XXV Rapporto sull'occupazione in Provincia di Trento - 2010
Contributi
Stella Chini, Michele Colasanto, Claudia Covi, Carlo Dell'Aringa, Graziella Fontanari, Valentina Matarazzo, Alessandra Mutinelli, Joshua Pegoretti, Corrado Rattin, Emilio Reyneri, Elena Ruele, Isabella Speziali, Olga Turrini, Pietro Antonio Varesi, Paola Villa, Stefano Zeppa
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 396,      1a edizione  2010   (Codice editore 1137.74)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856834376
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 23,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856842838
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il Rapporto analizza le ripercussioni che la recessione ha determinato sul mercato del lavoro trentino nel 2009 e nel primo semestre del 2010. I dati indicano che il prezzo più alto viene pagato dai lavoratori di sesso maschile, in particolare dai giovani e dagli immigrati. Nonostante alcuni timidi segnali di miglioramento, risulta evidente che il periodo di stagnazione non è terminato…
Presentazione del volume

Le tematiche proposte e approfondite in questo XXV Rapporto sull'occupazione focalizzano inevitabilmente le ripercussioni che il protrarsi della recessione hanno determinato sul mercato del lavoro trentino nel corso del 2009 e del primo semestre del 2010.
Una crisi che si auspicava di breve durata e che invece sta mettendo a dura prova il tessuto imprenditoriale e con esso anche larghe fasce dell'occupazione, ma al tempo stesso reclama un intervento pubblico, per entità ed articolazione, senza precedenti.
I dati del mercato del lavoro, nello specifico, indicano che in un contesto di generale sofferenza, il prezzo più alto viene pagato dai lavoratori di sesso maschile ed in particolare dalla componente giovane e da quella immigrata della popolazione. Gli uomini sono stati più colpiti in quanto particolarmente presenti nei settori più esposti alla recessione: in primo luogo il manifatturiero e le costruzioni. I giovani hanno pagato soprattutto la mancanza di un inserimento stabile nel mercato, che li rende maggiormente esposti nel momento in cui si renda necessario procedere al contenimento degli organici. Essi risentono inoltre della permanenza più prolungata nel mercato dei lavoratori anziani che tende a comprimere ulteriormente gli scarsi sbocchi occupazionali.
Il protrarsi della crisi su tutto il 2009 (e in parte anche sul primo semestre 2010) accentua quindi le caratteristiche che erano già emerse nell'analisi del precedente Rapporto, quando la recessione - ancora nelle sue fasi iniziali - già faceva intuire che l'impatto non sarebbe stato omogeneo sul complesso della forza lavoro locale.
Tuttavia la migliore tenuta del terziario (indebolitosi però anch'esso nel corso del 2009), sostenuto anche dall'importante presenza del settore pubblico, il largo impiego degli ammortizzatori sociali e una manovra anticongiunturale particolarmente apprezzabile, hanno consentito di limitare i danni più che in altri contesti territoriali, conservando almeno per il 2009 un livello occupazionale in crescita, seppur concentrato nella popolazione adulta e anziana.
Anche se nel primo semestre del 2010 paiono affacciarsi alcuni timidi segnali di miglioramento, quantomeno sul fronte delle grandezze economiche e degli avviamenti, risulta evidente che il periodo di stagnazione non è terminato. Questa situazione di sofferenza rende necessario confermare - anzi ampliare - gli strumenti pubblici di sostegno a lavoratori e aziende, che tuttavia da soli non possono contrastare il basso profilo della domanda dovuto al perdurare della crisi economica globale.

Indice


Michele Colasanto, Prefazione
Osservatorio del mercato del lavoro, Il quadro economico e occupazionale in provincia di Trento
La dinamica del PIL e della base imprenditoriale
Il mercato del lavoro sociale
Il fabbisogno della manodopera espresso dalle imprese
La disoccupazione in provincia di Trento
Il ricorso agli ammortizzatori sociali: CIG e mobilità
La ricerca di personale all'inizio del 2010
Le dinamiche del primo semestre 2010
L'impatto della crisi sui giovani, stranieri, anziani e donne
I giovani
Gli stranieri
Lavoratori anziani e donne: i segmenti meno toccati dalla crisi
Le politiche provinciali per il lavoro
La manovra provinciale in materia di politica del lavoro
Le iniziative di politica del lavoro attualmente in atto
Il monitoraggio degli interventi
Appendice statistica
Offerta di lavoro
Andamento demografico
Forze di lavoro
Sistema scolastico provinciale
Occupazione-disoccupazione dalle fonti amministrative del C.P.I.
Immigrazione
Sistema economico e domanda di lavoro
Struttura imprenditoriale e dinamica demografica delle imprese
Indicatori economici
Imprese artigiane e occupazione nelle imprese industriali
Livelli occupazionali previsti
Occupazione nel pubblico impiego
Figure professionali
Figure professionali richieste
Il supporto delle politiche ai segmenti deboli
Cassa integrazione guadagni
Lavoratori in mobilità
Lavoratori disabili
Le politiche del lavoro provinciali
Interventi dell'Agenzia del lavoro
Pubblicazioni Osservatorio del mercato del lavoro
Provincia Autonoma di Trento.