A quale timidezza appartieni? Comprendere e prevenire le varie forme di ansia sociale

Autori e curatori
Contributi
Francesco Aquilar
Collana
Livello
Guide di autoformazione e autoaiuto
Dati
pp. 160,      1a edizione  2008   (Codice editore 239.186)

A quale timidezza appartieni? Comprendere e prevenire le varie forme di ansia sociale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846498496

In breve

Conoscere la timidezza, comprenderne i significati evidenti e quelli nascosti, differenziarne le diverse forme: il libro fornisce una precisa “guida all’auto-aiuto”, per fronteggiarla, modularla, utilizzarla talvolta come risorsa. Il testo propone inoltre una strategia di prevenzione, in forma di guida per genitori e insegnanti, allo scopo di ridurre il rischio di “costruire” una timidezza non necessaria nei soggetti in età evolutiva.

Utili Link

Psychologies Vincere la timidezza (di Michele Maino)… Vedi...
Airone Se mi guardi divento rosso… Vedi...
Geo Timidezza, una prigione silenziosa (di Irene Merli)… Vedi...

Presentazione del volume

La timidezza spesso ci sorprende. Tutti possiamo avere dei momenti nei quali veniamo colti da un’insolita, inaspettata e disorientante timidezza. Nel parlare in pubblico, nell’entrare in una stanza piena di gente, nell’avvicinare un o una possibile partner che ci piace molto (sembra strano: solo se ci piace molto), sul lavoro, con gli amici. Nei periodi di stress, poi, la timidezza può coglierci anche nelle situazioni che abitualmente ci sono comunque congeniali. Ma per alcune persone le difficoltà legate alla timidezza sono permanenti. In questi casi la timidezza, che può essere considerata una forma benigna di ansia sociale, a volte divampa inarrestabilmente fino a portare al rossore, alla sudorazione esagerata, all’attacco di panico e persino a lunghi periodi di evitamento sociale. Come fare?
Questo libro aiuta a “vedere da vicino” la timidezza, a conoscerla, a comprenderne i significati evidenti e anche quelli nascosti, a differenziarne le diverse forme. In più, fornisce una precisa “guida all’auto-aiuto” per fronteggiarla, modularla, utilizzarla talvolta anche come risorsa; e consente anche di identificarne le eventuali forme più severe, per le quali occorre invece rivolgersi ad uno psicoterapeuta. Inoltre, propone una strategia di prevenzione, in forma di guida per genitori ed insegnanti, allo scopo di ridurre il rischio di “costruire” una timidezza non necessaria nei soggetti in età evolutiva.
Un saggio semplice e chiaro, ricco di rigorosi riferimenti scientifici, esposti in modo piano e comprensibile. Ma anche un manuale applicativo per riconoscere ed eliminare il terrore del “come farò?”, del “che paura!” e del “che figura!”.

Pietro Grimaldi psicologo specialista in psicoterapia, è coordinatore di struttura di riabilitazione psichiatrica presso il distretto di Caserta-ASL/CE1. Supervisore dell’Associazione Italiana di Psicoterapia Cognitiva Sociale (AIPCOS), è affiliato alla Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC) e socio dell’Associazione Italiana Disturbi d’Ansia Sociale (AIDAS). Ha lavorato a lungo nella prevenzione e nella cura dell’ansia sociale nelle sue varie forme.

Indice



Francesco Aquilar, Prefazione
Introduzione
La timidezza vista da vicino
(Che cos’è la timidezza; Disturbi somiglianti e disturbi associati con la timidezza; Rosso vergogna, ovvero i sintomi della timidezza; Diffusione e forme della timidezza; Le cause della timidezza)
Valutare e comprendere la timidezza
(Le scale di valutazione per la timidezza; Comprendere la timidezza; Tutto ciò m’intimidisce: il contesto; Che paura! … Che figura! …: le emozioni; Penso male, dunque sto male: i pensieri; Meglio evitare che star male: le azioni)
Affrontare la propria timidezza: una guida per l’auto-aiuto
(Soluzioni: sì, ma quali?; Facciamo il punto della situazione; Di che timidezza sei?; Forse non è come pensavo; Non sono l’ombellico del mondo; Evitiamo di evitare; Non lasciamoci prendere dall’ansia; Qualche consiglio in più)
L’intervento del professionista
(L’intervento farmacologico; La psicoterapia cognitivo-comportamentale)
Timidezza: una prevenzione possibile? Guida per genitori e insegnanti
(La timidezza come risorsa personale; Una guida per i genitori; Una guida per gli insegnanti)
Conclusioni
Letture di approfondimento consigliate
Bibliografia
Glossario.