Work-Based learning.

Il valore generativo del lavoro

Autori e curatori
Contributi
Massimiliano Costa, Umberto Margiotta
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 242,      1a edizione  2018   (Codice editore 1163.3)

Work-Based learning. Il valore generativo del lavoro
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891771766
Informazioni sugli e-book

Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 22,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891777713
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book



In breve

Il mondo produttivo deve dialogare e contaminarsi con le scuole e le università, come la Legge 107 prevede. Ripartire dalle scuole e dal sistema duale di apprendimento basato sul lavoro può consentire ai giovani una più adeguata conoscenza delle imprese. Dopo aver presentato il quadro europeo su questi temi, l’autore propone un’ipotesi educativa centrata sul paradigma della “formatività”.

Presentazione del volume

La formazione duale è il focus delle attuali politiche europee come risposta all'esigenza di migliorare l'occupabilità dei giovani e come contrasto al deficit di competenze per la transizione nel mondo del lavoro. Il volume si interroga quindi su come le scuole e il mondo del lavoro possano creare le condizioni per un'alternanza di qualità: come considerare il rapporto tra formazione e sviluppo della persona grazie a una tutorship agentiva e a un contesto "abilitante"? Quale il ruolo dei tutor in azienda e degli insegnanti a scuola? Quali i processi cognitivi attivati nei giovani, quali le modificazioni del rapporto con i saperi e con la formazione delle competenze-chiave?
La prima parte ricostruisce accuratamente il contesto europeo del Work-Based Learning in un'ottica comparata, il quadro giuridico-normativo in Italia e la dimensione storica dell'evoluzione del concetto pedagogico di lavoro. Nella seconda parte, grazie a una ricerca empirica su un campione di scuole, centrata su uno strumento tassonomico originale basato sulla categoria pedagogica della formatività, sono tracciate, insieme agli esiti dell'indagine, significative ipotesi progettuali e possibili linee di governance dell'Alternanza scuola-lavoro Il volume offre spunti di riflessione e indicazioni operative per chiunque operi nel settore della formazione duale.
Il volume, introdotto dalla prefazione di Massimiliano Costa, è integrato da una postfazione di Umberto Margiotta sugli aspetti fondativi del paradigma della formatività.

Valerio Massimo Marcone
, è dottore di ricerca in Scienze della Formazione presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. La sua attività di ricerca scientifica è rivolta allo studio dei processi formativi nei percorsi di apprendimento basato sul lavoro (WBL), quali l'alternanza scuola-lavoro e l'apprendistato, temi sui quali ha pubblicato articoli e saggi in volume. Collabora con il Ceforc (Centro di ricerca sulla formazione continua) presso l'Università degli studi di Roma Tre. Docente in alcuni master universitari, è stato Visiting Research presso il Cedefop (Agenzia europea per la formazione professionale) ed è nel Comitato di Redazione di alcune riviste del settore.

Indice

Massimiliano Costa, Prefazione
Introduzione
"Il lavoro del futuro": alcune implicazioni per i processi educativi
(I nuovi scenari del lavoro: verso il 2030; Quali competenze per il futuro del lavoro?; "Ripartire" dall'istruzione e formazione professionale; Verso un'agency lavorativa come "pietra angolare" di fronte alla quarta rivoluzione industriale)
Le Politiche Europee per l'occupabilità
(La Strategia Europea per l'Occupazione (SEO) da Lisbona a "Europa 2020"; Istruzione e formazione professionale nelle politiche europee)
La ratio del Work-Based Learning
("More Work-Based Learning"!; I "Benefici" del WBL; I modelli di Work-Based Learning; L'apprendistato in Italia: competenze, prospettive ed occupabilità; Il "sistema" di alternanza scuola-lavoro)
La formatività del Work-Based Learning
(Il valore educativo e formativo del lavoro; Il valore dell'agire pratico; La visione "moderna" del lavoro; Il Principio di "Formatività"; Un'ipotesi di una "Tassonomia di indicatori di qualità" nei processi di Work-Based Learning)
La ricerca
(Il disegno di ricerca; "I Casi di Studio")
Il valore generativo del lavoro
(Primo indicatore: "Riflessività"; Secondo indicatore: "Partecipazione"; Terzo indicatore: "Agentività"; Quarto indicatore: "Capacitazione"; Quinto indicatore: "Generatività")
Conclusioni. Progettare nuovi contesti capacitanti nella scuola: la sfida del futuro
Umberto Margiotta, Postfazione. Attraversare diversi ambiti di conoscenza ed elevarli a nuovi significati: ruolo ed identità del tutor
Bibliografia.