Governance multilivello e ciclo integrato dei rifiuti

Titolo Rivista: ECONOMIA PUBBLICA
Autori/Curatori: Giovanni Cocco
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 23 P. 89-111 Dimensione file: 100 KB
DOI: 10.3280/EP2019-003004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il tema della gestione dei rifiuti è al centro di un articolato quadro di problematiche: la scarsa considerazione del tema a livello politico nella maggior parte dei paesi dell’UE non ha facilitato né la disciplina del settore né il contemperamento tra esigenze di tutela dell’ambiente e problematiche di mercato. In questo quadro il contributo affronta il tema delle competenze nella gestione dei rifiuti, articolata nei diversi livelli di governo. L’analisi parte dalla considerazione che la disciplina europea e nazionale del settore è da ricondurre al più generale contesto dei servizi pubblici locali di interesse economico generale, su cui si innestano le previsioni in base alle quali i rifiuti devono essere gestiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza ricorrere a procedimenti che rechino pregiudizio all’ambiente. Dal quadro comunitario, il legislatore nazionale ha disciplinato il ciclo integrato dei rifiuti prevedendo altresì il superamento della frammentazione territoriale precedente definendo gli Ambiti Territoriali Ottimali (ATO). Su questi presupposti si innesta la ricognizione delle competenze statali (art. 195 del d.lgs. n. 152/2006), regionali (art. 196) e provinciali (art. 197) in tema di rifiuti. Per quanto attiene gli Enti Locali, le funzioni assumono un ruolo centrale per la gestione del servizio, ancorato al livello comunale, tanto che sono previste discipline regolamentari. Dal quadro delle competenze emerge la conferma del ruolo centrale dei principi guida di tutela dell’ambiente e della concorrenza. Il che impone di interrogarsi sul ruolo statale attesa la competenza legislativa esclusiva nella tutela della concorrenza, e quindi per quanto riguarda lo svolgimento dei servizi pubblici locali a rete di rilevanza economica (tra cui anche quello inerente i rifiuti). Inoltre, da tale rilevanza dei predetti principi discende la definizione di ambiti territoriali ottimali che massimizzino l’efficienza del servizio, tanto che l’efficienza sembra assurgere a driver per individuare la dimensione ottimale di svolgimento dell’attività. Da ultimo, il contributo si interroga, nel quadro così delineato, sulle nuove funzioni regolatorie di Arera, per quanto concerne gli aspetti tariffari e di definizione degli indici di valutazione dell’efficienza e dell’economicità delle gestioni e dei livelli di qualità dei servizi.

Giovanni Cocco, Governance multilivello e ciclo integrato dei rifiuti in "ECONOMIA PUBBLICA " 3/2019, pp 89-111, DOI: 10.3280/EP2019-003004