Italiani e stranieri

La rabbia e l'imbroglio nella costruzione sociale dell'immigrazione

Autori e curatori
Argomenti
Livello
Dati
pp. 158,      1a edizione  2021   (Codice editore 11520.8)

Italiani e stranieri La rabbia e l'imbroglio nella costruzione sociale dell'immigrazione
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788835115953

In breve

L’immigrazione, che come ogni fenomeno sociale presenta costi e benefici, non viene affrontata razionalmente, nella completezza e polivalenza delle sue implicazioni. Al contrario essa viene definita “una minaccia” e i suoi protagonisti, i migranti, vengono presentati come “nemici”. Accanto al pregiudizio coltivato da una parte rilevante dell’élite politica e mediatica, vi è la vulnerabilità di settori tra i più deprivati della popolazione autoctona, colpiti dagli sconvolgimenti della società contemporanea. La carenza delle istituzioni politiche democratiche consiste nell’aver sottovalutato il profondo disagio dei residenti nelle periferie fisiche e morali delle città e non aver investito nella rigenerazione degli spazi, nella riqualificazione del welfare, nella scuola e nel lavoro per i giovani, nella partecipazione dei cittadini.

Presentazione del volume

"Il pregio del volume, che qui viene presentato in edizione rinnovata, consiste - a mio avviso - nella duplice caratteristica di rifuggire dalla retorica (sia quella allarmistica sia quella soporifera) e di fondare ogni affermazione su dati concreti e cifre" (Luciano Canfora).

Se si cerca una soluzione alla strumentalizzazione che i sovranisti fanno della questione immigrazione, il quesito da risolvere non riguarda il perché determinati politici e mass media perseguono sistematicamente la strategia dell'allarme. È evidente che l'obiettivo dei leader della Destra è aumentare il consenso elettorale e l'obiettivo di certe trasmissioni televisive è di allargare l'audience. Se è inutile chiedersi come mai Salvini dice le enormità che dice, resta però da chiedersi come mai, dicendole, riesce a convincere tante persone. L'espediente dei sovranisti è efficace: l'immigrazione, che come ogni fenomeno sociale presenta costi e benefici, non viene affrontata razionalmente, nella completezza e polivalenza delle sue implicazioni. Al contrario essa viene brutalmente definita "una minaccia" e i suoi protagonisti, i migranti, vengono presentati come "nemici". Questo è l'imbroglio. Accanto al pregiudizio coltivato da una parte rilevante dell'élite politica e mediatica, vi è la vulnerabilità di settori tra i più deprivati della popolazione autoctona, colpiti selettivamente dagli sconvolgimenti della società contemporanea (dalla crisi economica all'emergenza pandemica). Questa è la rabbia. La carenza delle istituzioni politiche democratiche - locali, nazionali, europee - consiste nell'aver sottovalutato il profondo disagio dei residenti nelle periferie fisiche e morali delle città e non aver investito nella rigenerazione degli spazi, nella riqualificazione del welfare, nella scuola e nel lavoro per i giovani, nella partecipazione dei cittadini. Quest'ultima, analizzata qui nel caso della rivolta nel quartiere romano di Tor Sapienza, è la prima condizione necessaria per prevenire il dilagare dell'esclusione e del pregiudizio.

Fabrizio Battistelli insegna Sociologia nel Dipartimento di Scienze sociali ed economiche dell'Università di Roma la Sapienza.

Indice

Introduzione all'edizione 2021
Introduzione all'edizione 2019
Il rischio immigrazione
(Migrazioni da conflitti e conflitti da migrazioni; Danni oggettivi e paure soggettive; L'utile confusione tra pericoli, rischi e minacce)
La questione immigrazione tra razionalità e irrazionalità
(Immigrazione: costi o benefici?; Un caso di confusione: l'immigrazione come minaccia e l'insicurezza dei "nativi" come risorsa politica; Migranti economici e richiedenti asilo: gli ultimi e gli ultimissimi)
Immigrazione, la costruzione sociale dall'alto: politici e mass media
(La minaccia-migranti e il contesto europeo; Italia: i politici; Italia: i mass media)
Immigrazione, la costruzione sociale dal basso: "la gente" tra accoglienza e conflitto
(La gestione delle differenze etniche e l'analisi di Herbert Blumer; La "gente" e la differenza-migranti; La città e il conflitto)
Antagonismo e dialogo in una periferia metropolitana
(Filosofia e metodo della Giuria dei cittadini; Tor Sapienza: dal contesto alla ricerca; Tor Sapienza: dalla ricerca ai risultati)
Conclusioni
Appendice. Sopralluogo a Tor Sapienza
Bibliografia.