Vince chi fa più errori. Il paradosso dell'innovazione
Contributi
Roberto Panzarani
Collana
Livello
Guide di autoformazione e autoaiuto
Dati
pp. 116,   3a ristampa 2014,    1a edizione  2003   (Codice editore 1796.151)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 14,50
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846448521

In breve
Questo libro è un piccolo gioiello, ricco d’idee originali, conciso e stimolante. Richard Farson è l'autore (sempre per FrancoAngeli) del bestseller Il management per paradossi. Modelli di leadership per il XXI secolo giunto alla 4a edizione).
Presentazione del volume

Oggi il successo presuppone l'innovazione continua. Ma le parole d'ordine suggestive, gli slogan e le formule semplicistiche non sono delle risposte adeguate. Solo una mentalità completamente nuova -un nuovo atteggiamento nei confronti del successo e dell'insuccesso - può trasformare il nostro comportamento. Lo affermano Richard Farson, autore del bestseller Il management per paradossi. Modelli di leadership per il XXI secolo , e Ralph Keyes, autore del rivoluzionario Chancing It: Why We Take Risks , in questo libro provocatorio.

Secondo Farson e Keyes, la chiave di questo nuovo atteggiamento sta nel prendersi dei rischi. In un mondo in rapido cambiamento dobbiamo confrontarci con il successo non meno che con l'insuccesso. Significa che abbiamo fallito? Solo secondo i parametri dei nostri nonni. Sia il successo che l'insuccesso sono dei passi avanti verso il progresso, dicono gli autori. Dopotutto, la rinascita della Coca-Cola è nata direttamente dalla debácle della New Coke, e una grave crisi finanziaria ha obbligato l'Ibm a reinventarsi completamente.

Le persone sagge accettano i propri errori come passi necessari sulla via che porta al successo. Sanno anche che il miglior modo per restare indietro in un'economia frenetica è affidarsi a ciò che ha funzionato in passato, come fecero a suo tempo la Polaroid e la Xerox. Altre aziende, come la 3M e la GE, sono rimaste sulla cresta dell'onda incoraggiando gli innovatori anche quando fallivano. Farson e Keyes definiscono questo approccio illuminato sperimentazione produttiva attraverso gli errori. La loro tesi è che invece di premiare il successo e di penalizzare l'insuccesso, dovremmo sforzarci d'imparare dall'uno e dall'altro. Paradossalmente, osservano, meno ricerchiamo il successo e meno rifuggiamo dall'insuccesso, più è probabile che otteniamo dei risultati brillanti.

Questo libro è un piccolo gioiello, ricco d'idee originali, conciso e stimolante.

Richard Farson , presidente del Western Behavioral Sciences Institute,è stato preside di un college, responsabile della ricerca, consulente d'organizzazione e docente di relazioni umane presso l'Harvard Business School. È autore di diversi bestseller. Anche Ralph Keyes , Fellow del Western Behavioral Sciences Institute, è autore di numerosi libri di successo.

Indice


Roberto Panzarani, Prefazione all'edizione italiana
Introduzione
La falsa dicotomia fra successo e insuccesso
(Un filo aggrovigliato; Chi lo definisce?; Perché il successo assomiglia all'insuccesso, e viceversa; L'orgoglio dell'insuccesso)
L'agonia della vittoria e l'emozione della sconfitta
(È come fare l'amore; Esperienze esaltanti; Ricercare l'eccitazione; Gli amanti della crisi; Dolci avversità; Le calamità come strumento di management)
Non c'è nulla che abbia più successo dell'insuccesso
(I bardi dell'insuccesso; Uno splendido insuccesso; Degli errori prodotti; Il successo travestito da insuccesso)
Non c'è nulla di più fattibile del successo
(Traditi dal successo; Tutti odiano il vincitore; Il prezzo del successo in termini di rinunce personali; Sentirsi degli impostori; Un grande avvenire dietro le spalle)
Azzoppati dal successo
(Le ceneri del successo; Strade da non percorrere; Non limitatevi a sopravvivere)
Innovare con l'atteggiamento
(L'ambiente di lavoro orientato al rischio; Fondisti e velocisti; Oche selvagge; 3M: Minnespta Mining and Mistake Making)
Gestire nell'era del post-insuccesso
(Trattare nello stesso modo il successo e l'insuccesso; Creare empatia; Mettere in comune le informazioni; La costruzione dei fienili)
Gestire la paura
(Quella paura di fondo; Fare amicizia con la paura; Far lavorare la paura)
Il successo del samurai
(Vincere non è tutto; Guerrieri Zen; L'approccio di Jackson; Nessun rimorso; Come si misura il successo?; Al di là del successo e dell'insuccesso).




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo


Segnalazioni

Pubblicità