La forza di non mollare

Ernesto Rossi dalla grande guerra a Giustizia e Libertà

Autori e curatori
Contributi
Arturo Colombo
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  2004   (Codice editore 1510.7)

La forza di non mollare. Ernesto Rossi dalla grande guerra a Giustizia e Libertà
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846453174

Presentazione del volume

Dl 1915 al 1930 si snoda il processo di formazione civile di Ernesto Rossi (1897.1967), una delle figure più singolari e rappresentative della cultura storico-politica ed economica italiana, continuatore della tradizione laica risorgimentale e, dopo il secondo dopoguerra, "firma" prestigiosa del "Ponte" di Calamadrei, del "Mondo" di Pannunzio, dell'"Astrolabio" di Parri. Con acutezza di analisi e vivacità descrittiva questo saggio ripercorre le fasi giovanili della biografia umana e intellettuale di Rossi illustrandone i momenti-chiave più significativi: la partecipazione volontaria alla guerra, l'amicizia con Gobetti, Salvemini, i fratelli Rosselli, la collaborazione con Zanotti-Bianco, il coraggioso impegno di antifascista fino all'arresto - insieme a Riccardo Bauer - come esponente del movimento di "Giustizia e Libertà". Anche attraverso alcuni illuminanti scritti, riproposti in appendice, emergono così i tratti caratterizzanti di un'autentica "anima di fuoco" che - alternando il rigore dell'intransigenza col gusto dell'ironia - non rinuncerà mai a quella "forza di non mollare", decisiva per rendere operante ogni concreta crescita democratica.

Giuseppe Armani , noto soprattutto per gli studi su Cattaneo, ha già dedicato numerose ricerche ai maggiori esponenti della tradizione democratica italiana, da Beccaria a Ghisleri, da Salvemini a Rossi, di cui ha curato varie raccolte degli scritti: Un democratico ribelle (1975, nu. Ed. 2001); Guerra e dopoguerra (1978); Il sillabo e dop o (2000).

Indice

Arturo Colombo, Presentazione

Un'autobiografia dalle lettere

(Un epistolografo straordinario; La produzione giornalistica giovanile)

L'esperienza della guerra

(Oltre l'adolescenza; Un ufficiale che ragiona; Giustificazioni del volontariato; Dalla prima linea all'aviazione)

La crisi del primo dopoguerra

(La collaborazione al "Popolo d'Italia"; La collaborazione al "Popolo di Trieste")

Tra Pareto e Salvemini

(L'incontro con Salvemini; La conoscenza di Pareto)

In Basilicata

(Le lettere a Zanotti-Bianco; Iniziative meridionaliste)

L'impegno antifascista

(Il lavoro all'"Agraria"; La direzione del "Giornale degli agricoltori toscani")

Cospirazione e studi fino all'arresto

(Il "Non mollare"; "Voglio mettermi di buzzo buono"; La collaborazione con Einaudi; I saggi della "Riforma sociale"; Gli opuscoli di "Giustizia e Libertà"; L'appendice al libro di De Viti De Marco; Verso la condanna)

Appendice

Scritti di Ernesto Rossi

(Osservazioni sulle caratteristiche degli stati democratici: 1921; La funzione sociale della proprietà terriera: 1921; Per l'emigrazione meridionale: 1922; Gli agricoltori e le tariffe doganali: 1923; Stato fascista e stato liberale: 1929)

Indice dei nomi.