Saperi locali, innovazione e sviluppo economico.

L'esperienza del Mezzogiorno

Contributi
Tiziana Cuccia, Vincenzo Fazio, Rosario La Rosa, Leone Leonida, Giuseppe Mauro, Fabio Mazzola, Maria Musumeci, Vittorio Nicolardi, Aldo Pugliese, Antonio Purpura, Patrizia Resta, Antonio Sassu, Vincenzo Vecchione
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 432,      1a edizione  2003   (Codice editore 365.232)

Saperi locali, innovazione e sviluppo economico. L'esperienza del Mezzogiorno
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,50
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846444356

Presentazione del volume

I saperi locali costituiscono un patrimonio di conoscenze produttive fortemente radicate nella cultura e nelle tradizioni regionali e tuttora utilizzate in misura rilevante nelle economie locali. Questo volume si propone di esaminarne l'evoluzione e di individuare i fattori che stanno alla base della trasformazione dell'organizzazione produttiva dalla conduzione familiare alla forma di impresa orientata al mercato. L'ambito territoriale considerato è quello delle regioni meridionali.

Le opportunità di crescita sono legate alla specificità e tipicità dei saperi locali che assicurano, in alcuni casi, una elevata differenziazione dei prodotti. Per sfruttare queste potenzialità deve avviarsi un processo di fertilizzazione dei saperi tradizionali attraverso forme di apprendimento e di interazione con conoscenze esterne codificate. Quando all'assimilazione delle conoscenze esterne si accompagna una perdita di tipicità territoriale che riduce il grado di differenziazione dei prodotti, questo processo può generare esiti contraddittori causando una contrazione piuttosto che un'espansione del mercato. Il rispetto dell'identità del bene è quindi una condizione essenziale dello sviluppo di queste produzioni.

L'evoluzione delle conoscenze interagisce con la domanda che svolge, spesso, il ruolo di fattore scatenante della trasformazione del sapere locale. Anche il comportamento delle istituzioni influenza il successo o il fallimento di questa trasformazione.

Antonio Sassu è professore ordinario di Politica economica presso il dipartimento di Ricerche economiche e sociali dell'Università di Cagliari e membro del CRENoS, si occupa di economia dell'innovazione tecnologica e di problemi dello sviluppo locale.

Sergio Lodde è professore associato di Economia applicata presso il dipartimento di Ricerche economiche e sociali dell'Università di Cagliari e membro del CRENoS, si occupa di economia della crescita dello sviluppo locale.

Indice


Antonio Sassu, Introduzione
Parte I
Antonio Sassu, Sergio Lodde, Saperi locali, innovazione tecnologica e sviluppo economico: uno sguardo generale
Rosario La Rosa, Settori agroalimentari, territorio omogeneo con produzioni differenziate e organizzazioni a rete
Patrizia Resta, La trasmissione e la diffusione dei know-how locali: modelli socio-economici e ipotesi interpretative
Parte II.
Giuseppe Mauro, Settori produttivi e sistemi locali di sviluppo: i casi della ceramica castellana e dell'olio d'oliva aprutino
Vittorio Nicolardi, Know-how locali e attività d'impresa in alcuni settori produttivi tradizionali pugliesi
Vincenzo Vecchione, Know-how locali e percorsi di sviluppo in aree e settori marginali; Leone Leonida, Aldo Pugliese , Know-how locali, accumulazione di conoscenze e vincoli finanziari. Problematiche di crescita nell'analisi di un campione di imprese operanti nella provincia di Cosenza
Vincenzo Fazio, Fabio Mazzola, Antonio Purpura, Know-how locali e sviluppo dell'industria del marmo e della trasformazione dei prodotti ittici in Sicilia
Tiziana Cuccia, L'ospitalità in agriturismo nella Sicilia Orientale: un know-how da sviluppare
Maria Musumeci, Informazione e processi di apprendimento nello sviluppo locale
Antonio Sassu, Sergio Lodde, Saperi locali, innovazione tecnologica e sviluppo economico: indagine su un campione di imprese sarde.