Repubblica, Costituzione, trasformazione della società italiana (1946-1996). Percorsi di cittadinanza
Autori e curatori
Contributi
Marina Bertiglia, Bruno Contini, Mario Dogliani, Alfio Mastropaolo, Elena Paciotti, Franco Pizzetti, Pier Paolo Portinaro, Marco Revelli, Chiara Saraceno, Gustavo Zagrebelsky
Collana
Livello
Dati
pp. 160,      1a edizione  2000   (Codice editore 2000.937)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846425010

Presentazione del volume

Il volume propone una lettura a più voci, nella forma della lezione o del breve saggio, del cinquantennio repubblicano e del complesso rapporto che si è instaurato tra costituzione e società non solo nei termini un po' scontati di adattamento del dettato costituzionale all'evolversi del paese, ma come produttore di crescita dell'idea stessa di cittadinanza. Una rivisitazione, quindi, dei processi della storia recente guardando alla cittadinanza come ad un catalizzatore di tali processi e dunque come un oggetto di ricerca che riguarda i singoli e il collettivo, gli individui e la società.

Detto in altri termini, è sembrato importante avvicinare il tema della cittadinanza, delle regole che la determinano e la definiscono, all'interno di una scansione temporale che possa restituire anche spessore e significato ai molti discorsi che attorno ad essa si fanno.

In alcuni dei temi affrontati la problematicità storica del concetto appare evidente: nel rapporto donne-politica e nelle trasformazioni dei ruoli dentro e fuori la famiglia, nelle fratture indotte dall'emergere repentino, a volte violento di un disagio sociale e generazionale. In altri il problema è meno evidente, nascosto da linguaggi e soggetti più tradizionali, dal permanere e dal lento modificarsi di abitudini e forme mentali della quotidianità: così è per i mutamenti dell'economia, del sistema politico o per i rapporti del nostro paese con la dimensione europea.

È comunque sembrata un'idea stimolante, anche sul piano dell'approccio metodologico alla nostra recente storia, che può fornire spunti di riflessione soprattutto a chi quella storia per ragioni anagrafiche meno conosce.

Claudio Dellavalle è docente di Storia contemporanea all'Università di Torino ed è presidente dell'Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea. Si è occupato di storia della Resistenza italiana, della società negli anni della guerra e della ricostruzione, di movimenti politici e sindacali.

Indice


Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale del Piemonte , Presentazione
Marina Bertiglia , Premessa
Claudio Dellavalle , Introduzione
Gustavo Zagrebelsky , Insegnare democrazia?
Bruno Contini , Trasformazioni strutturali dell'Italia del dopoguerra, modernizzazione economica e contesto internazionale
Mario Dogliani , Costituzione formale e costituzione materiale. La carta costituzionale come prodotto della tradizione europea e come incrocio tra culture politiche
Elena Paciotti , Le donne nelle istituzioni pubbliche secondo la Costituzione
Chiara Saraceno , Trasformazioni recenti dei rapporti e modi di organizzazione familiare
Alfio Mastropaolo , Dalla democrazia bicefala alla democrazia azzoppata
Marco Revelli , Le spie ricorrenti del disagio sociale: jacqueries, rivolte urbane, proteste giovanili, subculture della protesta
Pier Paolo Portinaro , Un punto di vista europeo sul futuro della politica
Franco Pizzetti , Il rapporto tra cittadini e istituzioni negli anni Novanta.



Pubblicità