Educatori e giovani protagonisti nel sociale

Un percorso per la prevenzione del disagio giovanile

Autori e curatori
Contributi
Michele La Rosa
Livello
Studi, ricerche. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 160,   figg. 3,     2a edizione  1997   (Codice editore 1130.32)

Educatori e giovani protagonisti nel sociale. Un percorso per la prevenzione del disagio giovanile
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820492441

Presentazione del volume

Di fronte ad alcuni drammi giovanili (dai suicidi alle `stragi del sabato sera', dalle tossicodipendenze alle violenze dei minori) 'noi adulti' non possiamo che interrogarci sul perché ciò avvenga, sul senso di tali fatti, sul come trovare risposte.

Questi indicatori del disagio giovanile possono essere interpretati anche come ricerca di comunicazione con il mondo degli adulti, che sembra distratto e poco capace di mettersi in sintonia con le nuove generazioni. Una ricerca di comunicazione che, attraverso il crescente impegno nel sociale dei giovani (nell'associazionismo e nel volontariato), può diventare anche disponibilità ad un coinvolgimento per migliorare il mondo costruito dagli adulti.

È' in una prospettiva di nuova alleanza fra giovani e adulti che il testo vuole dare valore e senso all'attività educativa.

Ci si pone in un'ottica in cui l'educazione va intesa soprattutto come pratica sociale e l'intervento nel sociale si caratterizza in senso educativo. II volume si propone di sviluppare un confronto ed un lavoro integrato tra diversi ruoli che svolgono importanti funzioni socio-educative (operatori sociali, insegnanti, volontari, responsabili di associazioni) per costruire insieme un linguaggio comune che possa stimolare un coinvolgimento ed una responsabilizzazione anche dei `non addetti ai lavori'.

A tal fine il percorso metodologico proposto, illustrato con stile `discorsivo', tenta di legare insieme elementi teorici (di approccio sociologico), con aspetti operativi (frutto di sperimentazioni nell'ambito dei servizi sociali) e con esemplificazioni pratiche (schede di possibili progetti).

II testo tende quindi a costruire un ponte simbolico tra il percorso metodologico individuato e i progetti educativi dei lettori, per essere protagonisti, con i giovani, nel sociale.

Walther Orsi, sociologo, è coordinatore dei Servizi sociali dell'azienda UslCittà di Bologna; docente di Politica dei servizi sociali alla Scuola per assistenti sociali dell'Università degli Studi di Verona; collaboratore del Dipartimento di sociologia, del Cidospel e della Scuola di specializzazione in sociologia sanitaria dell'Università degli Studi di Bologna. È' autore di diversi saggi relativi ai temi dei Servizi sociali e sanitari, fra gli altri: Disagio e devianza giovanile oggi - Per una pratica sociale innovativa, Angeli, 1990 (assieme a Silvia Battaglia).

Indice

Presentazione, di Michele La Rosa
Introduzione
1. Immagini e problemi dell'età evolutiva
1.1. Qualche titolo ... per andare oltre
1.2. La sofferenza e il disagio dei minori
1.3. La violenza, la devianza dei minori
1.4. Il male di vivere dei giovani
1.5. Il bisogno di comunicare dei giovani in una
società complessa
2. Ambiente
2.1. Cosa imparare per essere genitori?
2.2. Riscoprirsi genitore protagonista
2.3. Praticare la solidarietà. Ma come?
2.4. Un po' di tempo per i giovani
2.5. Si può prevenire il disagio giovanile?
2.6. Il Servizio Sociale e l'adolescenza: una "storia" tra bisogni e risorse
2.7. Non stanno attenti... non fanno i compiti... disturbano...
2.8. Un insegnante che dia senso all'ambiente in cui vivo
2.9. Un richiamo teorico
3. Sociale
3.1. Comunicare con i giovani: questo è il problema
3.2. Cogliere l'attimo del cambiamento
3.3. La centralità della persona
3.4. "Giovani anni '90"
3.5. Il giovane: un protagonista del "sociale"
3.6. Un richiamo teorico
4. Senso
4.1. I giovani e la ricerca di senso
4.2. Valori da costruire insieme giorno per giorno
4.3. L'unicità e l'originalità di ogni relazione
4.4. Non solo immagini e parole
4.5. Verso un rifiuto della delega in campo educativo
4.6. I giovani tra prestazione e relazione
4.7. Come i giovani ci insegnano a comunicare
4.8. Un richiamo teorico
5. La pratica sociale
5.1. E importante investire sui giovani
5.2. Dare rilevanza sociale all'intervento educativo
5.3. Come elaborare un'ipotesi di Pratica sociale
5.4. Le ulteriori fasi della Pratica sociale
5.5. Per riscoprire il valore sociale dell'educazione
6. I sensi di marcia
6.1. Educazione e responsabilità sociale degli adulti e dei giovani
6.2. La centralità dei ruoli socio - educativi
6.3. Dalle proposte metodologiche alle sperimentazioni dei lettori
6.4. Uno stimolo per inventare nuovi progetti socio - educativi
Appendice. Schede di possibili progetti