Memoria e disabilità. Tra storia, memoria, diritti umani e strumenti per educare all'inclusione
Autori e curatori
Contributi
Balazs Juhasz, Andrea Mannucci
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 154,   1a ristampa 2016,    1a edizione  2016   (Codice editore 1750.7)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891740977

In breve
Prendendo spunto dal progetto europeo In-Memo Project: In memoriam of the invisible victims, il volume affronta il tema della memoria, della disabilità, dello sterminio delle persone disabili, perpetrato dal regime nazista prima e durante la seconda guerra mondiale, e si concentra sugli strumenti validati dal progetto, per trasferirne l’utilizzo e gli esiti trasformativi nei contesti educativi formali e non formali, con la finalità di promuovere cittadinanza europea e inclusiva.
Presentazione del volume

Il volume intende presentare parte dell'approfondita riflessione teorico-metodologica che il progetto europeo In-Memo Project: In memoriam of the invisible victims, terminato nel 2015 e svolto dall'Italia con l'Ungheria, la Romania e la Bulgaria, ha permesso di sviluppare in modo collaborativo e congiunto dai quattro Paesi europei, ma anche la parte operativa delle attività proposte dall'Università di Firenze ai partecipanti al progetto, condivise e poi sperimentate con ragazzi di varia età in contesti educativi formali e non formali nei quattro Paesi europei. Il fondamento di tutto il lavoro si colloca tra i due termini, memoria e disabilità, che sono stati per il gruppo di lavoro punto di partenza e finalità.
Il manuale si compone di due parti. La prima, teorica, argomenta sulla memoria, sulla disabilità, sullo sterminio delle persone disabili, perpetrato dal regime nazista prima e durante la seconda guerra mondiale e sull'effetto devastante della manipolazione dell'informazione, di cui è importante prendere consapevolezza e coscienza per decostruire pregiudizi e rispettare ogni persona nella sua specificità.
La seconda parte, operativa, si concentra sugli strumenti validati dal progetto, per trasferirne l'utilizzo e gli esiti trasformativi nei contesti educativi formali e non formali, con la finalità di promuovere cittadinanza europea e inclusiva. Si riporta infine l'esempio di tre figure emblematiche per il loro operato sulla disabilità e in educazione, nel rispetto prima di tutto della persona: Adriano Milani Comparetti, András Peto Janusz Korczak.

Luana Collacchioni è dottore di ricerca in Qualità della formazione e docente di Didattica e Pedagogia speciale presso l'Università di Firenze, nonché formatrice in corsi di aggiornamento presso scuole di ogni ordine e grado, asili nido, centri diurni, e associazioni familiari. Il suo ambito di ricerca si colloca tra la Pedagogia delle emozioni, la Didattica e la Pedagogia speciale. Tra le sue pubblicazioni Come tessere di un mosaico infinito. Dalla didattica delle emozioni alla cultura dell'inclusione attraverso relazioni significative, Aracne, 2012, Educare nel disagio, nel rispetto, nell'amore. L'incontro-scontro tra scuola e famiglia, Aracne, 2013.

Indice
Andrea Mannucci, Prefazione
Luana Collacchioni,
Introduzione
Parte teorico-metodologica
Balázs Juhász, La relazione con le persone disabili nei sistemi autocratici del XX secolo
(Considerazioni iniziali: storia e disabilità nel panoramaeuropeo; Il ruolo dell'eugenetica nel nazismo e fascismo; La cura dei portatori di handicap sotto l'egida del comunismo)
Memoria e disabilità
(Memoria personale e costruzione dell'identità; Disabilità e memoria; Lo sterminio delle persone disabili: dalla manipolazione dell'informazione alla memoria collettiva)
Metodologie
(La Ricerca Azione Partecipativa; L'autobiografia come metodologia della formazione; L'intervista biografica)
Parte pedagogico-didattica
Proposte e modalità operative
(Presentazione del percorso sperimentale; Ipotesi di lavoro; Modalità, strategie e indicazioni operative)
Attività e strumenti
(Attività ludiche di conoscenza iniziale; Attività sulla memoria (personale e collettiva); Attività su emozioni e disabilità; Altre attività; Valorizzare termini e concetti)
Verifica e valutazione
(Report attività; Questionario di valutazione delle attività; Questionari post attività per conduttori; Questionari post attività per partecipanti; Verifica e valutazione finale)
Modelli straordinari: Adriano Milani Comparetti, Andras Peto e Janusz Korczak
(Adriano Milani Comparetti e il Centro di Educazione Motoria "Anna Torrigiani": l'integrazione in Italia prima della normativa sull'integrazione; Andras Peto e l'educazione conduttiva; Janusz Korczak: educare al rispetto e alla responsabilità; Conclusioni)
Bibliografia essenziale.