L'orientamento efficace

Per una pedagogia del lavoro e delle organizzazioni

Autori e curatori
Contributi
Luca Bianchi
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 168,      1a edizione  2019   (Codice editore 1163.7)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

L'orientamento efficace Per una pedagogia del lavoro e delle organizzazioni
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891799401

In breve

Il libro, rivolgendosi a studiosi, ricercatori, professionisti del mondo del lavoro e della formazione, vuole offrire un’occasione di riflessione intorno alla Pedagogia del lavoro e delle Organizzazioni, muovendo da una breve ricostruzione dei processi di trasformazione che investono la società contemporanea, con una specifica riflessione sulla costruzione del pensiero generativo come chiave pedagogica per un ripensamento della flessibilità del lavoro/ non-lavoro fino alla definizione del concetto di organizzazione come categoria pedagogica.

Presentazione del volume

In che modo oggi i percorsi di orientamento efficace possono diventare la struttura fondativa dei processi di apprendimento e di autoformazione? Come la centralità di questi percorsi riesce a delineare il paradigma della Pedagogia del lavoro e delle organizzazioni? E quale ruolo può avere rispetto a essa la Pedagogia intesa come scienza di confine?
Muovendo da questi interrogativi il testo si propone di analizzare il confine secondo una duplice declinazione: il confine come luogo teorico-pratico-multidisciplinare del sapere pedagogico, e il confine dell'umano inteso come non luogo del pensiero, come periferia del vivere, il cui superamento è nella possibilità del soggetto di progettare la propria esistenza e di realizzare le proprie aspirazioni attraverso l'attività lavorativa. Nel primo caso si tratta di leggere la multidimensionalità della struttura epistemologica del sapere pedagogico; nel secondo, invece, di recuperare la cura come fondamento ontologico, quella cura che, heideggerianamente intesa, può definire un orizzonte esistenziale, metodo di costruzione per un percorso di senso, di rinascita, di dinamicità.
Il libro, rivolto a studiosi, ricercatori, professionisti del mondo del lavoro e della formazione, muovendo da una breve ricostruzione dei processi di trasformazione che investono la società contemporanea con una specifica riflessione sulla costruzione del pensiero generativo come chiave pedagogica per un ripensamento della flessibilità del lavoro/non-lavoro, approda alla definizione del concetto di organizzazione come categoria pedagogica, nel tentativo di ridefinire il valore generativo e relazionale dell'agire lavorativo attraverso la capacità dell'azione pedagogica di ri-progettare un nuovo umanesimo.

Emiliana Mannese
- PhD - è professore associato di Pedagogia generale e sociale presso l'Università degli Studi di Salerno dove insegna Etica dell'educazione, Pedagogia clinica e Pedagogia clinica e analisi dei processi formativi. È, inoltre, referente di Ateneo per l'Alternanza scuola-lavoro, responsabile scientifico dell'Osservatorio sui Processi Formativi e Analisi Territoriale e direttore scientifico della rivista di Ateneo "Attualità Pedagogiche". Tra le sue pubblicazioni si segnalano: Pensiero ed Epistemologia. Saggio sulla Pedagogia Clinica (Lecce 2011) e Saggio breve per le nuove sfide educative, (Lecce 2016). Pensiero ed Epistemologia. Saggio sulla Pedagogia Clinica (Lecce 2011) e Saggio breve per le nuove sfide educative, (Lecce 2016).

Indice

Luca Bianchi, Prefazione
Introduzione
Il lavoro tra analisi di contesto, epistemologia e riflessioni pedagogiche
(La Pedagogia del lavoro: un'analisi di contesto tra tendenze e comparazioni dati; La pedagogia del lavoro tra orientamento e competenze. L'esperienza ORIENTAinTEMPO; Leggere la complessità a partire dai territori: l'Osservatorio sui Processi Formativi e l'Analisi Territoriale; Ipotizzando un nuovo paradigma: confine, genere e povertà educativa)
L'apprendimento generativo
(La Generatività tra origini filosofiche e attualità pedagogiche; Dalla produzione generativa alle nuove forme di lavoro: una sfida educativa; Agency, capacitazioni e innovazione sociale tra cittadinanza, identità e narrazione)
L'organizzazione come sistema generativo
(Introduzione al concetto di organizzazione come categoria pedagogica; Il sistema lavoro-organizzazione tra teoria e pratica educativa; L'organizzazione da proto-paradigma a "luogo dell'umano")
La pedagogia come "scienza di confine"
(Persona, ermeneutica, lavoro. Quale confine?; Aree disciplinari, temi, metodi e strumenti; Saperi, pratiche e policies: le sfide di una "scienza di confine")
Appendice - Training Orienta inTempo
Bibliografia.