Design della comunicazione audiovisiva. Un approccio strategico per la "televisione debole"
Autori e curatori
Contributi
Marisa Galbiati
Livello
Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 192,      1a edizione  2008   (Codice editore 85.57)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846498694

In breve
Alcune riflessioni sulla convergenza dei media digitali, sul modello televisivo e sulle implicazioni del concetto di Web 2.0 rispetto al futuro del broadcasting, comprese quelle relative allo sviluppo di una “televisione partecipata”. Viene proposto il concetto di “televisione debole” come sistema di comunicazione audiovisiva che si colloca tra personalizzazione e partecipazione, tra il modello del database e quello del palinsesto. Il testo definisce, quindi, il contributo del design della comunicazione per il sistema delle nuove televisioni.
Presentazione del volume

Il saggio raccoglie una serie di riflessioni sulla convergenza dei media digitali. Si concentra sul modello televisivo e sulle implicazioni del concetto di Web 2.0 rispetto al futuro del broadcasting, comprese quelle relative allo sviluppo di una "televisione partecipata". L'attenzione al ruolo del pubblico-utente deriva dalla cultura del progetto, così come i molti riferimenti alla filosofia del design e alla semiotica. In questo senso, viene proposto un modello di costruzione di valore e di sviluppo di innovazione per il settore della comunicazione audiovisiva e multimediale, attento agli aspetti socio-culturali, oltre che economici.
L'attenzione a una poetica progettuale affronta il tema della dimensione politica della comunicazione e, con riferimento al concetto di "quotidiano", definisce il ruolo del design per una comunicazione sostenibile e partecipata.
Il sistema della comunicazione audiovisiva vede convergere l'industria culturale, produttiva e dell'intrattenimento rispetto a modelli di business e strategie di marketing. Viene dunque proposta una "costellazione del valore" del mercato audiovisivo, che mette in relazione attori e filiere tradizionalmente separate. Vengono, inoltre, presentati alcuni casi studio, a livello nazionale e internazionale, paradigmatici di una tendenza alla costruzione di sistemi integrati di comunicazione audiovisiva, che coinvolgono diversi attori e settori.
In tale contesto, viene proposto il concetto originale di "televisione debole" come sistema di comunicazione audiovisiva che si colloca tra personalizzazione e partecipazione, tra il modello del database e il modello del palinsesto.
Il testo definisce, quindi, il contributo del design della comunicazione per il sistema delle nuove televisioni.

Francesca Piredda, Dottore di ricerca in design e comunicazione multimediale, svolge attività di ricerca presso il Politecnico di Milano. Si occupa di linguaggio audiovisivo, strategie e format per i nuovi media e la televisione digitale. Svolge attività didattica presso la Facoltà del Design del Politecnico di Milano e il Corso di Laurea in Comunicazione Digitale dell'Università degli Studi di Milano. È docente in corsi professionalizzanti e master del Consorzio POLI.design. Le pubblicazioni e la partecipazione a convegni internazionali sono orientate ai temi del design della comunicazione audiovisiva e multimediale e alla comunicazione d'impresa.

Indice


Marisa Galbiati, Prefazione
Introduzione
Parte I. Per una poetica progettuale
Quale comunicazione?
(Dimensione politica della comunicazione; Nodi problematici; Per una comunicazione partecipata)
Parte II. Il sistema della comunicazione audiovisiva
Mercato audiovisivo
(Il sistema delle imprese culturali, produttive e dell'intrattenimento; Convergenza e interoperabilità dei media digitali; Verso un nuovo sistema televisivo; Modelli di business; Brand communication: strategie e tattiche)
Definizione di una costellazione del valore
Casi studio
(Video Community: la televisione partecipata; Le strategie multicanale dei broadcaster tradizionali; Conclusioni)
Parte III. Il ruolo del design
Il sistema "design-oriented" della comunicazione audiovisiva
(Il destinatario "prosumer"; Il ruolo del design tra strategia e produzione; Database e palinsesto: due modelli "audiovisivi"; Televisione "debole": tv tra personalizzazione e partecipazione)
Le sfide attuali. Orientamenti per il design della comunicazione audiovisiva
(Design tra accesso e scambio; Design e de-intermediazione)
Bibliografia, sitografia e filmografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi