Guerra, guerra civile, liberazione La Toscana nella crisi del fascismo e dello Stato nazionale 1943-1944

Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA
Autori/Curatori: Serneri Simone Neri
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 265 Lingua: Italiano
Numero pagine: 17 P. 535-551 Dimensione file: 132 KB
DOI: 10.3280/IC2011-265001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Cosa significò per la Toscana l’esperienza della guerra, della guerra civile e della Resistenza? Quale fu l’apporto della Toscana alla ricostruzione dello Stato nazionale dopo la crisi innescata dal crollo del fascismo? L’articolo risponde a questi interrogativi ripercorrendo sinteticamente l’impatto della guerra sul consenso al regime in Toscana, l’occupazione tedesca e il ricorso della Rsi alla guerra civile, intesa come violenza sistematica contro avversari e popolazione civile per fondare un nuovo ordine politico. Si evidenziano le peculiarità della regione nel contesto della guerra nella penisola, perché essa fu retroterra del fronte e ciò accelerò notevolmente le dinamiche dell’occupazione e della Resistenza. Si sottolineano il radicamento del partigianato nelle specifiche condizioni del rapporto città-campagna e il parallelo affermarsi del Comitato toscano di liberazione nazionale, anche grazie alla scelta decisiva dell’autogoverno e dell’insurrezione, una scelta di grande rilievo nella ancora breve storia del movimento di Resistenza. Quelle esperienze aprirono una prospettiva di liberazione sociale e culturale e furono determinanti, al di là del consenso più o meno esteso, per infrangere i tradizionali assetti moderati e fondare una nuova identità regionale.

Serneri Simone Neri, Guerra, guerra civile, liberazione La Toscana nella crisi del fascismo e dello Stato nazionale 1943-1944 in "ITALIA CONTEMPORANEA" 265/2011, pp 535-551, DOI: 10.3280/IC2011-265001