Approccio pratico alla individuazione dei pericoli per gli addetti alla produzione ed alla manutenzione

Contributi
Franco Santini
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 288,   figg. 16,     1a edizione  2014   (Codice editore 100.821)

Approccio pratico alla individuazione dei pericoli per gli addetti alla produzione ed alla manutenzione
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 40,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820484064

In breve

Una guida pratica ideale per gli operatori di processo, gli addetti alla manutenzione e i supervisori che sono in prima linea negli impianti chimici e nelle raffinerie. Con le sue molteplici illustrazioni e istruzioni questo testo vi permetterà di riconoscere un’ampia gamma di pericoli e di adottare le misure appropriate per correggerli prima che diventino disastri.

Utili Link

Icp La sicurezza diventa scienza applicata (di A.Gobbi)… Vedi...
Manutenzione Recensione… Vedi...

Presentazione del volume

Questa guida pratica, con utili riferimenti, alla identificazione dei pericoli è ideale per gli operatori di processo, gli addetti alla manutenzione ed i supervisori che sono in prima linea negli impianti chimici e nelle raffinerie.
Essa, con le sue molteplici illustrazioni ed istruzioni passo dopo passo, vi permetterà di riconoscere una ampia gamma di pericoli e di adottare le misure appropriate per correggerli prima che diventino disastri.
Il volume inizia con un'introduzione che illustra come utilizzare al meglio questo libro e revisiona quindi i concetti base per l'identificazione dei pericoli. Successivamente vengono dettagliate le informazioni che dovete conoscere e i passi necessari per identificare ed eliminare i pericoli, con il più anticipo possibile, comprensivi di quanto segue:
* utilizzo dei sensi umani di base per identificare i pericoli;
* distinzione delle caratteristiche proprie delle differenti classi e categorie di pericoli;
* impiego di efficaci tecniche e metodologie per identificare e valutare i pericoli;
* valutazione del rischio ed assunzione di decisioni basate sul rischio;
* attuazione di un efficace e completo programma di gestione dei pericoli;
* apprendimento dall'esperienza.

I riferimenti bibliografici forniscono risorse aggiuntive ed informazione sulle singole tematiche.

IL CCPS (Center for Chemical Process Safety, Centro per la Sicurezza dei Processi Chimici) è stato fondato dall'AICHE (American Institute of Chemical Engineer) nel 1985 per studiare e sviluppare pratiche di ingegneria e gestione che aiutano a prevenire o mitigare gli incidenti catastrofici dovuti alla sicurezza di processo. Le pubblicazioni CCPS forniscono le linee guida più recenti per la produzione, stoccaggio e gestione di sostanze infiammabili, esplosive e reattive. Con il supporto del CCPS le società possono condurre in sicurezza gli impianti e confrontare le proprie pratiche con quelle più recenti adottate nell'industria.

Saverio Albanese, laurea in Ingegneria Elettrotecnica presso il Politecnico di Bari e Master di secondo livello in General Management presso il Politecnico di Milano (in collaborazione con SDA e Eni Corporate University). Inizia la sua carriera in Eni nel 1998 presso lo Stabilimento di Brindisi. Occupa posizioni di responsabilità crescente negli stabilimenti di Brindisi e Porto Marghera e nella sede di San Donato Milanese. È Responsabile Manutenzione e Gestione Materiali Tecnici di Versalis (Eni). È inoltre Vice presidente dell'Aiman (Associazione Italiana Manutenzione), Vice Presidente della Commissione Manutenzione dell'UNI e presidente del SC1. È membro dell'Advisory Board del TESEM del Politecnico di Milano. È collaboratore del Politecnico di Milano e dell'Università di Bergamo in qualità di docente del Master Executive in Gestione della Manutenzione Industriale. È coautore di norme sulla manutenzione in ambito europeo (CEN) e nazionale (UNI). Collabora con la rivista Manutenzione tecnica e management.

Domenico Barone, laureato in Ingegneria al Politecnico di Milano, dopo una pluriennale esperienza di progettazione, montaggio e manutenzione di impianti petrolchimici e relativi servizi ausiliari è stato responsabile di sicurezza, salute ed ambiente in società del Gruppo Eni. È stato successivamente direttore generale ed amministratore delegato di società di consulenza nel campo della sicurezza ed ambiente. Membro di associazioni professionali nel campo della sicurezza ed ambiente è stato docente di corsi sulla sicurezza dei processi, sulla affidabilità ed analisi di rischio presso centri di formazione, università ed aziende. Ha partecipato a gruppi di lavoro nel campo dei grandi rischi e sicurezza sia presso le istituzioni sia presso associazioni di categoria ed enti normativi. Ha pubblicato numerosi articoli sulla sicurezza, sulle analisi di rischio, sui sistemi di gestione della sicurezza e di prevenzione degli incidenti rilevanti ed è stato consulente scientifico per l'enciclopedia degli idrocarburi Eni - Treccani 2008.

Francesco Cangialosi, laureato in Ingegneria Elettrotecnica all'Università di Palermo. Ha lavorato in Aziende petrolchimiche del Gruppo Eni con funzioni di crescente responsabilità nella manutenzione, nella gestione dei materiali tecnici, nei servizi tecnici, nella direzione di stabilimento, in funzione centrale di Sede. È stato consulente di grandi aziende industriali, di processo e manifatturiere, per l'ottimizzazione dei processi di manutenzione. È stato Presidente dell'Aiman dal 2001 al 2005 e Vicepresidente; ne è Segretario generale dal 2009. È stato Direttore della rivista Manutenzione tecnica e management. È Presidente della Commissione Manutenzione dell'UNI. Opera come esperto nei gruppi di lavoro del CEN TC 319 Maintenance, che emette le norme europee sulla Manutenzione. È certificato CICPND/Accredia di Livello 3 (manager di Manutenzione).

Francesco Del Litto
, laureato a Napoli in Ingegneria Chimica ed autore di alcune pubblicazioni nel campo della combustione. Dipendente del gruppo Eni dal 1996 nel settore chimica di base e materie plastiche; ha lavorato come tecnologo di processo su impianti poliuretani e cloro e dal 1999 nel settore salute sicurezza e ambiente (HSE) a Brindisi. Dal 2007 è responsabile di Sicurezza di Versalis (Eni).

Bruno Frattini, nato a Volterra nel 1944, laureato in Ingegneria Chimica nel 1970 presso l'Università di Pisa, Ingegnere di processo, Responsabile di progetto, Responsabile di avviamento, Specialista di sicurezza di diversi impianti chimici con l'ANIC (Eni) dal 1970-79. Nel 1979-80 è Responsabile e Direttore Tecnico della società di ingegneria INGECO LAING. Dal 1985 Amministratore Unico e Direttore Tecnico della ICARO srl società di consulenza operante a livello nazionale ed internazionale in attività inerenti la Salute, la Sicurezza e l'Ambiente. Tra il 1980-1987 ha operato come Consulente per numerosi Enti Italiani ed Europei. Team Leader designato da UNECE per indagini di attuazione della Convenzione di Helsinki sugli effetti transfrontalieri di incidenti industriali in paesi dell'Europa e dell'Asia centrale (2008-2010). È Project Manager di progetti nei Balcani ed Asia centrale finanziati da istituzioni nazionali ed internazionali su tematiche ambientali (2000-10). Autore e co-autore di varie pubblicazioni inerenti i rischi per la sicurezza e la salute.

Indice

Domenico Barone, Francesco Cangialosi, Prefazione all'edizione italiana
Franco Santini,
Presentazione AIMAN
Prefazione all'originale inglese
Introduzione
(A chi è rivolto il libro; Come usare questo libro; Riferimenti bibliografici)
Concetti di base
(Pericolo e rischio; Modelli di incidente; Pericoli fisici e di processo; Benefici dell'individuazione dei pericoli; Tipi di pericoli per settore; Riferimenti bibliografici)
Individuare i pericoli
(Concetto di riconoscimento; I sensi umani; Rapporto tra i sensi e i processi di elaborazione degli ordini; Influenza delle capacità e limiti umani nella individuazione dei pericoli; Quali sono le cause di pericolo?; Riferimenti bibliografici)
Tipi di pericolo
(Pericoli di esplosione; Pericoli chimici; Pericoli elettrici; Pericoli nelle attività di scavo; Pericoli da asfissia; Pericoli di lavori in quota; Pericoli termici; Pericoli da vibrazione; Pericoli di guasto meccanico; Pericoli meccanici; Pericoli di corrosione; Pericoli del rumore; Pericoli da radiazioni; Pericoli di impatto; Pericoli d'urto; Pericoli da visibilità; Pericoli da fenomeni atmosferici; Riferimenti bibliografici)
Valutare i pericoli
(Indagini sul campo; Valutazioni pre-lavoro; Valutazioni dell'impianto; Rapporti di incidenti avvenuti e quasi-incidenti; Formazione dell'individuazione e all'analisi del pericolo; Riferimenti bibliografici)
Prendere decisioni in base ai rischi
(Classificazione del pericolo; Capire il rischio; Classificazione del rischio; Riferimenti bibliografici)
Attuare e intervenire
(Cultura della sicurezza; Impegno dei dirigenti; Padronanza dei dipendenti; Attuare un efficace programma di gestione del pericolo; Comunicare il pericolo; Intervenire; Riferimenti bibliografici)
Apprendimento e continuo miglioramento
(Case study - Incendio in una raffineria di petrolio, 2007; Importanza della gestione del cambiamento; Database di incidenti pubblicati ed altre risorse; Rivitalizzare le lezioni ricevute; Trasferire la conoscenza; Imparare dagli incidenti; Riferimenti bibliografici)
Glossario
Acronimi
Principale legislazione e normativa italiana per la tutela e salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro e per la prevenzione degli incidenti rilevanti
Gli autori.




Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access