LIBRI DI MICHELE MINOLLI

Il volume, arricchito dalla discussione di un caso clinico che ne esemplifica la prospettiva teorica, presenta un’epistemologia per la psicoanalisi, aggiornata alle consapevolezze moderne. In particolare, indaga un’epistemologia della presenza a se stessi, dove non è il mondo a essere complesso, ma le possibilità e i limiti della nostra conoscenza...

cod. 1422.14

Il testo affronta in modo sistematico l’universo degli strumenti clinici utilizzabili con i ragazzi e le ragazze che vivono la loro seconda decade di vita, con le loro famiglie e i loro contesti di vita. Un volume per psicologi, medici e psicoterapeuti interessati ad avvicinarsi alla comprensione del lavoro psicologico clinico con gli adolescenti di oggi, ma anche per educatori e operatori che quotidianamente li “incontrano” nel loro lavoro e nella loro formazione.

cod. 1250.257

Michele Minolli

Essere e divenire.

La sofferenza dell'individualismo

Il libro propone nuovi fondamenti per una psicoanalisi al passo con i cambiamenti epistemologici e scientifici attuali, nonché una chiave di lettura per capire la sofferenza dell’uomo post-moderno.

cod. 1250.247

Marcello Orazio Florita

L'intreccio.

Neuroscienze, clinica e teoria dei sistemi dinamici complessi

Questo volume nasce dalla necessità di conciliare il progresso delle scienze (filosofia, neuroscienze, psicologia, etc..) ad una teoria dell’uomo e, dunque, alla psicoterapia. Per questo l’autore cerca di costruire un modello "più ampio possibile" che si sviluppa e si nutre delle recenti acquisizioni scientifiche e viene verificato sistematicamente nell'applicazione clinica.

cod. 1240.363

Michele Minolli

Andare oltre Daniel Stern

RICERCA PSICOANALITICA

Fascicolo: 3 / 2013

Il mondo interpersonale del bambino (1985) ha avuto successo perché la teoria cui Stern ha sottoposto i dati dell’Infant research, il modo con cui li ha interpretati presentano un livello decisamente articolato e completo. Oggi, nel 2013, ossia 28 anni dopo la pubblicazione del Il mondo interpersonale del bambino, non possiamo non assumere un atteggiamento critico cui sottoporre il suo pensiero. È, in effetti, necessario non parlare più di "senso del Sé" ? il senso del Sé emergente, il senso del Sé nucleare, il senso del Sé soggettivo, il senso del Sé verbale ? ma solo e unicamente di Io-soggetto. In questo quadro di evoluzione delle idee possiamo parlare di Io-soggetto e affermare che: l’Io-soggetto è uno perché coniuga alla radice la diversità con l’unità, le parti con il tutto. L’Io-soggetto ha più parti in interazione tra di loro. Le varie componenti devono essere colte nella loro interazione e interdipendenza. E questo sia sul versante epigenetico che su quello fenomenico. L’Iosoggetto è in rapporto con l’esterno. L’Io-soggetto non è estraniato dalla realtà interattiva nella quale è giocoforza inserito.

Fondata sull’interazione fra terapeuta e paziente, la psicoterapia è uno degli strumenti che può consentire un cambiamento importante nel proprio modo di funzionare e di vivere. Nel volume, la relazione, il processo e i cambiamenti terapeutici sono affrontati da vari punti di vista, teorici e applicativi, in una prospettiva rispettosa della pluridisciplinarietà.

cod. 1222.139

Michele Minolli

Tu sei me e io sono te

RICERCA PSICOANALITICA

Fascicolo: 2 / 2011

Alla visione teorica individualistica e intrapsichica che storicamente ha strutturato l’intervento sulla coppia, viene contrapposta una presentazione della coppia come duale amoroso. Nella coppia, cioè, l’interazione con cui l’Io-soggetto diventa se stesso attraverso l’altro è retta, facilitata e favorita dall’amore. Viene poi presentata la legge della funzionalità, che non ha niente a che vedere con proiezione o introiezione o identificazione proiettiva. La funzionalità non è solo una chiave di lettura per tutti i rapporti, ma illumina e determina anche il costituirsi dell’innamoramento, la vita assieme di ogni giorno e le crisi inevitabili che accompagnano l’evolvere della coppia. Alcuni esempi clinici, tratti dall’esperienza dell’intervento psicoanalitico di coppia, accompagnano l’esposizione teorica. La coppia, da sola o con l’aiuto, quando è necessario, dell’intervento psicoanalitico, è uno strumento di crescita dell’Io-soggetto: "Io sono te e tu sei me".

Michele Minolli, Romina Coin

Per una psicoanalisi della relazione

PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE

Fascicolo: 3 / 2006

Per una psicoanalisi della relazione Nel presente articolo viene proposta una riflessione sul concetto di relazione in psicoanalisi. Nella letteratura psicoanalitica recente la relazione viene spesso trattata in una prospettiva fenomenico-interpersonale che lascia in ombra il versante intrapsichico e del conflitto inconscio, e che talvolta rischia di smarrire il soggetto nei vissuti emotivi più aleatori. Si segnala quindi la necessità di mettere a fuoco una teoria del soggetto in quanto sistema che organizza e regola la sua coerenza interna sul duplice versante della coscienza preriflessiva e della coscienza riflessiva. La relazione reale viene letta come scenario in cui si esplicano le polarità di una dinamica che è sempre e irriducibilmente intrapsichica.