Clicca qui per scaricare

Migration and work: the cohesive role of vocational training policies
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Lisa Sella, Elena Ragazzi 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Inglese 
Numero pagine:  22 P. 139-160 Dimensione file:  104 KB
DOI:  10.3280/MM2016-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Migration and work are truly connected notions in the European social model. Work is a pillar of active citizenship and a fundamental step in individuals’ self-construction. In such framework, vocational education and training (Vet) represent a twofold integration channel, combining both education and work paths. In Italy, the role of Vet is particularly important for first- and second-generation migrants, who are more likely to attend Vet courses than other education paths. However, Vet is commonly perceived like a segregation path, rather than like a port of entry to active citizenship and integration. The present work discusses the hypothesis of "subordinate integration"of migrants into the Italian Vet system. In particular, it examines the effectiveness of VT policies in fostering migrants’ employability. The results of a Cati survey on a representative sample of Piedmont VT students suggest no specific discrimination to the detriment of the immigrants. Moreover, Vet net impact proves to be significantly positive on migrants. Hence, immigrants’ participation to VT seems to denote a sort of "normalization strategy", rather than a subordinate integration scheme.

Immigrazione e lavoro sono concetti intimamente interconnessi nel modello sociale europeo. Il lavoro è un pilastro della cittadinanza attiva e un passaggio fondamentale nel consolidamento della personalità individuale. In questa cornice, il sistema di istruzione e formazione professionale (IeFP) rappresenta un duplice canale di integrazione, combinando istruzione e lavoro. In Italia il sistema IeFP assume un’importanza particolare per gli stranieri di prima e seconda generazione, che vi accedono più frequentemente rispetto ad altri percorsi educativi. Il sistema, però, è percepito come un percorso di segregazione, invece di un canale per la cittadinanza attiva e l’integrazione. Il presente lavoro discute l’ipotesi di "Integrazione subordinata" degli immigrati nell’IeFP. In particolare, si esamina l’efficacia delle politiche FP sull’occupabilità dei migranti. Il risultati di un’indagine Cati su un campione rappresentativo di studenti della FP non evidenzia particolari discriminazioni ad danni degli stranieri. Inoltre, l’analisi di impatto netto ravvisa un effetto positivo e significativo della formazione sui migranti. Pertanto, la partecipazione degli immigrati all’IeFP rappresenta una "strategia di normalizzazione", piuttosto che un modello di "integrazione subordinata".
Keywords: Immigrazione; lavoro; politiche formative; valutazione controfattuale; impatto netto; integrazione sul mercato del lavoro

  1. Cochran W. (1977). Sampling Techniques, III ed. New York: John Wiley & Sons.
  2. Antonelli G., Nosvelli M. (2002). Monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro per una “nuova economia”. Bologna: il Mulino. Ashenfelter O. and Card D., editors (1999). The Handbook of Labour Economics, vol. 3, Amsterdam: North-Holland.
  3. Avola M. (2013). Immigrazione, lavoro, crisi economica in una prospettiva territoriale. Mondi Migranti, 1: 55-78;, 10.3280/MM2013-001004DOI: 10.3280/MM2013-001004
  4. Barca F. (2009). An agenda for a reformed cohesion policy. A place-based approach to meeting European Union challenges and expectations, independent report prepared at the request of Danuta Hübner, Commissioner for Regional Policy.
  5. Battistin E., Rettore E. (2002). Testing for Programme Effects in a Regression Discontinuity Design. Journal of the Royal Statistical Society. Series A , 165, 1: 39-57;, 10.1111/1467-985X.0asp6DOI: 10.1111/1467-985X.0asp6
  6. Bell S., Orr L., Blomquist J., Cain G. (1995). Program Applicants as a Comparison Group in Evaluating Training Programs: Theory and a Test. Kalamazoo, MI: W.E. Upjohn Institute for Employment Research.
  7. Bellio R., Gori B. (2003). Impact Evaluation of Job Training Programs: Selection Bias in Multilevel Models. Journal of Applied Statistics, 30, 8: 893-907;, 10.1080/0266476032000075976DOI: 10.1080/0266476032000075976
  8. Benati I., Ragazzi E., Sella L. (2013). Valutare l’impatto della Formazione Professionale sull’inserimento lavorativo: lezioni da una ricerca in Regione Piemonte. Rassegna Italiana di Valutazione, XVI, 56-57: 26-47.
  9. Berliri C., Pappalardo C. (2001). La misurazione dell'impatto occupazionale dei programmi formativi. Testo disponibile al sito: http://www.lavoro.gov.it/NR/rdonlyres/49AEFE8C-46E6-46CB-920A-A340C39ECEAE/0/012_misurazione_impatto.pdf 24/10/2013.
  10. Berliri C., Bulgarelli A., Pappalardo C. (2002). Valutazione della qualità della formazione professionale attraverso la stima di occupabilità. Lavoro e Relazioni Industriali, 1: 25-54.
  11. Blangiardo G., editor (2011). L’immigrazione straniera in Lombardia. Milano: Osservatorio Regionale per l’Integrazione e la Multietnicità Regione Lombardia e Fondazione Ismu.
  12. Burtless G., Greenberg D. (2004). Evaluating Workforce Program Using Experimental Methods. 2004 National Workforce Investment Colloquium, Arlington, VA.
  13. Card D., Kluve J., Weber A. (2010) Active Labour Market Policy Evaluations: a Meta-Analysis. Economic Journal, 120: F452-77;, 10.1111/j.1468-0297.2010.02387.xDOI: 10.1111/j.1468-0297.2010.02387.x
  14. Centra M., Falorsi D. (2007). Strategie di campionamento per il monitoraggio e la valutazione delle politiche. Roma: Isfol.
  15. Cesareo V., Blangiardo G. (2009). Indici di integrazione. Un’indagine empirica sulla realtà migratoria italiana. Milano: FrancoAngeli.
  16. Cgd (2006). When Will We Ever Learn? Washington, DC: Center for Global Development.
  17. Ciravegna D., Favro-Paris M., Matto M., Ragazzi, E. (1995). La valutazione delle politiche attive del lavoro: esperienze a confronto. Torino: Utet. Cnel (2013). Indici di integrazione degli immigrati in Italia - IX rapporto. Testo disponibile al sito: http://www.cnel.it/29?shadow_ultimi_aggiornamenti=348414/03/14.
  18. De Fort E., Ivani M., Gatti G.L., Inaudi S., Gallo S., Musso S., Gobbo R., Martina P. (2011). Storia della formazione professionale dall’Unità d’Italia all’Unione Europea, Torino: Regione Piemonte e Dip. Storia Università di Torino.
  19. Falavigna G., Ragazzi E., Sella L. (2013). Parcours Formatifs et Entrée dans le Marché du Travail pour les Femmes. Analyse des Différences Homme-Femme dans le Cas des Politiques de Formation en Piémont, Working paper Cnr-Ceris, N. 13/2013.
  20. Falavigna G., Ragazzi E., Sella L. (2015). Gender inequalities and labour integration. An integrated approach to vocational training in Piedmont, Journal of Economic Policy, XXXI (1), 97-120.
  21. Friedlander D., Greenberg D.H., Robins P.K. (1997). Evaluating Government Training Programs for the Economically Disadvantaged. Journal of Economic Literature, 4: 1809-55.
  22. Fullin G. (2011). Tra disoccupazione e declassamento professionale. La condizione degli stranieri nel mercato del lavoro italiano. Mondi Migranti, 1: 195-228;, 10.3280/MM2011-001010DOI: 10.3280/MM2011-001010
  23. Grimm L.G. and Yarnold P.R., editors (2000). Reading and Understanding More Multivariate Statistics. Washington, DC: American Psychological Association.
  24. Heckman J.J. (1976). The Common Structure of Statistical Models of Truncation, Sample Selection, and Limited Dependent Variables and a Simple Estimator for Such Models. Annals of Economic and Social Measurement, 5, 4.
  25. Heckman J.L., Lalonde R.J., Smith J. (1999). The Economics and Econometrics of Active Labour Market Programs. In: Ashenfelter O. and Card D., editors, cit. Hollenbeck K. (2005). On the Use of Administrative Data for Workforce Development Program Evaluation. Eta Occasional Paper (2005-09).
  26. Hollenbeck K., Huang W.-J. (2003). Net Impact and Benefit-Cost Estimates of the Workforce Development System in Washington State. Upjohn Institute Technical Report (TR03-018).
  27. IReR (2006). Il ruolo del Fse nelle politiche formative regionali. Scenari per il 2006. Testo disponibile al sito: http://www.consiglio.regione.lombardia.it/ documents/38960/9400/ fondo+soc+europeo+sint+consiglio.pdf 24/10/2013.
  28. Irpet (2011). Valutazione di impatto degli interventi formativi per i disoccupati e gli inoccupati. Il caso della Toscana. Testo disponibile al sito: http://www.irpet.it /storage/pubblicazioneallegato/341_StudixConsiglio%207_11%20completo. pdf25/02/2014.
  29. Isfol (2003). Linee guida per la valutazione degli effetti occupazionali del Fondo sociale europeo 2000-2006. Roma: Isfol (Struttura nazionale valutazione Fse).
  30. Kelm L. (2000). Structural equation modeling. In: Grimm and Yarnold., ed., cit.
  31. Kluve J. (2010). The Effectiveness of European Active Labor Market Programs. Labor Economics, 17: 904-918.
  32. Lalla M., Fiorani G. (2004). Strategia di campionamento per l’indagine sulla valutazione dei corsi di formazione. Testo disponibile al sito: http://www.capp.unimo.it/pubbl/altrepubbl/archivio/LallaFioraniCampionamentoIsfol.pdf 24/02/2014.
  33. Lauro C., Ragazzi E. (2011). Sussidiarietà e... Istruzione e Formazione Professionale. Rapporto sulla Sussidiarietà 2010. Milano: Mondadori.
  34. Levy P., Lemeshow S. (2008). Sampling of Populations. Methods and Applications, Fourth edition. Hoboken: Wiley.
  35. McGregor A., Sutherland V and Metis (2012). Final Synthesis Report on Social Inclusion. Esf Expert Evaluation Network, European Commission. Testo disponibile al sito: http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=701&langId= it& internal_pagesId=619&moreDocuments=yes&tableName=INTERNAL_PAGES 24/02/2014.
  36. Martini A., Sisti M. (2009). Valutare il successo delle politiche pubbliche. Metodi e casi. Bologna: il Mulino.
  37. Melone P. (2008). La Piazza dei Mestieri e il contesto etnografico di riferimento. In: Ragazzi E., a cura di, cit.
  38. Ortolano I., Luatti L. (2007). «Il mio braccio destro»: percorsi di crescita professionale di lavoratori immigrati, Mondi Migranti, 7, 153-171;, 10.1400/81153DOI: 10.1400/81153
  39. Pecoraro M. (2011). Gender, brain waste and job-education mismatch among migrant workers in Switzerland, International Migration Paper No. 111, Ilo, Geneva.: http://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/---ed_protect/---protrav/---migrant/documents/ publication/wcms_179646.pdf24/ 02/2014.
  40. Ragazzi E., Sella L. (2013). L’efficacité des Politiques de Formation: Méthodes pour l’Évaluation de l’Impact. Working paper Cnr-Ceris, N. 14/2013.
  41. Ragazzi E., Sella L. (2011). L’assetto istituzionale della formazione professionale in Italia. In: Lauro C. e Ragazzi E., a cura di, cit.
  42. Ragazzi E., a cura di (2008). Perché nessuno si perda. Milano: Guerini.
  43. Ragazzi E., Nosvelli M., Sella L. (2012). Gli esiti occupazionali delle politiche formative in Piemonte – 1° rapporto annuale di placement 2011 – Indagine su qualificati e specializzati nell’anno 2010. Torino: Cnr Ceris Regione Piemonte.
  44. Ragazzi E., Benati I., Santanera E., Sella L. (2013). Gli esiti occupazionali delle politiche formative in Piemonte – 2° rapporto annuale di placement 2012 – Indagine su qualificati e specializzati nell’anno 2011. Regione Piemonte.
  45. Ricciardi G.M., (1999). Santi sociali in Piemonte. Cronache, volti e segreti della Chiesa dei poveri. Quaderni di Civiltà e Cultura Piemontese, Ivrea: Priuli e Verluca.
  46. Sella L. (2014). Enhancing Vocational Training Effectiveness Through Active Labour Market Policies. Procedia - Social and Behavioral Sciences, 141: 1140-44,, 10.1016/j.sbspro.2014.05.19DOI: 10.1016/j.sbspro.2014.05.19
  47. Sella L., Ragazzi E. (2013). Una Valutazione di Impatto delle Politiche Formative Regionali: il Caso Piemontese. AISRe – Associazione Italiana di Scienze Regionali.
  48. XXXIV Conferenza Annuale, 2-3 settembre 2013, Palermo (IT), Paper n. 4073. Also published as Working paper Cnr-Ceris, N. 15/2013. Sestito P. (2002). Il mercato del lavoro in Italia: com’è, come sta cambiando. Bari: Laterza.



  1. Rosanna Cataldo, Maria Gabriella Grassia, Natale Carlo Lauro, Elena Ragazzi, Lisa Sella, Data Science and Social Research pp. 249 (ISBN:978-3-319-55476-1)

Lisa Sella, Elena Ragazzi, Migrazioni e lavoro: il ruolo coesivo delle politiche formative in "MONDI MIGRANTI" 1/2016, pp. 139-160, DOI:10.3280/MM2016-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche