La Chiesa dal "basso". Organizzazioni, interazioni e pratiche nel contesto parrocchiale alpino alla fine del medioevo
Contributi
Elisabetta Canobbio, Emanuele Colombo, Emanuele Curzel, Flavia De Vitt, Beat Kümin, Roberto Leggero, Hannes Obermair, Immacolata Saulle Hippenmeyer
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,   1a ristampa 2013,    1a edizione  2012   (Codice editore 616.12)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856845594

In breve
Il volume studia i cambiamenti che, sin dal XIV secolo, hanno interessato l’impostazione e le forme dell’assistenza spirituale al populus cristiano, toccando non solo l’universo urbano, ma anche quello periferico, rurale e montano, al sud e al nord delle Alpi.
Utili Link
Deutsches Archiv für Erforschung des Mittelalters Recensione… Vedi...
Presentazione del volume

A partire dal XIV secolo una serie di profondi cambiamenti trasforma l'impostazione e le forme dell'assistenza spirituale al populus cristiano, toccando non solo l'universo urbano, ma anche quello periferico, rurale e montano, al sud e al nord delle Alpi. Fra gli impulsi decisivi spicca la forte domanda "dal basso" di strutture e di personale decentrato, in grado di offrire le condizioni adatte per l'esercizio delle pratiche rituali, assistenziali e di preghiera: agli occhi dei fedeli, come a quelli dei chierici, si impone la concezione della parrocchia di villaggio come quadro organizzativo e come spazio privilegiato della vita religiosa - concezione destinata a perdurare per l'intera età moderna.
L'approccio adottato dalla recente storiografia del sud delle Alpi ha considerato principalmente le trasformazioni nel sistema di amministrazione della cura d'anime, con le sue implicazioni istituzionali, religiose, sociali ed economiche, mentre nella ricerca in ambito germanofono si è posto soprattutto l'accento sulla fondazione di cappellanie e benefici curati come espressione del principio organizzativo comunitario e sul ruolo dell'"uomo comune" nei mutamenti delle pratiche e delle esigenze spirituali.
Il volume raccoglie interventi che accostano le due impostazioni, riuscendo in questo modo a gettare nuova luce su molti aspetti del fenomeno e sull'ampiezza delle sue ripercussioni sul mondo premoderno. In questo senso, le aree alpine e prealpine possono rappresentare un terreno privilegiato di incontro.

Simona Boscani Leoni ha studiato a Bologna e Parigi. È attualmente ricercatrice in Storia moderna presso l'Università di Heidelberg. Ha pubblicato: Essor et fonctions des images religieuses dans les Alpes. L'exemple de l'ancien diocèse de Coire, 1150-1530 ca. (Berna, 2008), e ha curato: Scienza - montagna - ideologie. Johann Jakob Scheuchzer (1672-1733) e la ricerca naturalistica in epoca moderna (Basilea, 2010).
Paolo Ostinelli è archivista presso l'Archivio di Stato del Canton Ticino a Bellinzona e libero docente di Storia medievale presso l'Università di Zurigo. Ha pubblicato: Il governo delle anime. Strutture ecclesiastiche nel Bellinzonese e nelle Valli ambrosiane, XIV-XV secolo (Locarno, 1998); Le suppliche alla Sacra Penitenzieria Apostolica provenienti dalla diocesi di Como, 1438-1484 (Milano, 2003).

Indice


Simona Boscani Leoni e Paolo Ostinelli, Introduzione. La Chiesa "dal basso". Organizzazioni, interazioni e pratiche nel contesto parrocchiale alpino alla fine del medioevo
Beat Kümin, La parrocchia "dal basso": strutture comunali e vita religiosa a nord delle Alpi nel tardo medioevo
Roberto Leggero, Humile sublevetur et sublime humilietur. Una riflessione sulla "Chiesa dal basso" (XI-XIV secolo)
Flavia De Vitt, I Carnici e le loro chiese nei secoli XIV-XV
Elisabetta Canobbio, Strutture della cura animarum in diocesi di Como: pievi, parrocchie, comunità
Emanuele Curzel, Pievi e cappelle in area trentina nel tardo medioevo
Il comune e la chiesa.
Immacolata Saulle Hippenmeyer, Forme di controllo "dal basso" del patrimonio ecclesiastico nelle comunità grigionesi del tardo medioevo
Hannes Obermair, "Lebenswelten" nel sistema parrocchiale sudtirolese del tardo medioevo: l'esempio di Gries a Bolzano
Emanuele C. Colombo, Il vescovo come mediatore tra soggetti locali nella diocesi di Novara (XVI secolo)
Indice dei nomi.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi