Ripensare l’affido e l’adozione nei servizi

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Margherita Gallina
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 10 P. 66-75 Dimensione file: 86 KB
DOI: 10.3280/MG2017-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo descrive i compiti che i servizi sociosanitari dovranno affrontare alla luce della nuova legge 173/15 sul diritto alla continuità affettiva dei bambini in affido familiare. Il principio dell’interesse del minore, commisurato all’importanza dei suoi legami con la famiglia affidataria e naturale, produrrà cambiamenti anche nel modo di considerare l’adozione: non si dovrà utilizzare quest’opportunità semplicemente per sanare affidi che, per diverse ragioni, si sono prolungati oltre le previsioni iniziali degli operatori, ma ripensare la natura e le forme dell’accoglienza dei bambini.

  • Genitorialità sociale affidataria e continuità dei legami affettivi Anna Rosa Favretto, Chiara Scivoletto, in SOCIOLOGIA DEL DIRITTO 1/2020 pp.131
    DOI: 10.3280/SD2020-001008

Margherita Gallina, Ripensare l’affido e l’adozione nei servizi in "MINORIGIUSTIZIA" 1/2017, pp 66-75, DOI: 10.3280/MG2017-001008