L'arte di non lamentarsi mai

Per divertirsi nel lavoro, in amore, nella vita

Autori e curatori
Contributi
Jole Baldaro Verde
Collana
Livello
Guide di autoformazione e autoaiuto
Dati
pp. 128,   5a ristampa 2008,    1a edizione  2003   (Codice editore 239.131)

L'arte di non lamentarsi mai. Per divertirsi nel lavoro, in amore, nella vita
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 14,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846442789

Utili Link

Confidenze Basta con i lamenti (di Silvia Pigorini)… Vedi...

Presentazione del volume

La lamentazione è un'attività in cui moltissime persone sono sempre più impegnate.

- Di chi si lamentano? Di che si lamentano? Perché si lamentano?

- E questi lamenti sono veramente fonte di sollievo per chi li pronuncia?

- Oppure suscitano in tutti soltanto frustrazione ed ulteriore... lamentazione?

Quando ci si lamenta, in famiglia, sul lavoro o tra amici, difficilmente si pensa che il lamento possa diventare un'opportunità di crescita.

In questo libro, che nasce dal confronto con la quotidianità di tutti noi, l'autore mostra come si possa invece resistere alla diabolica tentazione della lamentazione fine a se stessa per convertirla in un'irripetibile occasione di divertente apprendimento.

L'arte di non lamentarsi mai , che è di certo un' arte raffinata, è tuttavia... alla nostra portata.

"Quando mi è stato chiesto di presentare questo libro, mi sono messa, con grande godimento, devo dire la verità, a leggerlo. E mentre lo leggevo mi dicevo: 'devo darlo da leggere ad Antonella, a Massimo, a Daniela, a Laura, no, Laura non si lamenta...', ma altri nomi mi venivano alla memoria e l'elenco aumentava... Leggetelo anche voi e ripensate alla vostra vita, imparerete un mucchio di cose che vi saranno sicuramente utili! " (Dalla Presentazione di Jole Baldaro Verde )

Luciano Ballabio , esperto in formazione di qualità e socio senior di AIF - Associazione Italiana Formatori ( www.aifonline.it ), è autore di diverse pubblicazioni tra cui: Separarsi per amore (1988); Insieme o da soli? (1990); Donne che cambiano (1995) e, con Clotilde Zucchetti e Arianna Ballabio, una raccolta di storie per l'infanzia dal titolo Fili di Arianna (1993). Per i nostri tipi ha pubblicato: Virilità (1991), Figli miei figli tuoi (1996), La coppia flessibile (1997) ed Essere genitori maturi (2000).

Indice


Jole Baldaro Verde , Presentazione
Introduzione. Lamentazione, un'inesorabile dannazione?
Parte I. Convenzioni e convinzioni
Di chi ci lamentiamo
(Coniugi e amanti; Figli e genitori; Parenti, amici e conoscenti; Clienti, capi, collaboratori e colleghi; Il lamento dei lamenti)
Di che ci lamentiamo
(Sfortuna (propria) e fortuna (altrui); Insuccessi ed errori; Sgarbi e cattiverie ; Aggressioni subite e depressioni vissute; Una condizione esistenziale)
Perché ci lamentiamo
(Proiezioni e attribuzioni; Manipolazioni e compensazioni; Reazioni e insoddisfazioni; Frustrazioni e sostituzioni; L'illusione della colpevolizzazione)
I lamenti tra gioie apparenti e reali tormenti
(Clima esterno e clima interno; Squalificazione e mistificazione; Coazione o liberazione?; Circoli viziosi, circoli dannosi; Il capro espiatorio: una (ir)resistibile tentazione)
Chi vince e chi perde?
(Vinco io e perdi tu; Perdo io e vinci tu; Perdo io, ma... perdi anche tu; Per vincere insieme ; Cambiare convinzioni)
Parte II. Atteggiamenti e comportamenti
Nel lavoro
(Imprevisti e avversità; Incomprensioni ed equivoci; Affari sfumati; Obiettivi mancati; Partite perse)
In amore
(Ma come fai a non capire?; Storie s-finite; Storie smarrite; Storie mai nate; Se tu mi rifiuti)
Nella vita
(Fatalismo ed eterodeterminazione; Attacchi e sfide; Invidia e ammirazione; Disprezzo e valorizzazione; Interazioni ambivalenti)
Resistere alla (diabolica) tentazione della lamentazione
(Domande dirette; Auto-stima; Assertività; Pro-positività; Guardare sempre avanti)
Se il lamento si converte in (divertente) apprendimento
(Imitare gli esempi migliori; Imparare (anche) dagli esempi peggiori; Apprendere sempre; Migliorare (se stessi); Il potere dell'(auto)ironia)
Conclusione. Un'arte raffinata alla nostra portata.