"> Curare sulla soglia della vita. L'hospice "Il Tulipano" di Niguarda - FrancoAngeli

Curare sulla soglia della vita

L'hospice "Il Tulipano" di Niguarda

Autori e curatori
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 192,      1a edizione  2009   (Codice editore 1370.34)

Curare sulla soglia della vita. L'hospice
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856806113
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856809435
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

La cronaca del processo di formazione dell’équipe di operatori de Il Tulipano, nuovo hospice dell’Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda di Milano, uno degli ospedali più grandi e attrezzati della Lombardia. Un testo per gli operatori del settore, ma anche per il personale sanitario di altre discipline mediche, che quotidianamente si misura con le necessità di assistere malati in fin di vita.

Utili Link

Tecnica Ospedaliera Recensione… Vedi...
La neurologia italiana Un hospice esemplare… Vedi...

Presentazione del volume

L'oggetto di questo libro è la cronaca del processo di formazione dell'équipe di operatori de Il Tulipano, nuovo hospice dell'Azienda Ospedaliera Niguarda Ca' Granda di Milano, uno dei nosocomi più grandi e attrezzati della Lombardia.
Il titolo del libro è stato scelto per ricordare che, nei trattamenti palliativi di fine vita, bisogna sapersi fermare sulla soglia e che in questo fermarsi è sussunta una vastità di atti psicologici, spirituali e medici di alta specializzazione. Sulla soglia, in altre parole, c'è moltissimo da fare e molte competenze sono richieste a chi vi lavora.
Il testo si rivolge agli operatori del settore, ma anche al personale sanitario di altre discipline mediche, che quotidianamente si misura con le necessità di assistere malati alla fine della vita e a chi, tra i non addetti ai lavori, preferisce non eludere questo tema.

Luciano Benedetti, giornalista scientifico e medical writer, ha diretto per oltre un decennio la rivista di aggiornamento medico Medico e Paziente. È direttore del giornale inter-professionale di cure palliative Limen e responsabile della comunicazione dell'associazione AGC Onlus per la formazione degli operatori alle cure palliative.

L'équipe de Il Tulipano: Rosamaria Annunziata, Renzo Causarano, Giulio Cerea, Daria Da Col, Giovanna D'Avanzo, Ivana De Luca, Leonidas Franco, Paola Greco, Marina Laface, Lucia L'Atrella, Giuseppe Morabito, Nazzarena Ricciardi, Natale Scappatura, Mirella Scavo, Mary Senis, Lorenza Timbro.

Indice



Luciano Benedetti, Introduzione
Parte I. La giusta prospettiva
Un approccio palliativo "trasversale"
(La riflessione etica come propulsore)
Altri scopi, nuovi obiettivi
(Medicalizzazione della vita, medicalizzazione della morte; Le condizioni per favorire una morte serena; Compiti e motivazioni; I bisogni di chi muore; I bisogni di chi cura; Il valore della vita)
Il posto giusto per un hospice
(Percorso di avvicinamento; Dal progetto all'attuazione; I principi; La pratica: carta d'identità dell'hospice di Niguarda; Il nome)
Né ospedale né ospizio
(Il ruolo della motivazione personale; Perché l'hospice è diverso. La famiglia oggetto di cure; Perché l'hospice dovrebbe essere diverso. L'accettazione; Comincia il viaggio)
Parte II. Come nasce l'équipe di un hospice
L'hospice come metafora della casa. Gli abitanti
(Nazzarena Ricciardi. Metter su casa insieme; Marina Laface. Il malato, l'ignoto; Giulio Cerea. Io, francamente, me la sento; Paola Greco. Una tappa del percorso; Mirella Scavo. La storia giusta; Natale Scappatura. Il prezzo da pagare; Mary Senis. Non un lavoro qualsiasi; Giovanna D'Avanzo. Educare anche i familiari; Leonidas Franco. Tutto l'arco della vita; Rosamaria Annunziata. La sfida; Ivana De Luca. Cercare di mantenere la distanza; Giuseppe Morabito. Il tempo, scandito dai bisogni del paziente; Ludovica. Non dobbiamo mica essere amici per forza; Lucia. L'Atrella. Il richiamo dell'accudimento; Daria Da Col. Una grande opportunità)
La parete bianca
(Poi la luna di miele finisce...; "Vedere" le proprie emozioni; Cambiare dentro)
Ricominciare da capo
(La professione è solo un vestito, sotto c'è una persona; Imparare a gestire i sintomi; Il principio di realtà)
Parte III. Lavorare sulla soglia della vita
La riunione d'équipe
(Il metodo della condivisione; Saper restare sulla soglia; Aiutare il malato ad accettare il suo limite; L'ansia della famiglia; Reggere il peso dell'empatia quotidiana)
Gestire la famiglia terminale
(Cosa c'entra la famiglia; Il caso di Anna; Un muro di emozioni; La famiglia terminale; Le età della famiglia; Una cartella "clinica" della famiglia)
Bisogno d'ascolto e spiritualità
(Si dedica tempo al paziente, il quale racconta che...; Dove nasce il bisogno di spiritualità del malato; I compiti della medicina e la spiritualità; Una difficoltà oggettiva)
Parte IV. Bilanci, tra istituzioni e famiglia
Non basta essere empatici
(Raggiungere gli obiettivi di bilancio dell'azienda; Valutare la qualità percepita; Integrare l'hospice nell'ospedale; Avviare le cure domiciliari; Ripensare l'organizzazione del lavoro; Strategie per l'impiego dei volontari)
Ma voi siete bravi, qui?
(Vicinanza o distanza. Da chi?; Il peso della cattiva notizia; Aiutare il malato, aiutare i familiari; Il metabolismo della pacificazione)
Conclusione. Dare un'anima al reparto
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi