Propaganda e ordini alla stampa. Da Badoglio alla Repubblica sociale italiana
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 320,      1a edizione  2007   (Codice editore 1615.37)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846487667

In breve
Il volume ricostruisce la storia delle imposizioni alla stampa durante il regime fascista, prendendo in considerazione la fase cruciale che va dalla prima caduta di Mussolini alla Liberazione, ossia dal 25 luglio 1943 al 25 aprile 1945; un periodo particolarmente difficile da studiare, sia perché le fonti sono state in gran parte fatte sparire sia perché a lungo, in questo dopoguerra, la storia della Repubblica sociale italiana è stata “banalizzata”, nel senso del sistematico rifiuto di esplorarne i contorni con equilibrio e imparzialità.
Utili Link
Il Giornale Anche in agonia il regime dava ordini ala stampa (di Mario Cervi)… Vedi...
L'Indice Recensione (F.Germinario)… Vedi...
Avvenire Povera stampa in camicia nera (di Marco Roncalli)… Vedi...
Giornale di Brescia Propaganda fatidica e cupa nei seicento giorni di Salò (di Roberto Chiarini)… Vedi...
L'Eco di Bergamo Le "veline" obbligatorie della propaganda fascista (di Roberto Chiarini)… Vedi...
Presentazione del volume

La storia della politica culturale del fascismo, specialmente della fondamentale questione dell'atteggiamento del regime nei confronti dell'opinione pubblica, nel quadro di una tenace ricerca del consenso e dei perversi rapporti con giornali e giornalisti, ha prodotto una notevole quantità di volumi. Essi si sono tuttavia dedicati finora prevalentemente allo studio dei lati più appariscenti dell'azione di diffusione della "dottrina del fascismo" che Mussolini volle imporre all'Italia in oltre vent'anni di dittatura. A distanza di vari decenni, e dopo ricerche e pubblicazioni che hanno sviscerato molte componenti della cultura del Ventennio, sembra che l'analisi di quella politica non abbia ancora evocato un aspetto, forse ancora più deleterio, cioè quello degli "ordini alla stampa" durante il governo della Repubblica sociale italiana.
Nel volume l'autore intende pertanto fare la storia delle imposizioni alla stampa non in tutto l'arco del regime fascista, ma nella fase cruciale che va dalla prima caduta di Mussolini alla Liberazione, ossia dal 25 luglio 1943 al 25 aprile 1945; un periodo particolarmente difficile da studiare, sia perché le fonti sono state in gran parte fatte sparire sia perché a lungo, in questo dopoguerra, la storia della Rsi è stata "banalizzata", nel senso del sistematico rifiuto di esplorarne i contorni con equilibrio e imparzialità.

Romain H. Rainero, docente di Storia Contemporanea presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Milano, ha insegnato in vari atenei italiani e stranieri. Ha pubblicato oltre trenta volumi di storia e collabora a iniziative scientifiche in Italia e all'estero, che gli hanno procurato molti riconoscimenti e consensi.

Indice


Una tenace tradizione autoritaria: gli "ordini alla stampa"
Un breve intermezzo di continuità: l'organizzazione della propaganda del governo di Badoglio dopo la caduta del regime fascista
Gli "ordini alla stampa" della Repubblica sociale italiana nel periodo romano (dall'8 settembre 1943 al 4 giugno 1944)
L'ultimo periodo delle "veline" del Minculpop (dal 4 giugno 1944 al 25 aprile 1945)
Considerazioni finali
Appendice
Periodo badogliano: "Disposizioni del Ministero della cultura popolare" (dal 25 luglio all'8 settembre 1943)
Periodo romano della Repubblica sociale italiana (dal 10 settembre 1943 al 3 giugno 1944)
Periodo veneziano della Repubblica sociale italiana (dal 5 giugno 1944 al 22 aprile 1945)
Thesaurus veneziano della "Corrispondenza Repubblicana" (28 settembre 1943-22 aprile 1945)
Una iniziativa parallela di Mussolini: la "Corrispondenza Repubblicana" (28 settembre 1943-22 aprile 1945)
Testimonianza sugli scrittori italiani (15 febbraio 1944)
Il ministro Mezzasoma tenta di rifiutare il progetto del duce di una censura preventiva sulla stampa (27 maggio 1944)
Stralcio dei due rapporti segreti sulla stampa della Rsi (30 giugno e 20 dicembre 1944)
Le direttive generali per la propaganda (12 gennaio 1945)
La relazione di Fernando Mezzasoma all'ambasciatore Rudolph Rahn sulla propaganda dell'Asse (30 gennaio 1944)
La propaganda della Rsi nella testimonianza di Cristoforo Mercati (Krimer) responsabile dell'ufficio propaganda del Ministero della cultura popolare
Elenco delle pubblicazioni degli uffici di propaganda della Repubblica sociale italiana.