Psicoterapia psicodrammatica.

Sviluppi del modello moreniano nel lavoro terapeutico con gruppi di adulti

Autori e curatori
Contributi
Felice Perussia
Collana
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 368,   3a ristampa 2020,    1a edizione  2005   (Codice editore 1250.77)

Psicoterapia psicodrammatica. Sviluppi del modello moreniano nel lavoro terapeutico con gruppi di adulti
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 42,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846463180

Presentazione del volume

Il testo si sofferma sui fondamenti teorici dello psicodramma e della metodologia applicata a gruppi continuativi - usualmente chiamati di psicoterapia - che hanno lo scopo di produrre nei partecipanti un'evoluzione stabile e significativa nel modo di funzionamento della personalità.

I criteri fondanti questo approccio psicologico, ideato da J.L. Moreno, sono presentati nella loro centralità e aggiornati alla luce delle acquisizioni teoriche e metodologiche delle attuali tendenze della psicologia dinamica orientata alla valorizzazione della matrice relazionale del Sé.

Vengono descritte e motivate le condizioni ottimali che consentono al gruppo continuativo di psicodramma di produrre al proprio interno azioni vitalizzanti: gli aspetti di "setting", i meccanismi mentali stimolati, le tecniche codificate, la peculiarità della dinamica gruppale.

Ampio spazio è dato all'illustrazione di strategie registiche nella conduzione dell'individuo/protagonista e del gruppo nel suo insieme. Tale illustrazione è supportata da materiale fotografico che mostra il farsi "concreto" della rappresentazione psicodrammatica.

Inoltre vengono riportati i protocolli del trattamento completo di un paziente che conclude felicemente il proprio percorso terapeutico e lo stralcio di alcune sessioni di lavoro psicodrammatico con pazienti psicotici.

Il testo è completato da due appendici: la prima descrive quel tratto di storia che ha visto la nascita, la definizione e il consolidamento dello psicodramma ("Vita e scritti di Moreno"); la seconda propone un giro d'orizzonte sugli orientamenti odierni della psicologia per collocarvi lo psicodramma nel suo attuale stato evolutivo.

Giovanni Boria , psicologo clinico, psicoterapeuta, psicodrammatista, ha compiuto la sua formazione allo psicodramma all'Istituto Moreno di Beacon (New York) con la guida di Zerka Moreno. È direttore della scuola di specializzazione in psicoterapia dello Studio di Psicodramma di Milano. Fra le sue pubblicazioni: Tele. Manuale di psicodramma (Angeli, 1983); Spontaneità e incontro (UPSEL, 1992); Lo psicodramma classico (Angeli, 1997). È socio fondatore ed è stato primo presidente della FEPTO ( Federation of European Psychodrama Training Organizations ) con sede a Lovanio.

Indice


Felice Perussia, Prefazione
Introduzione
Parte I. Fondamenti
L'eredità di Moreno
Il fattore S/C
(Il vitalismo di Moreno; Che cos'è la spontaneità; Che cos'è la creatività; La conserva culturale; Il riscaldamento)
Il tele
(L'atomo sociale; La sociometria; L'incontro; Tele versus transfert)
Il ruolo: definizione e caratteristiche
(La definizione moreniana di ruolo; Il ruolo come forma; Il ruolo come bipolarità; Ruolo, controruolo e testimone; L'auto-osservazione nella rappresentazione mentale di un ruolo; Reciprocità fra accadimenti e rappresentazioni mentali; Concreto e astratto ovvero ruolo e relazione; Significante e significato nel ruolo; Privato e collettivo nel ruolo)
Ruoli e funzionamento dell'Io
(Protoruoli e ruoli psicosomatici; Ruoli psicodrammatici e ruoli sociali; Mondo sociale, mondo interno, scena psicodrammatica; Ruolo, Sé, Io, mondo esterno nello Schema dei ruoli; Condizione di realtà e condizione di semirealtà)
Parte II. Il gruppo in azione
Gli elementi del setting
(Lo spazio terapeutico; Il direttore/terapeuta; Gruppo, protagonista, io-ausiliario, uditorio; Le sessioni)
I meccanismi mentali elettivi
(La funzione di doppio; La funzione di specchio; Il decentramento percettivo; La catarsi)
Le tecniche codificate
(Amplificazione; Autorappresentazione; Costruzione della scena; Doppio; Intervista; Inversione di ruolo; Proiezione nel futuro; Sedia ausiliaria; Sociometria; Soliloquio; Sospensione della risposta; Specchio)
La conduzione del gruppo
(L'accadimento ovvero l'azione contestualizzata; La funzione registico-strategica del direttore; La sequenza delle consegne)
Aspetti della dinamica gruppale
(Il primato della soggettività; Il mondo ausiliario; La dialettica fusionalità-individuazione-alterità; Il co-conscio e il co-inconscio)
Parte III. Meccanismi del cambiamento
Globalità della messa in gioco e cambiamento
L'espressività
La rottura del copione
L'intreccio di io-attore ed io-osservatore
La ristrutturazione del teatro interno individuale
Parte IV. Strategia registica nella conduzione del protagonista
I sette gradini
(La presa in carico del protagonista; L'entrata nella semirealtà: il nuovo tempo e l'intervista "esistenziale"; La costruzione della scena e l'intervista "in situ"; Il popolamento della scena; L'azione scenica; L'integrazione; Il ritorno alla realtà)
Il percorso esercitativo di Marcella
L'evento relazionale accaduto e vincolante
(La vignetta; L'episodio critico)
L'evento relazionale nuovo e inatteso
(Il decentramento circolare)
La rappresentazione geometrica
(L'atomo sociale; Il genodramma)
L'immagine visiva statica
(La fotografia; La scultura)
L'immagine simbolica
(La metafora; La scena fantastica)
Parte V. Individuo e gruppo nel processo terapeutico
I fili di una matassa
Il ruolo come contenitore di funzioni
Il ruolo come segnalatore di disfunzioni
Tre anni con Davide
(Il ragnetto ovvero Inizio del percorso; La vittima e il carnefice ovvero Ambivalenza e conflitto; Esco allo scoperto ovvero Sperimentazione di ruoli nuovi; Lascio casa ovvero Separazione; Sto bene ovvero Ristrutturazione del Sé)
Parte VI. Psicodramma con gli psicotici
Lo staff di io-ausiliari in una struttura psichiatrica
Vicende e immagini di pazienti
(Agostino; Giacomo; Tommaso)
Appendice
Giovanni Boria, Lo psicodramma nella vita e negli scritti di Jacob Levy Moreno
(I primissimi anni in Romania; Fanciullezza in famiglia a Vienna; Il distacco dalla famiglia dell'adolescente ribelle; Gli anni universali, gli amici, gli ideali e le prime sperimentazioni; Il periodo della Grande Guerra e Daimon; Bad Voslau, Marianne e il primo paziente psichiatrico; Il ritorno al teatro e l'episodio di Barbara; Das Stegreiftheater; Il trasferimento negli Stati Uniti, le difficoltà iniziali, i primi successi; Who Shall Survive?; Il Sanatorium a Beacon; Definizione, consolidamento e prima diffusione dello psicodramma; La 'musa' Zerka; Psychodrama; L'espansione internazionale; La morte di Moreno; Lo psicodramma dopo Moreno)
Emanuele Del Castello, Lo psicodramma e la concezione relazionale della mente all'inizio del terzo millennio
(Introduzione; La concezione relazionale della mente; L'attaccamento; Attaccamento e sviluppo della mente; La funzione riflessiva; Il ruolo della riflessività genitoriale; Funzione riflessiva e realtà psichica; La metacognizione; Comprensione della funzione metacognitiva; La cognizione sociale; Lo sviluppo delle emozioni)






  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità