Apprendere la psicoterapia: la bottega d’arte

Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA
Autori/Curatori: Maria Clotilde Gislon
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 91-98 Dimensione file: 148 KB
DOI: 10.3280/RSF2022-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il termine bottega d’arte è mutuato dalla tradizione artistica rinascimentale. In questo luogo la trasmissione del sapere avviene da parte del maestro agli apprendisti, secondo modalità che hanno rispetto della creatività individuale. Questo è il dispositivo funzionale che Giovanni Carlo Zapparoli e i suoi Collaboratori, a partire dalla esperienza del Centro di Psicologia della Provincia di Milano, hanno messo a punto per favorire la trasmissione del sapere in campo psicoterapeutico. L’Autore ne evidenzia i punti di forza nella saggezza clinica e nella capacità di differenziare gli aspetti essenziali e superflui all’interno del processo terapeutico.

  1. Giuseppe De Luca, Maria Clotilde Gislon (a cura di) Il Centro di Psicologia clinica. Giovanni Carlo Zapparoli e la saggezza clinica, Società Editoriale Dialogos, Bergamo, 2010.
  2. Giovanni Carlo Zapparoli: L'integrazione, materiale non pubblicato, 1972

Maria Clotilde Gislon, Apprendere la psicoterapia: la bottega d’arte in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 1/2022, pp 91-98, DOI: 10.3280/RSF2022-001005