La dimensione educativa nell’assistente sociale.

Per una fusione pedagogica di orizzonti nelle professioni sociali

Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 98,      1a edizione  2019   (Codice editore 249.1.17)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La dimensione educativa nell’assistente sociale. Per una fusione pedagogica di orizzonti nelle professioni sociali
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 14,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891791139

In breve

Dopo aver riflettuto sulle urgenze sociali del nostro tempo, il volume evidenzia la possibilità di pensare un modello di formazione educante che, attraverso le capabilities, consenta di sviluppare competenze anche umane, oltre che tecnologiche: competenze adeguate alla professionalità dell’assistente sociale. Un testo per assistenti sociali in fieri (perché studenti universitari) e in facto (perché già in piena attività) che vogliano meglio comprendere il valore educativo dell’intervento sociale che sono chiamati ad attuare nell’ambito del loro lavoro.

Presentazione del volume

Il testo si rivolge agli assistenti sociali in fieri (perché studenti universitari) e in facto (perché già in piena attività), che vogliano meglio comprendere il valore educativo dell'intervento sociale che sono chiamati ad attuare nell'ambito del loro lavoro.
La loro professione infatti "si fonda sul valore, sulla dignità e sulla unicità di tutte le persone, sul rispetto dei loro diritti universalmente riconosciuti e delle loro qualità originarie quali libertà, uguaglianza, socialità, solidarietà, partecipazione, nonché sulla affermazione dei princìpi di giustizia ed equità sociali" (Codice deontologico dell'Assistente Sociale, 2002).
A tali professionisti, inoltre, il Codice chiede di operare "al servizio delle persone, delle famiglie, dei gruppi, delle comunità e delle diverse aggregazioni sociali" allo scopo di contribuire al loro sviluppo e di valorizzarne "l'autonomia, la soggettività, la capacità di assunzione di responsabilità". Tale mission possiede una forte valenza pedagogica, anche in ragione dei nuovi bisogni sociali e delle derive umane che il funzionalismo della nostra epoca sta determinando nella vita delle persone, a tutti i livelli e in tutti i luoghi dell'esistenza. In considerazione di tali riflessioni il testo, dopo aver riflettuto sulle urgenze sociali del nostro tempo, evidenzia la possibilità di pensare un modello di formazione educante che, attraverso le capabilities, consenta di sviluppare competenze anche umane, oltre che tecnologiche: competenze adeguate alla professionalità dell'assistente sociale.

Angela Muschitiello è professore aggregato di Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Bari e Giudice onorario al Tribunale per i Minorenni di Bari dal 2015. Tra le sue ultime pubblicazioni: Una riflessione pedagogica tra formazione e lavoro (Roma-Bari, 2019); Competenze e capabilities. Come cambia la formazione (Bari, 2012); Ragazzi contro o contro i ragazzi? La pedagogia si interroga e propone (Bari, 2008).

Indice

Introduzione
Il senso educativo del lavoro dell'assistente sociale
Una riflessione ancora aperta
Introduzione
Funzionare per funzionare? Le cause del disagio
Funzionare per esistere? Il senso educativo
Orizzonti di senso
Riflessioni
Dalla formazione di competenze a quella educante di capability
Introduzione
La competenza: origini e interpretazioni
Caratteristiche e dimensioni costitutive della competenza
Dalla competenza alla performance e oltre
La formazione continua oggi
Formazione educante e capabilities
Riflessioni
L'implicito pedagogico nella capability dell'assistente sociale: oltre le competenze
Introduzione
Per un modello pedagogico di competenza
Le dimensioni educative della capability dell'assistente sociale
Le competenze pedagogiche della capability
Go beyong verso una fusione di orizzonti
Riflessioni
Work in progress
Bibliografia.