Privata è un'associazione di categoria che rappresenta le Case di cura private, accreditate e non, presenti in tutte le regioni italiane, le quali occupano 68 mila addetti e si prendono cura del 15% dei pazienti totali degli ospedali italiani.

Indice



Enzo Paolini, Presentazione
Parte I. Efficienza di stima e centralità della persona
Le tensioni presenti dal lato dell'offerta
(Il quadro completo dell'efficienza sommersa dell'ospedalità pubblica nelle diverse Regioni italiane; Il confronto pubblico/privato sulla qualità delle prestazioni fornite; L'impegno verso il miglioramento e il riposizionamento delle strutture accreditate (e non); Un legame virtuoso tra spesa in contrazione e qualità in crescita nel privato)
La necessità di guardare alla persona e non solo all'utente/cliente
(L'importanza di accompagnare attivamente il processo di empowerment; L'attenzione particolare per la continuità assistenziale del paziente anziano; La crescita culturale dei cittadini misurata dal set di indicatori di sistema)
Mettersi in linea con l'Europa nell'interesse del paziente
(Il passo avanti (piano) della mobilità transfrontaliera; La convergente attenzione per le implicazioni sociosanitarie dell'invecchiamento)
Parte II. L'analisi congiunturale dei rapporti tra famiglie italiane e ospedalità
Le esperienze e le opinioni fra utenti effettivi
(Una variabilità di accessi, legata alla morbilità, ma anche ad un uso improprio del Pronto Soccorso; Una spinta diversificata nello scegliere tipologia e localizzazione dell'ospedale; L'interesse verso l'esercizio delle proprie facoltà di scelta; Una valutazione in crescita delle prestazioni ottenute)
Le conoscenze e i giudizi dei cittadini
(L'aumento della consapevolezza e dei comportamenti di scelta tra pubblico e privato, oltre che tra locale ed extralocale; Una valutazione in crescita dei servizi, anche se più contenuta da parte degli utenti effettivi; Un permanente giudizio positivo nei confronti di un sistema misto pubblico/privato)
L'approfondimento tematico: il bisogno di una struttura ospedaliera di riferimento per la cura e l'assistenza degli anziani
(L'ampliarsi del raggio di presidio dalla famiglia ristretta a quella allargata; La molteplicità di atti sanitario-assistenziali come pure delle strutture utilizzate; La domanda di servizi ospedalieri proiettati anche sul territorio)
Parte III. Un sistema ospedaliero privato orientato al riposizionamento
La registrazione di problemi vecchi e nuovi
(L'impatto relativo della crisi; L'attenzione particolare per i rapporti col Sistema Sanitario Regionale; L'esame dei problemi aziendali e delle strategie specifiche poste in atto)
Un atteggiamento reattivo di fondo
(L'investimento sul futuro dell'imprenditore e della struttura; Le strade molteplici del riposizionamento possibile; L'esercizio concreto della crescita sul piano dell'occupazione e degli investimenti)
Parte IV: Gli indicatori statistici
I dati di struttura
(La presenza di istituti pubblici e di istituti privati accreditati; La distribuzione dei posti letto; La dotazione di apparecchiature)
I dati di attività
(Le giornate di degenza e il tasso di utilizzo; Le tipologie dei ricoveri e dei dimessi; I DRG più diffusi; Le attività classificate a seconda delle maggiori categorie diagnostiche; Le attività classificate per disciplina; La mobilità sanitaria)
Le informazioni sul personale
(L'andamento degli addetti nel tempo; La situazione degli addetti per territorio)
I dati di spesa
(L'andamento dei flussi nel tempo; La spesa sanitaria a confronto)
Allegati
(La metodologia usata; L'indice delle tabelle strutturali; Le tabelle di dettaglio dell'indagine sulle famiglie italiane e l'ospedalità; Le tabelle di dettaglio dell'indagine sulle strutture ospedaliere).




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi