Competenze e biografie in azione.

Proposte operativo-didattiche di Lifelong Learning nelle organizzazioni complesse

Autori e curatori
Contributi
Federico Batini, Giorgio Bert, Andrea Ciantar, Paolo Di Rienzo, Andrea Fontana, Simone Giusti, Barbara Light
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2012   (Codice editore 431.1.1)

Competenze e biografie in azione. Proposte operativo-didattiche di Lifelong Learning nelle organizzazioni complesse
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856849363

In breve

Negli ultimi anni la ricerca nazionale e internazionale ha sviluppato dispositivi e buone pratiche nell’ambito delle metodologie biografico-progettuali. Il volume offre una panoramica di esperienze attraverso percorsi operativo-didattici redatti da studiosi e ricercatori che operano sul campo.

Presentazione del volume

Il mercato del lavoro cambia e richiede ai soggetti lo sviluppo di nuove competenze visibili e invisibili, ma anche un ripensamento delle metodologie e delle strategie formative al fine di qualificare le emozioni, le esperienze e i vissuti.
Negli ultimi anni la ricerca nazionale e internazionale ha sviluppato dispositivi e buone pratiche nell'ambito delle metodologie biografico-progettuali, utili in tutte quelle realtà aziendali e non che intendono valorizzare la risorsa- uomo e la sua capacità di autogestione formativa.
Il volume, diretto a studenti e formatori che operano nel settore aziendale, universitario, socio-sanitario, della comunicazione, della relazione e dell'educazione, si inserisce nella cornice europea della lifelong education che promuove processi di riconoscimento, validazione e certificazione delle competenze formali, non formali e informali. Processi, questi, che richiedono inevitabilmente ai soggetti percorsi riflessivo-biografici, per orientarsi nel "divenire" e nel cambiamento personale e professionale, labirinti imprescindibili dell'esistenza contemporanea.
Attraverso i contributi operativo-didattici di studiosi e ricercatori che operano sul campo, allo scopo di coniugare il sapere scientifico-accademico con quello professionale e, allo stesso tempo, le esigenze di produttività del mercato del lavoro con un'occupabilità di tipo qualitativo dei soggetti, si propongono piste alternative che lavorano sull'architettura strategica dell' apprendere ad apprendere e dell' apprendere a divenire , tenendo conto non solo delle trasformazioni economico-sociali, ma anche della svolta narrativa personale.

Maria Ermelinda De Carlo è pedagogista dell'età adulta ed esperta in metodologie biografico-progettuali per la formazione continua delle risorse umane nelle organizzazioni complesse. Dottore di ricerca e Cultore della materia in Educazione degli adulti, collabora con l'Università del Salento. È nelle équipe di ricerca interuniversitarie nazionali ed internazionali nel settore del Lifelong Learning e dei sistemi di riconoscimento delle competenze non formali e informali. Tra i suoi scritti più recenti: Formazione, Trasformazione e Riformazione. Dialogo emotivo per immagini (FrancoAngeli, 2011, con V. Colapietro); Rileggere le competenze invisibili. Percorsi narrativi e prospettive narratologiche nella formazione continua (FrancoAngeli, 2011); "Dalle scritture autobiografiche alle competenze invisibili. Un percorso metodologico per riconoscere gli acquis non formali ed informali degli adulti" (in I saperi dell'esperienza , Anicia, 2011); Autobiografie allo specchio. Strumenti metodologici del ri-leggerSi tra educazione degli adulti e narratologia (FrancoAngeli, 2010).

Indice



Barbara Light, Prefazione. Creatività e innovazione: il sé nei nuovi paradigmi di apprendimento
Maria Ermelinda De Carlo,
Introduzione. La didattica narrativa nella progettazione formativa delle organizzazioni complesse
Federico Batini,
Storie per il futuro...: costruirsi e progettarsi con l'orientamento narrativo
(Riferimenti bibliografici)
Simone Giusti, L'educazione interculturale: storie che fanno la differenza
(Riferimenti bibliografici)
Giorgio Bert, Aspetti narrativi nelle relazioni di cura
(Riferimenti bibliografici)
Andrea Fontana, Narrare l'impresa. Valorizzare, formare, ingaggiare
(Riferimenti bibliografici)
Maria Ermelinda De Carlo, Sostenere le identità professionali. Dalle rappresentazioni grafico-narrative del Sé al riconoscimento delle competenze invisibili
(Riferimenti bibliografici).