I dottorati in discipline storiche

Titolo Rivista SOCIETÀ E STORIA
Autori/Curatori Maria Malatesta, Valentina Cappi
Anno di pubblicazione 2015 Fascicolo 2015/148 Lingua Italiano
Numero pagine 17 P. 355-371 Dimensione file 192 KB
DOI 10.3280/SS2015-148008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit. Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

Anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo si propone l’obiettivo di valutare gli effetti della legge di riforma (D.M. 45/2013) sui dottorati in discipline storiche. Il confronto tra i dati MIUR relativi ai dottorati post-riforma (XXIX e XXX ciclo) con i dati pregressi, a partire dal XIX ciclo, permette di evidenziare l’andamento generale della trasformazione dei dottorati da "nucleari" a "allargati" o multidisciplinari. Ne emerge un quadro tale per cui la diminuzione del numero dei dottorati in storia a causa degli accorpamenti, la creazione di dottorati dipartimentali legati ad un numero borse e la compressione di una grande varietà di saperi in contenitori onnicomprensivi si rivelano elementi penalizzanti per i dottorati di area 11 più che per tutte le altre aree. Il feedback dei dottorandi, intervistati nel corso dell’indagine, non giunge a risultati differenti: la perdita del confronto all’interno del settore di ricerca specifico e la scarsa efficacia dell’offerta didattica multidisciplinare fanno rimpiangere o desiderare scuole di dottorato tematiche. L’articolo conclude dunque con alcune proposte operative, dirette a invertire la rotta che sta portando i dottorati in discipline storiche ad una progressiva marginalizzazione all’interno delle discipline umanistiche, a loro volta sempre più indebolite dal confronto con quelle tecnico-scientifiche.;

Keywords:Dottorato; storia; Università; riforma.

  1. Geti P.L., Pavan G., Rossotti L. (2014), (S)valorizzazione del dottorato, in ADI – Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani (a cura di), Quarta indagine annuale ADI su dottorato e post-doc, Roma, 30 maggio 2014 (risorsa elettronica, <http://www.dottorato.it/adi/documenti- adi/658-quarta-indagine-annuale-adi-su-dottorato-e-post-doc> ultima consultazione 20 giugno 2015).
  2. Graziosi A. (2014), The Evaluation of PhD Courses – Materiali del Convegno Teaching and Research Evaluation in Europe, 4 dicembre 2014, (in corso di pubblicazione)
  3. Pozza G., Rossotti L. (2014), Il dottorato dopo la cura Gelmini e il Decreto sull’Accreditamento. Corsi, posizioni e borse, in ADI – Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani (a cura di), Quarta indagine annuale ADI su dottorato e post-doc, Roma, 30 maggio 2014 (risorsa elettronica, <http://www.dottorato.it/adi/documenti-adi/658-quarta-indagine-annuale-adi-sudottorato- e-post-doc> ultima consultazione 20 giugno 2015).

Maria Malatesta, Valentina Cappi, I dottorati in discipline storiche in "SOCIETÀ E STORIA " 148/2015, pp 355-371, DOI: 10.3280/SS2015-148008