Un’insolita interazione col mondo animale. Note in margine a una storia clinica

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Cesare Secchi
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 15 P. 95-109 Dimensione file: 196 KB
DOI: 10.3280/INT2022-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nell’ambito della lunga analisi di una paziente con una storia psicotica alle spalle, l’autore prende in esame un fenomeno molto peculiare riportato in seduta: la paziente sembra instaurare col mondo animale vivaci interazioni piuttosto diverse dal tradizionale rapporto col pet. Si tratta di contatti con numerosi animali, in prevalenza uccelli, che restano nel loro ambiente e che la paziente incontra al confine tra il loro mondo e il proprio; inoltre, gli scambi, ripetuti e a volte protratti per mesi, si realizzano tramite comunicazioni preverbali e inter-corporee; l’esperienza è vissuta dall’analizzanda con una speciale intensità, come un momento importante e misterioso da attraversare. L’autore avanza l’ipotesi che, oltre all’acquisizione di una ricca area transizionale, giochi una parte fondamentale la spinta a conoscere, già implicata nella precedente dinamica psicopatologica, ma qui cambiata di segno.

  1. Alper L.S. (1993). Chapter 19, The Pet-Child Bond. Progress in Self-Psychology, 9: 257-270. DOI: 10.4324/9780203778951
  2. Bolognini S. (2011). Animaux symboliques, animaux interpsychiques. Revue Française de Psychanalyse, 75, 1: 103-120.
  3. Bourdellon G., Ithier B. (2011). Argument: Animal. Revue Française de Psychanalyse, 75, 1: 5-12.
  4. Gavriele-Gold J.R. (2011). The Human-Canine Bond: New Learnings and Changing Rationality from a Psychoanalytic Perspective. The Psychoanalytic Review, 98, 1: 91-105.
  5. Lorenz K. (1949). L’anello di re Salomone. Milano: Adelphi, 1989.
  6. Marcus P. (2007). “I’m Just Wild about Harry!”. A Psychoanalyst Reflects in His Relationship with His Dog. The Psychoanalytic Review, 94, 4:639-656.
  7. Parat C. (1993). L’affect partagé. Revue Française de Psychosomatique, 2013, 44, 2: 167-182.
  8. Ponder J.A. (2019). Patients’ Use of Dogs as Objects of Identification, Projection and Displacement. Psychoanalytic Psychology, 36, 1: 29-35.
  9. Rappaport E. (1968). Zoophily and Zoerasty. Psychoanalytic Quarterly, 37: 565-587. DOI: 10.1080/21674086.1968.11926475
  10. Roth B. (2005). Pets and Psychoanalysis: a Clinical Contribution. The Psychoanalytic Review, 92, 3: 453-467.
  11. Sable P. (2016) The Pet Connection: An Attachment Perspective. Attachment: New Directions in Psychotherapy and Relational Psychoanalysis, 10, 3: 199-210. DOI: 10.1007/S10615-012-0405-2
  12. Sacks A. (2008). The Therapeutic Use of Pets in Private Practice. British Journal of Psychotherapy, 24, 4: 501-521.
  13. Testoni I., De Cataldo L. (2017). Un lutto speciale. Delegittimazioni culturali e rappresentazioni della morte nella perdita di un animale domestico. Psicoterapia e Scienze Umane, 51, 3: 413-428. DOI: 10.3280/PU2017-003004
  14. Winnicott D.W. (1971). Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974.

Cesare Secchi, Un’insolita interazione col mondo animale. Note in margine a una storia clinica in "INTERAZIONI" 1/2022, pp 95-109, DOI: 10.3280/INT2022-001011