La finanza comunale in provincia di Pavia tra gli anni Sessanta e Settanta del Novecento

Titolo Rivista: STORIA IN LOMBARDIA
Autori/Curatori: Franco Osculati
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 1-2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 18 P. 92-109 Dimensione file: 132 KB
DOI: 10.3280/SIL2021-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nella provincia di Pavia erano, e sono, presenti numerosi comuni, molti dei quali di piccole e piccolissime dimensioni. L’industrializzazione del dopoguerra e la connessa immigrazione non sconvolsero il territorio; tuttavia, tra gli anni Sessanta e i primi anni Settanta si manifestava un forte fabbisogno di infrastrutture. Pur aumentando gli investimenti e gli organici, i comuni mantennero una condotta finanziaria prudente anche dopo la riforma tributaria del 1974 che abolì quasi totalmente i tributi locali. La maggioranza dei comuni era di sinistra, ma non sembra che i diversi colori politici abbiano caratterizzato significativamente i comportamenti delle giunte. Il presente saggio cerca di collocare la situazione locale nelle tendenze economiche generali di un periodo contraddistinto da inflazione e dalla formazione di un primo nucleo di debito pubblico nazionale, un lascito fastidioso ma inevitabile.

  1. Baldissara L. (1998), Tecnica e politica nell’amministrazione. Saggio sulle culture amministrative e di governo municipale fra anni Trenta e Cinquanta, Bologna, Il Mulino.
  2. Campos Venuti G. e Predieri A. (1978), Legge sui suoli e nuova urbanistica a Pavia, Milano, Giuffrè.
  3. Forte F. (1968), La strategia delle riforme, Milano, Etas Kompass.
  4. Gallino L. (2003), La scomparsa dell’Italia industriale, Torino, Einaudi.
  5. Gerelli E. e Majocchi A., a cura di (1978), La crisi della finanza locale. L’esempio pavese, Milano, FrancoAngeli.
  6. Giannini M. S. (1971), Il riassetto dei poteri locali, in «Rivista trimestrale di diritto pubblico», a. XXI, n. 2, pp. 451-461.
  7. Governo italiano (2021), Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, Roma.
  8. Majocchi A., Osculati F. e Ghessi G. (1977), Settore ambientale, in Istituto per la Scienza dell’Amministrazione Pubblica, La delega di funzioni agli enti locali. Criteri e metodi per l’attuazione in Lombardia, Milano, Regione Lombardia.
  9. Pedrocco G., a cura di (1989), La storia dell’A.M.G.A. di Pesaro. Dal gaz illuminante al metano. Dai pozzi Northon all’acquedotto di Ponte degli Alberi, Pesaro, Azienda Municipalizzata Gas Acqua.
  10. Salvati M. (1999), Dal miracolo economico alla moneta unica europea, in Sabbatucci G. e Vidotto V., a cura di, Storia d’Italia. 6. L’Italia contemporanea. Dal 1963 a oggi, Roma-Bari, Laterza, pp. 321-437.
  11. Sartorati G. (1962), Analisi di alcune proposte di riforma delle imposte comunali di consumo, Milano, Ilses.
  12. Sorcinelli P. (1998), Storia sociale dell’acqua, Milano, Bruno Mondadori.

Franco Osculati, La finanza comunale in provincia di Pavia tra gli anni Sessanta e Settanta del Novecento in "STORIA IN LOMBARDIA" 1-2/2021, pp 92-109, DOI: 10.3280/SIL2021-001006