Il segretariato sociale e l'accesso ai servizi socio-assistenziali. Assetti istituzionali, logiche organizzative, pratiche professionali
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,      1a edizione  2012   (Codice editore 524.15)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820408657

In breve
Un testo per chi si occupa, per studio o per ricerca, dell’analisi dell’organizzazione dei servizi sociali, ma anche per professionisti impegnati nella gestione e nell’implementazione dei servizi di segretariato sociale e, più in generale, nell’organizzazione del contatto tra cittadini e istituzioni.
Presentazione del volume

Il servizio di segretariato sociale ha assunto un ruolo sempre più rilevante nel quadro dell'offerta complessiva di servizi e prestazioni socio-assistenziali. Esso rappresenta uno dei principali punti di contatto tra le istituzioni (in particolare i Comuni) e i cittadini che necessitano di un intervento di assistenza sociale. È attraverso il segretariato sociale che i cittadini possono ricevere le prime informazioni sull'insieme dei servizi disponibili e le loro modalità e condizioni d'accesso. Al tempo stesso, il servizio di segretariato sociale svolge in molti casi una funzione di filtro e selezione per l'accesso e l'erogazione di determinate prestazioni assistenziali. L'organizzazione di questo servizio è quindi, di per sé, un passaggio importante nelle dinamiche di regolazione dell'accesso ai servizi di welfare erogati a livello locale.
Presentando e discutendo i risultati di una ricerca empirica, il volume illustra come tuttavia le pratiche di organizzazione del segretariato sociale rimangano tuttora assai disomogenee e talvolta contrastanti. Sebbene il segretariato sociale sia previsto, a norma di legge, come uno dei livelli essenziali di assistenza sociale, la declinazione locale di questo servizio può infatti seguire diverse logiche organizzative, nonché differenti interpretazioni sul piano istituzionale e professionale della sua valenza. Questi diversi orientamenti rinforzano la tesi di una persistente disarticolazione dell'offerta di servizi socio-assistenziali a livello nazionale e, parallelamente, enfatizzano il peso degli attori organizzativi nella costruzione ed attivazione locale delle politiche assistenziali.
Il libro è destinato sia a chi si occupa, per studio o per ricerca, dell'analisi dell'organizzazione dei servizi sociali, sia ai professionisti che sono impegnati nella gestione e nell'implementazione dei servizi di segretariato sociale e, più in generale, nell'organizzazione del contatto tra cittadini e istituzioni.

Paolo Rossi , sociologo dell'organizzazione, è ricercatore presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell'Università di Milano Bicocca, dove è docente di Organizzazione dei servizi sociali nel corso di laurea in Servizio Sociale. Si occupa dello studio degli assetti istituzionali e delle pratiche organizzative nel campo dei servizi di assistenza sociale.

Indice


Introduzione
L'accesso ai servizi socio-assistenziali come questione
I servizi di segretariato sociale
Il percorso di ricerca
Il caso di Monte Bosco
Il caso dinfii Castel Giallo
Il caso di Villa Viola
La costruzione dell'accesso: modelli organizzativi, contesti e logiche d'azione
Conclusioni
Ringraziamenti
Riferimenti bibliografici.