Tracce di suono. Paesaggi elettroacustici nell’educazione al suono e alla musica
Contributi
Antonio Grande, Fabien Lévy
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 160,      1a edizione  2013   (Codice editore 631.14)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820446321
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891704276
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
La ricerca ha indagato il campo dell’educazione al suono e alla musica, con una prospettiva acustico-analogica che si sviluppa attraverso il ricorso agli strumenti elettroacustici e informatici.
Presentazione del volume

Il libro presenta un percorso di ricerca-azione realizzato nella scuola, ma con storie sviluppate anche nel territorio. Il campo indagato è quello dell'educazione al suono e alla musica, dove il suono percepito-elaborato-prodotto rappresenta il punto di partenza e l'esperienza musicale non viene mai deprivata della pregnanza della propria dimensione sonora. Al centro è posto il soggetto umano, cui è proposta un'attività educativa e formativa che cerca di dare senso all'ambiente d'apprendimento e significato all'esperienza di vita. I processi attivati interessano la pratica dell'invenzione musicale intesa come esperienza di senso finalizzata alla ricerca di nuove o rinnovate forme d'espressione e comunicazione musicale, come sfida alla complessità del rapporto suono-senso e prassi irrinunciabile per migliorare la qualità dei processi d'insegnamento e d'apprendimento nella scuola.
Narrazioni e riflessioni si alternano e si integrano nel testo fino a delineare l'immagine di un idealtipo - una meta comune - in grado di incarnare anche saperi e pratiche tipiche del musicista-compositore elettroacustico, possibile punto di arrivo di percorsi coinvolgenti vari ambiti musicologici e pedogogici.
L'approccio agli strumenti elettroacustici e informatici, che non rincorre certo la moda delle cosiddette "nuove" tecnologie, dimostra come sia possibile dotarsi di un'adeguata strumentazione per la registrazione, l'elaborazione e la diffusione del suono e utilizzarla con relativa semplicità, perseguendo l'idea di un ritorno all'antropologia del suono, all'artigianato cognitivo degli artefatti musicali. Le discipline umanistiche forniscono uno sfondo stimolante di teorie, concetti, tradizioni utili ad affrontare il divario semantico tra suono nuovo - da crearsi - e senso antico da ritrovarsi. Da qui i paesaggi elettroacustici tracciati: paesaggi presenti e passati, che una pedagogia musicale attenta a promuovere i valori umani e sociali del fare scuola e aperta al cambiamento incoraggia a far emergere o rivivere.

Nicola De Giorgi è diplomato in Pianoforte e in Discipline Musicali ad Indirizzo Tecnologico. Docente di scuola secondaria di I grado, svolge libera attività di studio e ricerca. Partecipa alla progettazione di modelli compositivi ed analitici, intersezione di aspetti musicali, filosofici, scientifici, tecnologici e alla loro applicazione in impianti curricolari per quadri pedagogici e prassi metodologico-didattiche sperimentali. Si occupa di divulgazione e formazione per l'innovazione tecnologica in diversi ambiti professionali e gradi d'istruzione.
Maurizio Vitali, laureato in Musicologia, è direttore del Centro Studi musicali e sociali Maurizio Di Benedetto e della Scuola di Animazione Musicale (SAMOPS) di Lecco. Docente nelle scuole secondarie di I grado dell'ICS di Brivio (Lc), si occupa di progettazione, ricerca e formazione in ambito pedagogico musicale. Per i tipi della FrancoAngeli è autore di Alla ricerca di un suono condiviso. L'improvvisazione musicale tra educazione e formazione, 2004, coautore di Suonare la città, 2003 e Farsi sentire. La musica nei progetti socio-educativi, 2005.

Indice


Incipit
Antonio Grande, Tracce di suono. Un'introduzione
Fabien Lévy, Insegnare dalla prima infanzia ad ascoltare la differenza e a non rifiutare subito la dissonanza: una preoccupazione democratica
Presentazione
Tracce di suono. Paesaggi elettroacustici nell'educazione al suono e alla musica
Il gioco della modifica delle canzoni
(Scarsa sensibilità audiologica e fruizione passiva della musica; Il punto di partenza: la musica dei ragazzi, hardware comuni e software open source; Primi passi col software; Le regole più semplici del gioco; I primi elaborati; Verso una maggior complessità; Un lavoro monografico: la storia di Stefano; Spunti per la riflessione)
Paesaggi del '900: i suoni della memoria
(Il progetto; Per una cultura pedagogica del paesaggio sonoro)
Aulology by Psyco
Natale acusmatico
Ambiente voce. Storia di un'esplorazione elettroacustica del paesaggio sonoro
(Preludio; Cronaca; Primo quadro: La firma elettroacustica; Secondo quadro: La catena elettroacustica; Terzo quadro: Ambiente Voce; Postludio; Ambiente Voce: qualche riflessione; Coda: interazione con il compositore-ricercatore; Appendice: estratti della piccola dispensa)
Altri paesaggi
(Comporre il paesaggio sonoro nello spazio educativo; Un presepe audiotattile)
Musica-tecnologie-educazione...
(... le ragioni delle esperienze; ... le esperienze delle ragioni).




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi