Didattica del pensiero creativo

Uno studio di caso

Autori e curatori
Argomenti
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 192,   1a ristampa 2015,    1a edizione  2014   (Codice editore 316.10)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Didattica del pensiero creativo. Uno studio di caso
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891708755

In breve

Rivolto sia agli studenti sia a coloro che si occupano di didattica universitaria, questo volume documenta uno studio di caso costituito da elementi e strategie collaudate lungo un’esperienza decennale d’insegnamento universitario e di ricerca presso l’Università della Valle d’Aosta, nei corsi di Scienze della formazione primaria e Scienze dell’educazione.

Presentazione del volume

Il volume documenta uno studio di caso costituito da elementi e strategie collaudate lungo un'esperienza decennale d'insegnamento e di ricerca universitari contraddistinte da uno sguardo strabico: da una parte rivolto agli studenti, dall'altro a coloro che si occupano di didattica universitaria. Per gli uni esso dovrebbe rappresentare uno strumento di lavoro accessibile, puntuale, ma aperto, non esaustivo; per gli altri un'occasione di confronto, il contributo al dibattito - non abbastanza vivace - valore dell'innovazione e la differenziazione dei metodi e delle forme che è indispensabile radicare anche nelle aule accademiche.
Il testo ripercorre i fondamenti della didattica indagandoli attraverso strade nuove: la prima trasversalità è il tentativo di fecondare tutto il proprio operare, riflettere e teorizzare con il seme della creatività in quanto energia capace di rigenerare la lettura del mondo, di combinare in modo sempre nuovo le competenze e le conoscenze apprese dai libri come pure dalle esperienze di vita. La seconda è il raccontare: nell'accadimento imprevisto trova perno e ragione una storia, e nella vita scolastica sono innumerevoli le situazioni straordinarie alle quali abbiamo fatto fronte, che hanno creato ferite, o impresso volti e gesti indimenticabili: la vita di scuola domani non potrà che fare i conti con le nostre storie di scuola passate. Infine, in questo libro - sia nei meandri della scrittura, sia nell'organizzazione dei materiali didattici - si respira una continua mescolanza tra scienza e arte: due sistemi di rappresentazione del mondo dove il pensiero e il fare individuali scaturiscono, in divenire, da una costante negoziazione tra l'individuo con la sua identità in evoluzione e la cultura. In questo stanno le persone, tutte più o meno fragili, tese verso il desiderio di capire, tentate dal demone mortifero dell'immobilità: allievi e insegnanti si devono muovere, accompagnandosi vicendevolmente, per fecondare nuove, più alte forme di vita.

Gianni Nuti è ricercatore e professore aggregato di Didattica generale presso l'Università della Valle d'Aosta, dove ha insegnato anche Metodologia dell'educazione musicale, del gioco di ruolo e tecniche di animazione e Psicologia della musica. I suoi interessi di ricerca vertono sulla didattica delle arti, sulla relazione educativa attraverso i linguaggi non verbali e su percorsi inter- e transdisciplinari. È autore di numerose monografie, di due romanzi e di centinaia di articoli e contributi in volumi collettanei. Per la FrancoAngeli ha pubblicato La musica e le altre discipline (2008), Musica pratica, scuole di ieri e di domani (2011), Le briciole di Pollicino. Fotografia e didattica tra scuola ed extrascuola (2013).

Indice

Premessa
La struttura, i metodi
Riordinare le memorie di scuola. Rappresentazioni delle relazioni educative, il valore dell'autobiografia
La scelta di diventare insegnanti. Motivazione e prospettive professionali
Alle origini della didattica, la relazione. Le ragioni della didattica e dei suoi fondamenti pedagogici
Una, cento, mille didattiche. Didattica generale, disciplinare, le intersezioni tra saperi e metodi
Comunicare apprendimenti, adottare stili: la didattica nascosta. Gli stili comunicativi, i linguaggi non verbali in classe
Programmare, progettare. La programmazione, la progettazione come mappe dell'agire educativo
L'insegnante creativo. Coltivare il pensiero divergente nella professione insegnante
L'insegnante che concerta, negozia, lavora in équipe. Prevenire e sanare i conflitti a scuola
Saper motivare, essere motivati a crescere nella conoscenza. Il sistema motivazionale e la dimensione metacognitiva
Lasciare un racconto e una canzone: il sapiente sentimento dell'incertezza. Educare alla contemporaneità: pensiero liquido, pensiero debole
Bibliografia.