Reinventare Freire. Lavorare nel sociale con i temi generatori
Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 170,      1a edizione  2017   (Codice editore 940.1.14)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891761576

In breve
Rivisitare l’esperienza educativa, sociale, culturale e politica di Paulo Freire permette di andare alle sorgenti del significato dell’educare nel sociale oggi.
Presentazione del volume

Solitudini, povertà, incertezze e rischi, discriminazioni e violenze sono condizioni oggi diffuse nel mondo in epoca di globalizzazioni non governate. Nelle società ricche come in quelle povere le situazioni di oppressione, con forme mutate rispetto al passato, perdurano in modo drammatico. Dinanzi a queste condizioni esistenziali diffuse l'educazione e il lavoro sociale si scoprono spesso impotenti, addirittura prive di senso.
Rivisitare l'esperienza educativa, sociale, culturale e politica di Paulo Freire - che si sviluppò in un'epoca e in contesti sociali e culturali assai diversi da quelli attuali - permette di andare alle sorgenti del significato dell'educare nel sociale oggi. Lì troviamo il senso più profondo dell'educazione come liberazione dalle forme contemporanee di oppressione delle coscienze. Un'educazione realmente dialogica e problematizzante è oggi necessaria e possibile. Reinventare Freire - come egli stesso raccomandò di fare: "Non ripetetemi, reinventatemi!" - significa leggere il mondo di oggi sviluppando coscienza critica, come compito principale dell'educazione. Lo studio propone una sistematizzazione di strategie e modalità di intervento educativo e sociale sperimentate sul campo ed ispirate alla prospettiva della pedagogia freiriana.
Il volume - rivolto ad operatori educativi e sociali, insegnanti e animatori socioculturali - analizza alcuni temi che sono oggi "generatori" della nostra epoca: la competenza come capitale privato/sociale, globalizzazione/localizzazione,monoculturale/pluriculturale, tecnica/umanizzazione.

Piergiorgio Reggio
, pedagogista e formatore, insegna presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università Cattolica di Milano e Brescia. Ha conosciuto la pratica e la teoria di Paulo Freire alla fine degli anni '70, utilizzandole poi in ambito sociale ed educativo. È socio fondatore e vicepresidente dell'Istituto Paulo Freire-Italia e presidente della Fondazione Franco Demarchi di Trento. Autore di varie pubblicazioni, tra le più recenti: Il quarto sapere. Guida all'apprendimento esperienziale (Roma 2010), L'esperienza valida (a cura di, con E. Righetti, Roma 2013), Lo schiaffo di don Milani. Il mito educativo di Barbiana (Trento 2014 e 2017).

Indice
Introduzione
La pedagogia freiriana tra rivisitazione degli anni Settanta e globalizzazione attuale
(Origini ed evoluzioni dell'esperienza freiriana; Pedagogia del prestito. L'esperienza freiriana vista dall'Europa e dall'Italia; Educare in tempi di globalizzazione e di crisi: attualità dell'approccio freiriano)
Il (non) metodo Freire: principi e strategie
(Un "non-metodo"; L'orizzonte dell'umanizzazione; Critica dell'educazione depositaria; Educazione critica, dialogica e problematizzante: il processo di coscientizzazione; I temi generatori; Educazione e politica; Una prassi educante)
Lavorare nel sociale con i temi generatori: elementi per una pedagogia freiriana in situazione
(I contesti sociali di intervento oggi; Come entrare nelle comunità: alcuni approcci; La prospettiva freiriana della lettura del mondo; La progettazione generativa come logica per ordinare gli interventi; Azioni socio-educative per sviluppare coscienza critica; L'operatore socio-educativo freiriano: competenze e formazione)
"Non ripetetemi, reinventatemi". Per reinventare Paulo Freire
(Contro le best practices; Livello dei contenuti di apprendimento: quali temi generatori oggi?; Livello del metodo: la prospettiva dell'apprendimento esperienziale; Livello della funzione sociale e politica dell'educazione)
Nota conclusiva
Bibliografia.