Il mosaico e il progetto. Lavoro, imprese, regolazione nei distretti industriali della Toscana
Autori e curatori
Contributi
Giuliano Bianchi, Elena Calistri, Luca Casai, Luciano Fanti, Alessandro Innocenti, Sergio Pacini, Grazia Paoletti, Giancarlo Salerno, Franco Volpi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 400,   figg. 112,     1a edizione  1994   (Codice editore 765.17)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € ,00
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820481384

Presentazione del volume

Crisi e trasformazione si intrecciano nelle vicende dei distretti industriali toscani degli anni recenti. Il complesso mosaico costituito dal tessuto economico e sociale dei distretti industriali va perdendo l'originaria compattezza; solo un progetto consapevole e socialmente condiviso può favorire l'indispensabile riorganizzazione del modello distrettuale.

Mentre la "Terza Italia", quella della industrializzazione diffusa, si va scomponendo, lo sviluppo toscano vede entrare in crisi i meccanismi di aggiustamento reciproco tra le sue componenti principali.

In questo volume i distretti industriali toscani, assunti ad emblema della specificità dello sviluppo regionale, sono reinterpretati alla luce della trasformazione dei meccanismi della regolazione dello sviluppo. In particolare, si analizzano le imprese, poste al centro di contraddittorie sollecitazioni provenienti dall'internazionalizzazione dell'economia, il lavoro in quanto fattore strategico della crescita e della flessibilità espressa dal sistema produttivo, il contesto territoriale dei processi esaminati.

Studi di caso analizzano la situazione e le trasformazioni recenti delle maggiori aree distrettuali della Toscana: Prato, Santa Croce, la Valdelsa, l'Empolese.

Il quadro di insieme evidenzia la scelta che si pone davanti alla società toscana: recuperare le specificità di uno sviluppo basato sulla qualità, innestandovi una vigorosa capacità di riprogettazione organizzativa fondata su identità sociali forti; o, insieme ad un tentativo di tardiva omogeneizzazione ai modelli di sviluppo prevalenti, affrontare un dignitoso declino.

L'ottica del volume è funzionale all'individuazione dei caratteri di un nuovo patto sociale che rifondi una specifica identità sociale ed economica regionale, che incorpori nel modello l'innovazione continua (tecnologica, organizzativa e sociale) dei sistemi produttivi locali.

Franco Bortolotto è coordinatore scientifico di Ires Toscana: in tale veste ha svolto e coordinato numerose ricerche su casi di sviluppo locale, con particolare attenzione ai temi dell'innovazione e del lavoro.

Indice



Franco Volpi , Introduzione
Giuliano Bianchi , Tre e più Italie. Sistemi territoriali di piccola impresa e transizione post-industriale
Franco Bortolotti , Il modello distrettuale e lo sviluppo della Toscana
Elena Calistri , Mercato del lavoro e flessibilità nei distretti industriali
Franco Bortolotti, I distretti industriali toscani: l'identificazione territoriale ed economica
Franco Bortolotti, Luca Casai, Il Valdarno inferiore. Un distretto esemplare
Franco Bortolotti, L'Alta Valdelsa. La crescita dell'industria meccanica
FrancoBortolotti, Grazia Paletti, Giancarlo Salerno , L'Empolese Bassa Valdelsa. Un sistema distrettuale disarticolato
Luciano Fanti, Sergio Pacini, Evoluzione di un'area sistema a carattere distrettuale: imprese e mercato del lavoro nell'area pratese
Franco Bortolotti, Un distretto etnico? Le imprese cinesi della Via Pistoiese
Alessandro Innocenti, I distretti industriali: una categoria teorica da ripensare. Una riflessione sugli studi di caso.