Setting e processi dissociativi

Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI
Autori/Curatori: Gianluigi Di Cesare, Fabrizio Alfani
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 47-48 Lingua: Italiano
Numero pagine: 17 P. 47-63 Dimensione file: 205 KB
DOI: 10.3280/JUN2018-047004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Viene presentato il caso di una giovane paziente con una grave sintomatologia dissociativa, in cura presso un Centro Pubblico di Salute Mentale. Vengono de-scritte le peculiari caratteristiche assunte dal setting nel corso del trattamento: oltre a frequentare quotidianamente il centro diurno, la paziente svolgeva una psicoterapia individuale che si è sdoppiata in due setting distinti. Prendendo spunto da questa peculiare forma di setting multiplo, vengono proposte alcune riflessioni sulla presenza, nella pratica professionale, di forme "larvate" di setting multiplo e sulla possibilità che tali condizioni possano essere, in alcuni casi, opportunità per far emergere zone cieche dell’analisi.

  1. Alfani F., Gullotta C. (2008). Trauma, complesso, dissociazione. Studi Junghiani, 27-28: 13-32. DOI: 10.3280/JUN2008-027002.
  2. Alfani F., Berruti G., Rogora C. (2016). Sul setting. Studi Junghiani, 43: 43-61. DOI: 10.3280/JUN2016-043003.
  3. Bass A. (2007): When the frame doesn’t fit the picture. Psychoanalytic Dialogues, 17, 1, 1-27. DOI: 10.1080/104888071301022.
  4. Bromberg Ph. (2011). The shadow of the tsunami and the growth of the relational mind. New York, London: Routledge (trad. it. L’ombra dello Tsunami. Milano: R. Cortina, 2012).
  5. Cavalli A. (2014). From affect to feelings and thoughts: from abuse to care and understanding. Journal of Analytical Psychology, 59, 1: 31-46. DOI: 10.1111/1468-5922.12053.
  6. Corradi M., Giannoni M. (2016). Il tempo e il luogo della cura. Una riflessione junghiana sul setting. Studi Junghiani, 43: 5-26. DOI: 10.3280/JUN2016-043001
  7. Chevalier J., Gheerbrant A. (1969). Dizionario dei simboli. Milano: Rizzoli, 1986.
  8. Fisher J. (2017). Healing the fragmented selves of trauma survivors. New York: Routledge (trad. it. Guarire la frammentazione del sé. Milano: R. Cortina, 2017).
  9. Frewen P., Lanius R. (2015). Healing the Traumatized Self. New York: Norton (trad. it. La cura del sé traumatizzato. Roma: Fioriti, 2017).
  10. Gabbard G. (1995). Boundaries and Boundary Violations in Psychoanalysis. New York: Basic Books (trad. it. Violazioni del setting. Milano: R. Cortina, 1999).
  11. Genovese C. (1988). Setting e processo psicanalitico. Milano: R. Cortina.
  12. Jung C.G (1928). Die Beziehungen zwischen dem Ich und dem Unbewussten (trad. it. L’Io e l’Inconscio. In: Opere, vol. 7. Torino: Boringhieri, 1983).
  13. Lingiardi V. (2008). Playing with Unreality: Transference and Computer. International Journal of Psychoanalysis, 89: 111-126. 014.x DOI: 10.1111/j.1745-8315.2007.00
  14. Liotti G. (2001). Le opere della coscienza. Milano: R. Cortina.
  15. Liotti G., Farina B. (2011). Sviluppi traumatici. Milano: R. Cortina.
  16. Neumann E. (1953). Zur Psychologie des Weiblichen. Düsseldorf: Patmos Verlag (trad. it. La psicologia del femminile. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 1975).
  17. Ogden Th. (2004). The analytic third: implications for analytic theory and technique. Psychoanalytic Quarterly, 73: 167-195. 0156.x DOI: 10.1002/j.2167-4086.2004.tb0
  18. Schore A. (2003). Affect Regulation and the repair of the Self. New York: Norton (trad. it. La regolazione degli affetti e la riparazione del sé. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 2008).
  19. Schwartz- Salant N. (1998). The Mystery of Human Relationship. London, New York: Routledge (trad. it. La Relazione. Milano: Vivarium, 2002).
  20. Steele K., Boon S., van der Hart O. (2017). Treating Trauma-related Dissociation. New York: Norton (trad. it. La cura della dissociazione traumatica. Milano: Mimesis, 2017).
  21. Van der Hart O., Nijenhuis E., Steele K. (2006). Fantasmi nel sé. Milano: R. Cortina, 2010).

Gianluigi Di Cesare, Fabrizio Alfani, Setting e processi dissociativi in "STUDI JUNGHIANI" 47-48/2018, pp 47-63, DOI: 10.3280/JUN2018-047004