Camorra e "Mafie di mezzo" in alcuni recenti contributi delle scienze sociali

Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA
Autori/Curatori: Manoela Patti
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 287 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. 195-205 Dimensione file: 106 KB
DOI: 10.3280/IC2018-287009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La nota prende in esame il recente contributo delle scienze sociali al dibattito sulla genesi e sull’espansione delle mafie al di fuori delle aree "tradizionali". L’articolo si concentra in particolare su due studi editi nel 2017 da Donzelli, e che hanno per tema rispettivamente l’origine e lo sviluppo dei clan di camorra e l’espansione e il radicamento delle mafie nel Lazio: I clan di camorra. Genesi e storia, Roma, Donzelli, 2017, di Luciano Brancaccio, e il saggio di Vittorio Martone, Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio, Roma, Donzelli, 2017. Entrambi i volumi prendono le mosse da interessanti casi di studio, riferibili ad un arco cronologico ampio che giunge sino all’inchiesta su "Mafia Capitale" (Martone).

Manoela Patti, Camorra e "Mafie di mezzo" in alcuni recenti contributi delle scienze sociali in "ITALIA CONTEMPORANEA" 287/2018, pp 195-205, DOI: 10.3280/IC2018-287009