Il design che prima non c'era
Autori e curatori
Livello
Saggi, scenari, interventi. Testi per professional
Dati
pp. 120,   figg. 32,     1a edizione  2008   (Codice editore 7.6)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846490582

In breve
Alcuni designer della più giovane generazione di progettisti, distinti per i loro progetti e prodotti che non appartengono al genere del furniture design, ma ad altri, alcuni dei quali del tutto inediti. Il libro, per classificarli, li ha connessi ad alcune tendenze delle arti figurative, così da tradurre le produzioni in concezioni, materie utili alla didattica del design.
Utili Link
Design Diffusion Bagno Recensione… Vedi...
Arredo e Design Recensione… Vedi...
Box Recensione… Vedi...
Il Giornale dell'Architettura Renato De Fusco e le parodie del design (di Elena Dellapiana)… Vedi...
Presentazione del volume

Più inventori che stilisti, i designer cui è dedicato questo saggio appartengono alla più giovane generazione di progettisti appena usciti o quasi delle scuole e dalle facoltà italiane di Disegno industriale. Essi sono stati distinti per i loro progetti e prodotti che non appartengono al genere del furniture design, in generale saturo di modelli, ma ad altri, alcuni dei quali del tutto inediti. Il libro, per classificare quest’ultimi, li ha connessi ad alcune tendenze della arti figurative (pop art, arte povera ready- made modificati e simili) così da tradurre le produzioni in concezioni, ovvero materie utili alla didattica del design.
Non seggiole, tavoli e poltrone sono l’argomento di questo saggio, bensì altri generi di design, i cui prodotti sono spesso addirittura inediti e sollecitati dalla spinta dell’ironia. Per classificarli sono stati tradotti da oggetti in concetti, in idee cioè utili per comunicare, insegnare e imparare il disegno industriale.

Renato De Fusco è professore ordinario di Storia dell’architettura presso l’Università di Napoli Federico II. Dal 1964 dirige la rivista Op. cit. di selezione della critica d’arte contemporanea. Premio Inarch per la rivista nel 1967, premio Inarch alla carriera nel 2001. Fra le sue numerose pubblicazioni si ricordano: L’idea di architettura (1964, 2003); Storia dell’architettura contemporanea (1974, 1997); Storia del design (1985, 1997); Storia dell’arredamento (1985, 2004); Teorica di arredamento e design (2002); Architettura italo-europea (2005).

Indice


Introduzione
Il dato di fatto
Dai dati alla loro interpretazione
Le poetiche
I precedenti
L’artidesign
Le definizioni improprie
Del gusto
Qual è il gusto della tendenza che studiamo?
Tipologia
Tipologie sui generis
I tipi di una tipologia sui generis
Il food design
La componente ecologica
Divagazioni sull’avanguardia
L’avanguardia che cambia
L’Opos
Finalità didattica
Indice dei nomi.