Il passaggio generazionale: da rischio a opportunità di sviluppo dell'impresa

Alcuni casi di successo nella provincia di Brescia

Autori e curatori
Contributi
Massimo Lodi, Giovanna Morelli, Paolo Prandi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 144,      1a edizione  2018   (Codice editore 1820.318)

Il passaggio generazionale: da rischio a opportunità di sviluppo dell'impresa. Alcuni casi di successo nella provincia di Brescia
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891771230
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891777829
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume indaga il rischio d’impresa connesso alla mancata presa d’atto della problematica relativa al ricambio generazionale e illustra come l’utilizzo del trust possa contribuire alla creazione di un “ambiente” propizio al completo dispiegarsi delle potenzialità degli eredi. Presenta dunque le testimonianze di un campione di imprenditori bresciani che hanno realizzato il processo di ricambio generazionale, al fine di saggiare la loro “sensibilità” al tema, capire le metodologie utilizzate, verificare la bontà delle scelte effettuate.

Utili Link

Bresciaoggi Imprese familiari tra rischio e opportunità (di Manuel Venturi)… Vedi...
Giornale di Brescia La quotazione, "facilitatore" per il passaggio generazionale… Vedi...
Corriere della Sera (ed.Brescia) Imprese familiari al futuro (di Massimo Tedeschi)… Vedi...

Presentazione del volume

Il volume, frutto dell'attività di ricerca sostenuta dal Centro Studi Nazionale Cinzia Dabrassi in collaborazione con l'Associazione Industriale Bresciana, la Macro Area Territoriale "Brescia e Nord Est" di UBI Banca e la Fondazione EULO, affronta il passaggio generazionale nelle imprese familiari. Il tema, pur oggetto da tempo di numerosi contributi e di un vivace dibattito nella letteratura economica ed aziendale, resta un momento della vita di un'impresa connotato da elementi di forte discontinuità e di grande incertezza, specie per la sua gestione e per gli effetti sull'operatività organizzativa. Le dinamiche emozionali ad esso connesse hanno ripercussioni ancor più evidenti sulle imprese familiari, dove la commistione tra elementi familistici e necessità imprenditoriali può talvolta essere di impedimento alla serena impostazione di strategie di lungo termine, alla risoluzione di eventuali conflitti e alla positiva ricomposizione delle divergenze.
Il volume, nei suoi tre capitoli, oltre a dar spazio ad un'ampia e articolata ricognizione della tematica, offre un interessante contributo specifico su alcuni casi di successo dell'imprenditoria bresciana.
Nel primo contributo, Paolo Prandi e Giovanna Morelli, dopo un'analisi critica delle peculiarità dell'impresa familiare nel contesto italiano ed europeo, approfondiscono la rischiosità connessa al ricambio generazionale per la continuità operativa dell'impresa. Oltre ad offrire una cornice di riferimento anche metodologico dell'intero processo, ne evidenziano le particolarità rispetto all'orientamento dei più diffusi codici di autodisciplina adottati in Italia, utili quale guida nei processi di crescita e di maturazione della governance aziendale. Nel secondo, Massimo Lodi individua nel trust un possibile moderno strumento tecnico per affrontare la prima fase del passaggio generazionale: il trasferimento di proprietà dei pacchetti azionari. Nel terzo, Aldo Amici presenta le testimonianze raccolte presso alcuni imprenditori bresciani "trasmettitori" e "continuatori" che stanno avviando o hanno completato con successo il processo di ricambio generazionale, al fine di riportare la loro "sensibilità" al tema, cogliere e tradurre a sistema le metodologie utilizzate, condividere la bontà delle loro scelte.
In sintesi, i risultati dei singoli contributi mostrano come il passaggio generazionale non sia ad oggi per le imprese familiari, al di là della loro dimensione, una scelta facile, scevra da incertezze e dinamiche emozionali. Si tratta piuttosto di un progetto che va meditato nel tempo, che non ammette margini di errore per il bene dell'impresa. Molte imprese bresciane lo hanno compreso e si stanno organizzando.

Aldo Amici
è Segretario Generale della Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Ha lavorato presso l'Ufficio Studi della Banca San Paolo di Brescia ed è stato responsabile della Funzione pianificazione strategica del Gruppo Banca Lombarda e Piemontese. Autore di pubblicazioni sul sistema creditizio e finanziario nazionale e locale, è un attento studioso delle dinamiche anche recenti dei distretti industriali italiani.

Indice

Stefano Vittorio Kuhn, Giuseppe Pasini, Victor Massiah, Prefazioni
Paolo Prandi, Giovanna Morelli, Il rischio del passaggio generazionale: attori, tecniche e strategie nel processo di transizione
(Il quadro di riferimento; Il rischio del passaggio generazionale e la sua gestione; Il contesto aziendale e la governance; Alcune considerazioni di sintesi; Bibliografia)
Massimo Lodi, Trust, passaggio generazionale e governance
(Premessa; Il trust, possibile strumento per il passaggio generazionale; Trust e passaggio generazionale nelle aziende familiari; Trust e governance aziendale nelle aziende familiari; Conclusioni)
Aldo Amici, Il passaggio generazionale presso un campione di imprese familiari bresciane
(Introduzione; Alcune storie bresciane di successo; Osservazioni conclusive)
Claudio Devecchi, Postfazione
Gli autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi