Storie in cerchio. Riflessioni sui gruppi di famiglie affidatarie
Contributi
Franca Colombo, Giampiero Ferrario, Elisabetta Gagliardi, Marina Gatti, Antonella Patrizi, Alberto Penna, Fabio Sbattella, Marilena Tettamanzi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 208,      1a edizione  2007   (Codice editore 1130.219)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € ,00
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846480415

Utili Link
Mente & Cervello Segnalazione… Vedi...
Presentazione del volume

Fin dall'inizio della sua attività, il CAM ha compreso l'esigenza di accompagnare e sostenere le famiglie che affrontano l'avventura dell'affido familiare, individuando nei gruppi di discussione e di confronto tra famiglie affidatarie uno strumento fondamentale per il sostegno al progetto di affido.
Ora il CAM avverte l'esigenza di raccogliere in una cornice metodologica le riflessioni dei conduttori di gruppo, nell'intento di colmare una lacuna informativa presente in questo particolare settore e di offrire agli operatori dell'affido stimoli, suggestioni e indicazioni attinti dalla sua pluriennale esperienza.
Psicologi professionisti, provenienti da scuole di pensiero diverse, si trovano qui in perfetta sintonia sia nel sottolineare la centralità della esperienza di gruppo per le famiglie che vivono in prima persona la dimensione dell'affido, sia nel comunicare a colleghi e operatori sociali l'interesse e l'entusiasmo per la ricchezza di una esperienza professionale che li vede parte integrante del "cerchio" delle famiglie affidatarie.
Il cerchio non è solo la rappresentazione visiva del gruppo di persone che si incontrano periodicamente a parlare di affido, è anche l'immagine del fluire di pensieri ed emozioni che si dipanano in modo circolare tra loro.
Insieme, le famiglie affidatarie e gli psicologi conduttori di gruppo sono i protagonisti di queste "storie in cerchio".

Il CAM, Centro Ausiliario per i problemi Minorili, sorto a Milano alla fine degli anni Settanta, rappresenta una realtà del privato sociale ormai consolidata nel tempo. Offre servizi in vari settori dell'assistenza minorile: legale, scolastico, ricerca, formazione, affidi familiari, borse di avviamento al lavoro, Bed and Breakfast Protetto. Si avvale delle prestazioni volontarie di operatori qualificati nel campo delle scienze giuridiche e sociali e delle consulenze di psicologi professionisti. Svolge un ruolo cruciale a sostegno dell'affido familiare, attuando forme di integrazione tra servizi pubblici e privati, come espressione di una moderna organizzazione del sistema di tutela minorile.

Indice


Fabio Sbattella, Prefazione
Franca Colombo, Introduzione
Parte prima. Il gruppo riflette sul gruppo
Marina Gatti, Il gruppo: prerogative, talenti e potenziali creativi
(Il conduttore; Il gruppo: intelligenza emotiva e comunicazione empatica; Condivisione e coesione; L'opportunità di apprendimento; L'anima promozionale; L'ascolto e la narrazione tra i partecipanti; La carica vitale dell'umorismo; Il "circuito creativo")
Maria Carminati, Elisabetta Gagliardi, Un gruppo e la sua storia
(La barca a vela senza motore del CAM; La nostra storia con il gruppo; Detto e non detto; Permanenza e cambiamento; Dentro e fuori; Processo e contenuto; Le domande circolari; La presentificazione del terzo; L'apertura dell'orizzonte temporale; La centralità del bambino; Il gruppo apprende; Un'ultima storia: dove va la carovana del CAM? e un "ultimo" cambiamento)
Marilena Tettamanzi, Il ruolo del gruppo nel percorso dell'affido: esperienze a confronto
(Tre famiglie, tre affidi, tre storie; Il gruppo come protagonista dell'affido; Il gruppo riflette su se stesso)
Parte seconda. Il gruppo riflette sull'affido
Alberto Penna, Bambini come tanti
(Il rapporto con i coetanei; I sintomi e i problemi emotivi; Il rapporto con gli specialisti; Il ricordo della comunità; Lo sport e le attività extrascolastiche; I fratelli acquisiti)
Alberto Penna, Il bambino e la doppia lealtà: vicinanza emotiva e centralità del rapporto di affido
(La vicinanza emotiva tra affidatari e bambini; I traumi contagiano chi li condivide; I sentimenti degli affidatari verso la famiglia del bambino; L'innesto: due storie si incontrano; La salute del bambino dipende anche dagli affidatari; Il difficile compito di conoscere se stessi)
Antonella Patrizi, Marilena Tettamanzi, Le famiglie affidatarie raccontano la scuola: il gruppo come luogo di confronto
(Il ruolo della scuola nell'affido; La scuola secondo le famiglie affidatarie e il sostegno dei gruppi CAM; La voce degli affidatari)
Giampiero Ferrario, I servizi sociali dei minori nei racconti delle famiglie affidatarie dei gruppi CAM
(La questione del contesto di tutela; Il punto di vista dei servizi sociali; La famiglia di origine; La famiglia affidataria; Il ruolo del CAM; La rappresentazione dei servizi sociali fatta dalle famiglie affidatarie nei gruppi CAM; Cosa si aspetta da loro la famiglia affidataria?)
Giampiero Ferrario, La famiglia di origine dei minori nei racconti della famiglia affidataria dei gruppi CAM
(Il patto fra le famiglie; Trattare le differenze fra le due famiglie; Le differenze fra le due famiglie e il gruppo; I registri; Quali temi e con quali parole la famiglia affidataria parla della famiglia di origine nel gruppo?; Conclusioni)
Gli autori
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi