L'economia dei prefetti.

L'Abruzzo e il Molise tra guerra e ricostruzione

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 328,      1a edizione  2012   (Codice editore 318.1)

L'economia dei prefetti. L'Abruzzo e il Molise tra guerra e ricostruzione
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 39,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820408732
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 30,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856859089
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Una visione della società e dell’economia dell’Abruzzo e Molise negli anni tra la fine del secondo conflitto mondiale e la successiva ricostruzione. Il devastante scenario emerge in tutta la sua complessità dalle relazioni prefettizie e dai rapporti dei Generali dell’Arma dei Carabinieri, che offrono inediti e interessanti spunti di riflessione sulla struttura economica dell’Italia di quel periodo.

Presentazione del volume

Gli ultimi anni del secondo conflitto mondiale e quelli successivi della ricostruzione rappresentano lo sfondo dell'analisi del presente saggio, nel quale si focalizza la visione della società e dell'economia dell'Abruzzo e Molise.
Il devastante scenario del conflitto e del dopoguerra emerge in tutta la sua complessità dalle relazioni prefettizie e dai rapporti dei Generali dell'Arma dei Carabinieri: fonti ufficiali che offrono, in una logica espositiva caratterizzata da una fredda oggettività, inediti e interessanti spunti di riflessione sulla struttura economica dell'Italia di quel periodo. L'analisi ha come obiettivo quello di "fotografare" le condizioni della popolazione, lo stato delle attività, delle infrastrutture e la politica d'intervento pubblico, utilizzando il linguaggio di coloro che in qualche modo ne furono allo stesso tempo protagonisti e attenti osservatori. La guerra innescò meccanismi economici e sociali stereotipati, riscontrabili cioè anche a livello nazionale (sistema alimentare, commercio, mercato nero, disoccupazione).
Tuttavia, il quadro è meno omogeneo di quanto si possa pensare. In effetti, i rapporti dei Prefetti e delle forze dell'ordine, grazie alla mole delle notizie fornite, consentono di cogliere specifiche tipologie comportamentali di fronte ai problemi creati dal conflitto. Per esempio, la politica degli ammassi obbligatori, già fortemente osteggiata negli anni Trenta, fu ancora di più ostacolata e combattuta durante la guerra, quando la scarsità di grano e i prezzi politici imposti spinsero i contadini abruzzesi e molisani a contrastare in diversi modi il conferimento coatto, evidenziando in tale circostanza il loro profondo senso di diffidenza e di estraneità a progetti varati per obiettivi di benessere collettivo. I principali problemi economici e sociali dell'ultima fase del conflitto si ripresentarono nel dopoguerra, aggravati nel frattempo dai danni subiti dalla struttura industriale e dalla rete viaria.
Ne derivò che il Governo, sulla falsariga di quanto avveniva a livello nazionale, fu costretto a selezionare con difficoltà gli interventi, in modo da realizzare un programma in grado di garantire il riavvio parziale dell'economia della regione.

Natascia Ridolfi insegna Storia economica e Storia del turismo presso la Facoltà di Economia dell'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Chieti-Pescara. Si occupa prevalentemente di tematiche legate all'economia del Mezzogiorno in età contemporanea, con particolare attenzione alla realtà abruzzese e molisana. È autrice di diversi saggi sulla politica edilizia, sull'economia delle catastrofi e sulle istituzioni di assistenza.

Indice



Indice delle tabelle
Indice dei grafici
Abbreviazioni
Introduzione
(Il prefetto tra storia ed economia; Le fonti e i motivi della ricerca)
Il quadro generale
(La mobilitazione industriale; L'economia negli anni cruciali del conflitto; Il Paese alla fine della guerra; La prima fase del dopoguerra; La seconda fase del dopoguerra; Verso la stabilizzazione)
Gli anni del conflitto in Abruzzo e Molise
(Caduti, sfollati, profughi e reduci; Le condizioni di vita della popolazione; L'agricoltura; La politica degli ammassi; Il sistema alimentare; Il razionamento alimentare e i generi tesserati; Il commercio, i prezzi e il mercato nero; La disoccupazione; La ricostruzione alleata)
La difficile ripresa: gli anni 1946-1949
(La persistenza della politica degli ammassi; Le difficoltà del settore industriale; Un settore controcorrente: l'industria mineraria; La struttura portuale; La ricostruzione delle opere pubbliche; La riattivazione dei servizi pubblici; Le vie di comunicazione e i trasporti pubblici; Il commercio e i prezzi; I reati e il mercato nero; La disoccupazione)
I primi anni Cinquanta: cambiamenti e contraddizioni
(L'agricoltura tra arretratezza e modernizzazione; La ripresa del settore industriale; La crisi dell'industria mineraria; Il completamento del sistema portuale; Le opere pubbliche: una ricostruzione complessa; La disoccupazione e l'indigenza)
Conclusioni
Bibliografia
(Fonti archivistiche; Fonti a stampa; Letteratura).