La città: bisogni, desideri, diritti. La governance urbana
Autori e curatori
Contributi
Giorgia Bella, Gilda Catalano, Ester Cois, Cristina Costanzo, Maria Giovanna Fara, Richard Ingersoll, Annick Magnier, Harvey Molotch, Antonino Porrello, Giovanni Tocci, Enrico Tommarchi, Anna Maria Zaccaria
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 256,      1a edizione  2009   (Codice editore 1561.81)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 29,50
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856815016
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856820065
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume affronta la questione delle trasformazioni urbane privilegiando una precisa angolazione: quella secondo la quale sensibili benefici per lo sviluppo delle città possono essere raggiunti sulla base delle capacità che queste dimostrano nel costituire delle efficaci forme di aggregazione degli interessi – una community governance – al fine di perseguire una direzione di crescita la cui portata eccede l’ordinaria amministrazione.
Presentazione del volume

I saggi di questa raccolta affrontano la questione delle trasformazioni urbane privilegiando una precisa angolazione: quella secondo la quale sensibili benefici per lo sviluppo delle città possono essere raggiunti sulla base delle capacità che queste dimostrano nel costituire delle efficaci forme di aggregazione degli interessi - una community governance - al fine di perseguire una direzione di crescita la cui portata eccede l'ordinaria amministrazione.
Gli autori ritengono che i principali dilemmi posti dalla crescita possano essere convenientemente affrontati attraverso l'utilizzo di nuovi strumenti di pianificazione la cui comparsa è relativamente recente. A tali strumenti ci si riferisce con i termini 'convenzionali' di pianificazione strategica, di cultural planning o di city marketing, sottintendendo con queste definizioni ambiti e settori d'intervento specifici e anche molto diversi tra loro. Le differenze, tuttavia, non sembrano essere altrettanto importanti quanto il fatto che, nelle loro premesse, questi strumenti condividono un medesimo scopo: quello di convincere molti attori, di diversi ambiti funzionali e istituzionali, a formare delle agende politiche come strategie di mobilitazione intorno ad ampie e non convenzionali questioni di problem-solving.

Il volume fa parte di un progetto editoriale che presenta lo stato dell'arte della sociologia urbana italiana.

Guido Borelli insegna Analisi dei Sistemi Sociali e Territoriali presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi di Cagliari e Analisi dei Sistemi Territoriali Complessi all'Università degli Studi del Piemonte Orientale. Tra le sue ultime pubblicazioni ricordiamo: La politica economica delle città europee. Esperienze di pianificazione strategica (FrancoAngeli, 2005); Un paese diverso. La politica economica delle città americane (FrancoAngeli, 2006); Questioni Urbane. Pluralismo e governance nelle città (CUEM, 2006); Capitali del Nord-Ovest. La politica economica delle città italiane (FrancoAngeli, 2007).

Indice


Guido Borelli, Introduzione
Annick Magnier, Sociologia e piani strategici territoriali: alcune osservazioni sull'esperienza italiana
(Lo spatial planning italiano, alla convergenza di due processi di innovazione; I sociologi nella comunità di sapere del 'piano strategico' italiano; Confrontando i due movimenti di riforma; Un termine, molte nozioni: pianificazione strategica territoriale, di routine o di rottura; Modelli di 'rottura strategica' della tradizione di urbanistica; Tornare all'area di innovazione organizzativa di riferimento: la pianificazione strategica in ambito pubblico; Dal piano strategico territoriale 'volontario' al piano finanziato: la codifica degli esperti; Il piano strategico territoriale come linea di finanziamento: istituzionalizzazione o destrutturazione dell'esperienza?; La 'strategia' nella semantica del piano fisico di nuova generazione; Le vocazioni del piano fisico e del piano strategico (e relative competenze professionali): alcune distinzioni imprescindibili; Strategie locali e protezionismo; Interesse generale, deliberazione, protezionismo, dittatura delle minoranze; Ricordare l'advocacy planning per non capitalizzare sulle sole coalizioni; Rielaborare una sociologia per i piani territoriali; Rivendicare un'esperienza, mobilitare una molteplice competenza disciplinare; Riferimenti bibliografici)
Gilda Catalano, Pianificazione strategica: city marketing e welfare city nei percorsi di governo urbano
(L'inconscia simbiosi tra welfare e marketing nei percorsi di governo urbano; Impresa, prodotto, comunità: i tre volti della città nella pianificazione strategica; Le ambivalenze della pianificazione strategica: comunità e mercato, "together at work"; Verso la welfare city: supporto o sfida alla pianificazione strategica? ; Riferimenti bibliografici)
Giovanni Tocci, Governance urbana e competizione fra città
(Introduzione; Le città come attori; La governance urbana; Città in competizione; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Guido Borelli, I muscoli di Dahl. Coalizioni urbane e deliberazione pubblica
(Coalizioni decisionali e deliberazione pubblica; Conflitti nello spazio, contraddizioni dello spazio; Rileggendo Who Governs?; Conclusione; Riferimenti bibliografici)
Harvey Molotch, La creative city incontra la growth machine
(Riferimenti bibliografici)
Antonino Porrello, Enrico Tommarchi, Cultural planning: potenziale culturale competitivo delle città medio-piccole
(Premessa; La città post-industriale come centro di comando dell'economia; Equità, sostenibilità, governance e reti: temi attuali per il cultural planning; Marketing culturale vs. rinnovamento culturale; La cultura nello strumento per la governance urbana; Prospettive di ricerca; Riferimenti bibliografici)
Cristina Costanzo, Il Progetto per Mantova di Salvatore Settis
(Prefazione; Introduzione; Gli aspetti metodologici del Progetto per Mantova; La proposta operativa del Progetto per Mantova; Il Progetto Settis nel Piano Strategico Mantova Futura; Riferimenti bibliografici)
Maria Giovanna Fara, Nuovi approcci alla governance urbana: cultural planning e interculturalismo nelle politiche di sviluppo locale del comune di Lewisham
(Introduzione; Cultural planning e interculturalismo a Lewisham; L'idea del Creative Lewisham; Affrontare la diversità: l'approccio interculturale alla governance urbana di Lewisham; Iniziative a confronto in Gran Bretagna e in Italia; Riferimenti bibliografici)
Anna Maria Zaccaria, Governare il territorio. Le circoscrizioni a Napoli
(Premessa; Le amministrative del 2001: nasce un 'ceto politico' circoscrizionale?; Come si governa il territorio; Considerazioni conclusive; Riferimenti bibliografici)
Ester Cois, Lo spazio extraurbano come nuova periferia. Flumini di Quartu: un caso nella cintura cagliaritana
(L'occasione cognitiva: il progetto Extramet; La cornice sociologica: tre livelli d'indagine; Tre formazioni socio-economiche territoriali, tra carenze e potenzialità; Gli attori sociali, tra vincoli e opportunità: tipologie empiriche di qualità sociale; Il paradigma dell'identità come chiave di lettura del territorio; Riferimenti bibliografici)
Giorgia Bella, Aree metropolitane: il dibattito italiano alla luce del caso di Torino
(Introduzione; La questione metropolitana milanese; Città e Aree metropolitane in Italia; L'Area Metropolitana Torinese: il dibattito e le iniziative; L'AMT nei piani strategici: problemi, risorse, strumenti; Il dibattito fra livelli istituzionali: un tentativo difficile; Riferimenti bibliografici)
Richard Ingersoll, Agricivismo come terapia per la città diffusa
(Riferimenti bibliografici)
Gli autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi