Metodologia delle scienze umane, sezione di metodologia dell'associazione italiana di sociologia

Direzione: Alberto Marradi

Comitato Scientifico: Enrica Amaturo, Rita Bichi, Antonio Chiesi, Giovanni Di Franco, Antonio Fasanella, Alberto Marradi, Fabrizio Martire, Paolo Montesperelli, Paolo Parra Saiani, Juan Ignacio Piovani (Universidades Buenos Aires e La Plata), Maria Concetta Pitrone, Franco Rositi.

La collana è un punto d’arrivo e allo stesso tempo un punto di partenza delle riflessioni sul metodo entro l’ampio ventaglio delle scienze umane.
Come punto d’arrivo di una tradizione complessa e ricca di solidi sedimenti, la collana intende collocarsi sul versante dell’alta divulgazione e raggiungere non solo gli studenti e i docenti universitari, ma anche il pubblico crescente delle professioni interessate alle varie forme di trattamento delle informazioni.
Come punto di partenza, essa non mancherà di presentare in modo problematico quei settori della tradizione metodologica teoricamente incerti, o fondati su presupposti discutibili, o soggetti ad abusi applicativi; né trascurerà di suggerire nuove direzioni e orientamenti.
Il piano della collana prevede ora una cinquantina di volumi, programmati su un arco di tempo di circa dieci anni e affidati a studiosi di sociologia, psicologia, statistica, storiografia, economia e altre discipline: una enciclopedia per il consolidamento e lo sviluppo delle scienze umane.

(leggi tutto)

Collana Peer Reviewed

La ricerca ha estratto dal catalogo 29 titoli

Paolo Parra Saiani

Gli indicatori sociali

La povertà e il reddito, la longevità e l’istruzione… Il volume illustra come lo studio della società, nelle sue varie dimensioni, abbia dato impulso alla costruzione di tanti indicatori e indici, usati – spesso impropriamente – per stabilire il livello di progresso di una data società. Importante è quindi rendere palesi gli assunti che ne stanno alla base per poterne studiare l’affidabilità e usarli in modo appropriato.

cod. 1120.18

Dato per morto da tempo nell’ambito del dibattito accademico, questo libro mostra come nella pratica delle scienze sociali il behaviorismo sia in realtà ancora vivo e vegeto: esso ha lasciato molte tracce, fondendosi di volta in volta con gli approcci dominanti nelle varie discipline. Dopo aver ricostruito storicamente la nascita del movimento behaviorista, i suoi sviluppi in psicologia e le critiche mosse all’epoca da vari autori, l’autrice analizza in che modo tale approccio si sia radicato e quali forme abbia assunto nella pratica delle scienze sociali attuali.

cod. 1120.29

Giovanni Di Franco, Alberto Marradi

L'analisi bivariata

Con un linguaggio preciso ma privo di tecnicismi, il volume presenta le forme principali di analisi della relazione fra due variabili. Le tecniche e i relativi coefficienti sono illustrati attraverso la loro applicazione in esempi di ricerca, mettendo in evidenza pregi e difetti di ciascuna.

cod. 1120.28

L’autrice confronta le caratteristiche di una cinquantina di lavori riconosciuti come esperimenti in tre scienze umane (psicologia, sociologia, scienza politica) con i requisiti del metodo sperimentale secondo il modello classico ideato da Galileo e codificato da Torricelli.

cod. 1120.27

Serena Liani, Fabrizio Martire

Pretest.

Un approccio cognitivo

Il volume illustra l’intervista cognitiva, una tecnica di pretest dei questionari, oggi largamente affermata tra i ricercatori sociali. Le riflessioni e le ricerche sull’intervista cognitiva sono sempre presentate con spirito critico, al fine di mettere in luce le potenzialità e i limiti della tecnica.

cod. 1120.26

Il volume assume una chiara posizione gnoseologica in merito all’apprendimento, ai linguaggi verbali e iconici e alla ricerca sociale, presenta le principali tecniche di visualizzazione della conoscenza e le loro più recenti applicazioni – legate alla loro digitalizzazione, ma non solo – e offre un manuale tecnico-metodologico per l’uso di questi strumenti nella ricerca non standard, arricchendo ogni passaggio con esempi.

cod. 1120.25

Un’approfondita riflessione metodologica sulla tecnica di rilevazione dell’informazione del focus group, per esplorare quando è opportuno ricorrere a questa tecnica, quali obiettivi possono essere raggiunti applicandola, e come massimizzarne i vantaggi e minimizzarne gli svantaggi.

cod. 1120.16