Tecnologia, scuola, processi cognitivi. Per una ecologia dell'apprendere
Autori e curatori
Contributi
Alessia Ferroni, Franco Landriscina, Maria Ranieri, Italo Tanoni
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 176,   1a ristampa 2009,    1a edizione  2007   (Codice editore 260.60)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846480842

In breve
Il testo analizza il rapporto tra tecnologia e scuola e individua un punto d’incontro rilevante nel rapporto tra tecnologie, processi cognitivi e key competencies. Si richiama l’attenzione sulla criticità/potenzialità rappresentata dal “carico cognitivo”. Infine si offre un quadro critico e storico delle esperienze relative alle “reti didattiche”, come la ricerca azione on line in quanto metodologia impiegabile per l’innovazione didattica e per la produzione di sapere didattico “ragionevolmente affidabile”. Antonio Calvani insegna Tecnologie dell’Istruzione e Didattica alla Facoltà di Scienze della Formazione di Firenze. Franco Landriscina, Psicologo dell’apprendimento, è responsabile di E-Learning e Instructional Design alla Lloyd Adriatico. Italo Tanoni, direttore IRRE Marche, insegna Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento alla Facoltà di Scienze della Formazione di Urbino.
Presentazione del volume

Il lavoro affronta un'analisi utile per attuare una strategia criticamente fondata di impiego delle tecnologie in ambito educativo.
Come si allestisce "un ambiente tecnologico per apprendere" e quali ne sono le pregiudiziali cognitive? Come si costruisce una rete didattica in via informatica e quali sono le operazioni epistemiche, sociali e tecniche che ne garantiscono l'efficacia e la correttezza? Che senso e quali possibilità ha una conoscenza-azione on line? Queste sono alcune delle domande cui nel volume gli autori cercano di dare una risposta, tenendo presente la novità degli argomenti e l'interesse che essi stanno suscitando nella cultura formativa della scuola e dell'azienda.
Il testo si articola in due parti, una relativa all'apprendimento con le tecnologie e l'altra relativa all'uso delle reti per l'innovazione. Nella prima parte Calvani analizza il rapporto tecnologia e scuola secondo alcune chiavi interpretative attuali e individua un punto d'incontro rilevante nel rapporto tra tecnologie, processi cognitivi e key competencies; Landriscina richiama l'attenzione sulla criticità/potenzialità rappresentata dal "carico cognitivo", riflettendo in particolare sui contributi provenienti dalla teoria del carico cognitivo e dalla teoria generativa dell'apprendimento multimediale. Nella seconda parte Tanoni presenta un quadro critico e storico delle esperienze relative alle "reti didattiche"; Calvani tratta della ricerca-azione on line in quanto metodologia impiegabile per l'innovazione didattica e per la produzione di sapere didattico "ragionevolmente affidabile".
Il volume si rivolge a coloro che operano nelle istituzioni scolastiche, ai responsabili delle politiche educative, a formatori e progettisti di ambienti tecnologico-didattici.

Antonio Calvani insegna Tecnologie dell'Istruzione e Didattica presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Firenze. Autore di numerosi volumi sulle tecnologie educative, socio fondatore della SIe-L (Società Italiana di e-Learning), dirige la rivista Je-LKS (Journal of e-Learning and Knowledge Society).

Indice


Antonio Calvani, Introduzione
Parte I. Nuove tecnologie nella scuola: per una ecologia dell'apprendere
Antonio Calvani, ICT e scuola. Processi cognitivi ed ecologia dell'apprendere
(Introduzione; Scuola e nuove generazioni; Tecnologia e ricerca tecnologica, quale rapporto?; Un modello di riferimento; Dimensione macroecologica o etica; Dimensione strategico innovativa; Dimensione ergonomico-didattica; Mente-medium: le forme dell'interazione; Tecnologie tecnologiche ed interazioni cognitive; Modelli istruttivi, key competencies, trasferibilità cognitiva; Conclusioni)
Franco Landriscina, Carico cognitivo e impiego della tecnologia per apprendere
(Introduzione; Allestimento di un ambiente tecnologico per apprendere; Il sistema della memoria; I limiti della memoria di lavoro; Le teorie dell'apprendimento multimediale; Quando meno è meglio; L'uso didattico delle immagini; Come integrare testo e immagini; Come integrare immagini e audio; Come integrare testo scritto e testo parlato; Carico cognitivo estraneo e problem solving; Come ridurre il carico cognitivo intrinseco; Come ottimizzare il carico cognitivo rilevante; Carico cognitivo e psicologia dello sviluppo; Conclusioni)
Parte II. Reti, innovazione e conoscenza didattica
Italo Tanoni, Innovazione e tecnologie: le reti didattiche
(Introduzione; I protagonisti; Il contesto; Il percorso)
Antonio Calvani, Reti, innovazione e costruzione del sapere didattico: la ricerca-azione on line
(Introduzione; Come si acquisisce il sapere didattico; Tipologie di conoscenza; Ricerca-azione/ricerca-azione on line; Ricerca-azione on line ed altri modelli; Modello project work e ricerca-azione on line; Conclusioni)
Schede
Glossario
Bibliografia
Gli autori.